Anno XI

domenica, 5 dicembre 2021 - Giornale non vaccinato

Facebook Twitter YouTube

L'evento

Duecento anni dalla nascita di Eugenio Barsanti: un convegno celebra l'inventore lucchese

lunedì, 11 ottobre 2021, 13:45

Sono passati duecento anni dal 12 ottobre del 1821, quando, a Pietrasanta, nasceva Eugenio Barsanti, inventore insieme a Felice Matteucci di quella che fu, a buon titolo, una vera e propria rivoluzione: il motore a scoppio.

Per celebrare il bicentenario della nascita di Eugenio Barsanti, la Fondazione  Barsanti e Matteucci, insieme con Automobile Club di Lucca, Provincia di Lucca e Comune di Lucca, ha organizzato una giornata celebrativa dal titolo "Barsanti e Matteucci e il motore a scoppio: ieri, oggi e domani". L'appuntamento è per sabato 27 novembre, a partire dalle 9.30, a Palazzo Ducale, con il convegno che racconterà il lungo percorso che dal motore a scoppio ha portato alle nuove vetture, elettriche e a idrogeno, arricchito dall'esposizione di affascinanti e prestigiose auto d'epoca. La partecipazione alla giornata è libera, salvo il rispetto delle vigenti prescrizioni anti-covid.
Barsanti, scienziato e fisico, ebbe la felice intuizione del motore a scoppio durante una lezione. Mostrando ai suoi studenti il funzionamento della pistola di Volta, fu colpito da un'illuminazione: l'esplosione di una miscela gassosa provocata da una scintilla elettrica poteva essere impiegata come forza motrice. Nacque quindi nel 1851 la collaborazione con Felice Matteucci, anch'egli lucchese, specializzato in meccanica. Mesi, anni di intensi studi ed esperimenti per dimostrare che sì, la forza esplosiva poteva essere trasformata in un moto regolare, successivo, uniforme. La conquista arrivò nel 1853, con la costruzione del primo prototipo di motore, riconosciuto l'anno seguente da una certificazione inglese e quattro anni dopo, nel 1957, con il brevetto, sempre di origine anglosassone, per il motore a stantuffo ausiliario.
Ed è qui che la storia del motore a scoppio di Barsanti e Matteucci interrompe la sua corsa e si colora di tinte fosche. Barsanti muore improvvisamente nel 1863, proprio nel momento in cui sarebbe dovuta partire la produzione dei motori su larga scala. Per Matteucci, colpito da frequenti esaurimenti nervosi, non fu possibile proseguire da solo: nonostante le certificazioni e i brevetti, i due lucchesi non ottennero mai la paternità dell'invenzione del motore a scoppio, a lungo attribuita esclusivamente ai tedeschi Otto e Langen. Il motore germanico, infatti, apparve nel 1867 all'Esposizione Universale di Parigi, ottenendo il primo premio: un motore che non era altro che la versione senza stantuffo presentata nel 1858 dai due lucchesi. Sarà necessario attendere gli anni Duemila, quando il Deutches Museum di Monaco riconobbe, finalmente, e grazie all'intenso lavoro della Fondazione Barsanti e Matteucci, che davvero il primo motore a scoppio a combustione interna a tre tempi è quello lucchese. Il modello del motore è tuttora esposto nella sede della Fondazione, in via S.Andrea 58, a Lucca.

La Fondazione è molto attiva nella divulgazione dell'opera dei due scienziati al pubblico di visitatori e ai tanti studenti che visitano l'esposizione, attualmente in fase di riallestimento. «Poter parlare oggi di un motore a scoppio lucchese - commenta la presidente della Fondazione Barsanti e Matteucci, Maria Luisa Beconcini - è possibile grazie al grande, grandissimo lavoro compiuto dai miei predecessori. È grazie a loro, infatti, che è stata riaperta la discussione sulla paternità di questa invenzione: fin dai primi anni della sua attività, la Fondazione Barsanti e Matteucci di Lucca ha promosso numerose iniziative, siamo partiti dalla raccolta di documenti e dalla loro traduzione in inglese e in tedesco, in modo da poterli presentare alla comunità scientifica internazionale e arrivare con più facilità a dimostrare le nostre teorie. Oggi la Fondazione si pone come obiettivo la valorizzazione di questo percorso per far conoscere al grande pubblico quella che, davvero, è stata una rivoluzione indispensabile per l'era moderna».

Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito www.fondazionebarsantiematteucci.it.


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in L'evento


venerdì, 3 dicembre 2021, 16:04

Al Casone arriva la neve ed è subito... magia

La stagione invernale sembra essere partita sotto i migliori auspici per il centro turistico “Il Casone” al Casone di Profecchia. A breve saranno così attivi gli impianti sciistici, per la gioia di grandi e piccini


mercoledì, 1 dicembre 2021, 20:10

Marmi Blasonati, conoscere Lucca attraverso stemmi ed emblemi​

Protagonisti del libro la cui presentazione è in programma venerdì 3 dicembre presso la Cappella Guinigi IMT a Lucca alle ore 17 sono gli stemmi e gli emblemi che numerosi decorano portali e facciate di palazzi ed edifici nel centro storico di Lucca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 1 dicembre 2021, 09:04

Babbo Natale al Parco Serbacco di San Martino in Freddana

Il villaggio di Babbo Natale, percorso a piedi tra bracieri e tipiche casine innevate, cascate illuminate, gnomi, elfi e Babbo Natale in carne ed ossa. Tanti animali veri del villaggio come pony, caprette, il gregge di pecore con l’ultima nata da poco, pavoni, conigli, papere, asinelli nani, e poi spettacoli...


martedì, 30 novembre 2021, 15:39

Onore al milite ignoto

La citta di Lucca, unitamente ai Lions ed alle associazioni d'arma, rendono gli onori al milite ignoto, con l'apposizione di una targa


venerdì, 26 novembre 2021, 14:48

A Lucca arriva ScuolaZoo!

Ecco alcune foto della tappa del tour nazionale #Riciclalo di ScuolaZoo che si è tenuta oggi a Lucca. Cos'è #Riciclalo? E' una iniziativa di ScuolaZoo che invita gli studenti a riciclare la carta


giovedì, 25 novembre 2021, 19:14

Lucca: una rete integrata per prevenire e contrastare la violenza di genere

Un presidio per presentare le iniziative organizzate - insieme ad enti, associazioni e forze dell’ordine - per sensibilizzare la cittadinanza contro la violenza di genere