gianimisticafascista

Anno XI

venerdì, 5 marzo 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Sogni di una notte di mezza estate

martedì, 30 giugno 2020, 18:20

di aldo grandi

Qualcuno dirà, adesso, che abbiamo preso a leccare il culo a Mimmo D'Alessandro visto che sono già due volte che ci andiamo a cena. Eppure questa volta si tratta, realmente, di una casualità, nel senso che dovevamo trovarci in tre da Natale Nadal(e) Mancini con Mario Pardini e, all'ultimo momento, si sono uniti alla truppa sia il promoter del Summer Festival e il medico dermatologo Antonio Magliaro che, abbiamo scoperto, essere cugino di un nostro conoscente, Massimo Magliaro ex braccio destro di Giorgio Almirante da noi conosciuto durante la nostra ricerca per la biografia dell'ex segretario del movimento sociale italiano.

E che ci fanno, a cena, insieme, due napoletani, peraltro tifosi uno del Napoli e l'altro dell'Inter, con un bastardo originario di Firenze-Roma-Livorno-Lucca, un lucchese doc come Mario Pardini argentino d'adozione e due lucchesi, si fa per dire, cresciuti in quel di Cerasomma sulla via Vecchia per Pisa e quasi più pisani che lucchesi almeno topograficamente parlando?

A casa Mancini si sta bene, si mangia anche meglio, ci si rilassa e si dice e ascolta tutto quello che, altrove, è pressoché impossibile dire e ascoltare. O quasi. Peccato solo che non tutto si possa riportare. Il Mario Pardini, ad esempio, sembra la margherita da sfogliare un milione di volte: mi candido, non mi candido, mi candido e via di questo passo. Secondo noi ha le carte in regola per farlo, ma è ancora calato nel ruolo di presidente dei Comics e, a suo avviso giustamente, non vuole abbandonare la nave proprio in questo frangente post Covid così delicato, per non apparire un traditore.

Mimmo D'Alessandro non beve bollicine e non mangia crudo. E', in sostanza e anche nella forma, un vegetariano convinto. A noi che gli porgiamo il tagliere in legno con un salamino mignon dà dei matti quasi come non ci rendessimo conto di quello che stiamo facendo. La vicenda del rimborso dei biglietti del concerto di Paul Mc Cartney con i relativi voucher a disposizione, deve avergli tolto parecchio sonno. Nel 2022 Mc Cartney potrebbe tornare e appunto per questo D'Alessandro&Galli sono orientati a prendersi 18 mesi di attesa dopodiché salderanno pienamente il debito con denaro cash.

A tutti i presenti appare chiaro che il Summer Festival non è soltanto una opportunità per i famelici ristoratori di piazza Napoleone di fare quattrini a palate, ma anche una straordinaria occasione di pubblicità per la città di Lucca che, in questi venti anni, ha regalato alle orecchie di milioni di persone le melodie e le canzoni più belle dell'era contemporanea. 

Antonio Magliaro soffre perché l'Inter perde 1 a 0, ma, alla fine, gioirà per una vittoria maturata negli ultimi minuti. Mimmo ha fatto colpevolmente ritardare la cena per assistere alla sfida del Napoli con la Spal. Cosa ci sarà mai di bello nell'assistere ad una partita di calcio a porte chiuse? E' come tenere un concerto senza fan, una bestemmia.

Paola Granucci, la padrona di casa, è una persona che ci sa fare nell'accogliere le persone e metterle a proprio agio. E' lei che ha fondato Casamica ed è sempre lei che ha trasformato il ghetto di Chiasso Barletti in un luogo decente capace persino di spingere visitatori e turisti a consumare, all'aperto nell'angusta viuzza del centro, un aperitivo seduti a un tavolo. Non c'era mai riuscito nessuno.

Dicono che potrebbe essere una sorpresa per una eventuale e futura candidatura nella squadra di appoggio al candidato del centrodestra alle prossime amministrative. Lei non apre bocca, la apre, invece, il marito che si preoccupa per l'eventuale sua assenza dal lavoro nell'agenzia immobiliare.

Siamo tutti senza secondi fini, gli uni accanto agli altri a degustare o a divorare - è il nostro caso - i piatti che lo chef Mancini ci propone a cominciare da un delizioso risotto con barbabietole dell'orto e gorgonzola. Prima la Granucci ci aveva proposto delle fettunte all'olio e al pomodoro sempre dell'orto, oltre a bruschette provenienti dal pane della Gigliola di corso Garibaldi - roba da leccarsi i baffi e anche il pizzetto - con stracciatella di burrata e acciughe del mar Cantabrico che ora è diventato di moda e più famoso anche del Mediterraneo.

Nadal Mancini è a caccia del suo primo slam e ha in testa un paio di progetti da urlo. La notte dorme appena quattro ore se gli va bene, poi, si alza e progetta oltre a gettare il rame sulla sua vigna che, almeno per quest'anno, non darà frutti dovendo attendere, per il vino, l'anno prossimo. Pilota di aerei, sciatore provetto, amante del buongusto e del buon cibo, oltreché della bella vita, provvisto di una biblioteca non indifferente e di una cultura tutt'altro che scolastica, è una sorta di re Mida che tutto ciò che tocca trasforma in positività. Meglio, addirittura, dell'oro.

Mimmo D'Alessandro ha in serbo alcune sorprese per i lucchesi e per la edizione 2021 del Summer Festival. Spiega anche, però e Pardini, per i Comics, gli va dietro a ruota, che se anche il 2021 dovesse saltare come quest'anno, allora sarebbero cazzi amari e sia il primo sia i secondi chiuderebbero i battenti. Meglio non pensarci. Tutti, comunque, concordi, nel dire che a ottobre ci sarà da ridere o, molto più probabile, da piangere.

In questa sera di mezza estate il sogno che accomuna i commensali è quello, molto semplice, di poter vivere la propria vita e anche quella degli altri come è stata sempre vissuta. Le mascherine, a dirla sinceramente, hanno rotto i coglioni e anche tutto il resto. Qui, a forza di dare retta a infettivologi e virologi di turno, finirà che anche l'Italia diventerà come la ex Urss, un paese di parassiti dove ognuno è uguale all'altro e l'altro assolutamente la copia del primo. Altro che assistenzialismo, redditi statali, di emergenza e di cittadinanza. Aveva ragione Franco Piperno, docente di fisica e leader del Sessantotto in Potop: aveva pronosticato il reddito minimo per tutti: più soldi meno lavoro, lavorare meno, lavorare tutti. Altre cazzate... Andateglielo a dire ai cinesi.

Ormai questa Italia è divisa in due tra chi percepisce un reddito in quanto dipendente statale e chi, al contrario, il reddito se lo deve conquistare da sé giorno per giorno. E infiliamoci milioni di immigrati i quali, da vere risorse boldriniane, ci pagheranno la pensione nei secoli a venire.

Magliaro è sereno, mangia e ride, lui lavora alle Barbantine ed è un carissimo amico di Mimmo il quale, però e giustamente, si domanda come può un napoletano tifare Inter.

Mario Pardini è un politico tosto anche se, all'apparenza, può sembrare un po' troppo democristiano, ma attenti, perché fino a qualche decennio fa essere democristiani aveva non solo un senso, ma anche un significato e una importanza tutta propria. Lui ama l'Argentina ed è stato ad un passo dal restarci per sempre. Mah, a noi che stiamo bene sì, ma in casa nostra, ci sembra un po' esagerato. A fargliela conoscere, l'Argentina, è stato un comune amico, Jacopo Di Bugno, per noi un fratello e una persona estremamente intelligente che non trova mai posa.

Alle elezioni amministrative del 2022 pare che la sinistra abbia intenzione di presentarsi con Francesco Raspini, allievo di Tambellini e già al lavoro per la sua candidatura. Si avverte, netta, la sensazione che qualcosa debba cambiare e non certo perché tutto resti com'è. La città viaggia a velocità da lumaca e all'orizzonte non c'è niente di nuovo, proprio come nel romanzo di Erich Maria Remarque.

A proposito, Mimmo D'Alessandro non deve esserci rimasto bene nell'accorgersi che in pochi, pochissimi, si sono espressi a favore della sua manifestazione all'indomani della vicenda legata alla mancata esibizione dell'ex Beatles. Forse si aspettava una presa di posizione pubblica da parte di qualcuno, magari dal sindaco medesimo che, però, si è ben guardato dall'aprire bocca. In compenso la bocca e anche la penna le ha aperte Andrea Colombini che non le ha certamente mandate a dire.

Da dire, tuttavia, che per Colombini tirare al Mimmo D'Alessandro non è cosa nuova, tutt'altro, mentre per alcuni è stata la prima volta e il Nostro non pare aver gradito. A dirla tutta sembra, addirittura, che fino al lockdown, l'Iphone del fondatore del Lucca Summer Festival suonasse all'impazzata mentre, dopo e negli ultimi tempi, è rimasto spesso muto. A proposito, il primo concerto in assoluto che dovrebbe essere tenuto per conto della D'Alessandro&Galli quando si riaprirà la stagione degli spettacoli all'aperto, ossia fra un anno, sarà quello con Eric Clapton. E scusate se è poco.

Sappiamo che Lucca non è stata grata né gentile nemmeno con  Puccini, figuriamoci con D'Alessandro o chiunque altro. Questa è una città dove lo sport maggiormente praticato è godere delle disgrazie degli altri, una disciplina in cui i lucchesi eccellono da sempre. E pensare che non ne avrebbero nemmeno le ragioni possedendo una capacità-caparbietà-laboriosità-industriosità-determinazione pressoché straordinarie.

Noi che al tavolo abbiamo bissato il risotto ed evitato, per non ingrassare ancora di più, l'uovo al pomodoro che è una delizia, ascoltiamo non in religioso silenzio, ma stimolando risposte e prese di posizione. Il Pardini è peggio di una volpe infilatasi in un buco e cacciata da una muta di cani. Ci pensa bene prima di uscire allo scoperto anche se sa che, prima o poi, dovrà farlo se vuole provare a fuggire.

In mezzo all'arena sbuca il nome di Francesca Chiocchetti e tutti, salvo noi che non la conosciamo, sono pronti a scommettere che sarebbe un pezzo da novanta per il futuro di Lucca e del centrodestra. Chiocchetti ci fa venire in mente l'amico Frediano, persona squisita e concessionario Rolex in Fillungo. Infatti è sua nipote. Il cognome è una garanzia di serietà e di affidabilità.

Nadal ha un cane femmina di nome Bella che ha il brutto difetto di tentare di addentare i glutei dei visitatori e noi abbiamo già sperimentato questa sua passione. Fortuna che avevamo un paio di jeans. La prima volta che, anni fa, un altro cane ci addentò le chiappe, eravamo a Sorbanello e indossavamo una tenuta da podista. La denuncia al padrone del cane ci fruttò il primo Rolex di una lunga serie. Fortunato l'amico Nadal: se avessimo saputo dei gusti di Bella, saremmo venuti direttamente in... costume vista anche la presenza di una bella e invitante piscina. 

Video Sogni di una notte di mezza estate


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

toscano

auditerigi

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


martedì, 2 marzo 2021, 15:55

Misurazioni gratuite della pressione oculare grazie all'UICI Lucca

Accendiamo i riflettori sul glaucoma: dall'8 al 14 marzo si terrà la settimana dedicata alla prevenzione e all'informazione su una malattia degenerativa che, solo in Italia, colpisce oltre un milione di persone, la metà delle quali non è neppure consapevole di esserne affetta


mercoledì, 24 febbraio 2021, 19:41

A tre anni dalla scomparsa, si ricorda l'artista lucchese Marzio Tinti

A tre anni dalla scomparsa avvenuta il 26 febbraio 2018, venerdì prossimo si vuole ricordare la figura dell'artista lucchese, scultore e pittore Marzio Tinti di cui le sue opere sono state esposte in molte gallerie italiane ed estere e risultano anche in collezioni private di tutto il mondo, inoltre è...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 23 febbraio 2021, 17:42

La scuola al tempo della pandemia

È Luigi Lippi, dirigente scolastico presso l’I.S.I.S.S. della Piana di Lucca, il protagonista della web conference organizzata dal Centro di Cultura per lo Sviluppo di Lucca prevista alle ore 18:00 di venerdì 26 febbraio. Si intitola “Rischi sanitari e rischi educativi: un confronto in corso d’opera”, e le tematiche trattate...


giovedì, 18 febbraio 2021, 16:59

Anpana porta a spasso i cani di chi è in quarantena o positivo

Continua, a pieno ritmo, il progetto "Zamp-eggiando con il tuo cane" ideato da Anpana Lucca per supportare le persone/famiglie positive o in quarantena, senza una rete parentale, che non hanno possibilità di portare fuori a spasso il proprio cane


giovedì, 18 febbraio 2021, 16:05

Al via "I venerdì del noi": alle 21 ogni venerdì di Quaresima

Con la Quaresima, a fianco delle proposte delle parrocchie e dei sussidi degli Uffici Pastorali a disposizione sul sito della diocesi, prendono il via anche gli incontri online intitolati «I venerdì del noi», con l’arcivescovo Paolo Giulietti, vari relatori e testimonianze missionarie


mercoledì, 17 febbraio 2021, 23:06

Il Tirreno 'copia' l'articolo della Gazzetta e poi ci scrive anche 'Riproduzione riservata'

Che soddisfazione gente: un giornale storico e prestigioso come il quotidiano livornese ha preso un articolo pubblicato giorni fa da Valter Nieri e lo ha riproposto usando le stesse frasi e le medesime considerazioni