Anno 5°

domenica, 19 novembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'interSVISTA

Federica Angeli, il ritorno

giovedì, 25 maggio 2017, 17:29

di aldo grandi

Federica Angeli le è stato appena assegnato il premio giornalistico Arrigo Benedetti a Barga. 

Sì, è vero, nella categoria giovani cronisti e la cosa che mi fa più piacere è essere stata inserita tra i giovani. Lo dico con ironia, ma mi fa veramente molto piacere.

Ma lei è giovane, anche per l'anagrafe.

Diciamo che sono giovane dentro.

Un'altra occasione per tornare da queste parti...

E la cosa mi fa veramente piacere. Il convegno organizzato dalla Gazzetta, evidetemente, mi ha portato fortuna.

Ora che è rientrata a Roma, che cosa ha trovato ad aspettarla?

Ho trovato ad aspettarmi la solita quotidianità, le mie solite inchieste, niente di nuovo. Sono tornata sicuramente più ricca emotivamente.

A cosa sta lavorando se si può dire?

Sto lavorando a una inchiesta, sempre sulla criminalità organizzata, ma non a Ostia bensì in un altro quartiere difficile di Roma e una gola profonda del quartiere mi ha detto che, ormai, i criminali devono stare arttenti a fare le cose per bene perché rischiano di essere scoperti da me ancora prima che dalle forze dell'ordine e la cosa mi ha fatto sorridere.

Ma lei non stacca mai?

No. Un cronista non stacca veramente mai, anche nel suo tempo libero può notare un dettaglio che lo riporta alla sua professione e lei ne sa qualcosa.

Una giornalista come lei ha ferie?

Sì certo, come tutti, è difficile staccare, ma lo faccio per la mia famiglia.

E dove va, in genere, una cronista sotto scorta con figli e marito al seguito?

Purtroppo una delle regole è non dire dove si va in ferie, ma non perché vado chissà dove, ma perché è una delle regole. Posso solo dire che le mie vacanze sono normalissime come quelle di una qualsiasi persona, quindi amo molto il mare.

I suoi colleghi e le sue colleghe li ha ritrovati un po' più buoni di prima?

Li ho ritrovati. Difficile che cambino in dieci giorni.

Magari sperano che cambi lei...

E' più facile cambino loro rispetto a me, ma va bene così, basta capire, una volta che si comprende come è l'andazzo, va bene così.

Lei abita a Ostia. Roma, alla luce di quello che sentiamo, fa veramente schifo.

Confermo.

Non ci dica che, adesso, perfino Ostia è meglio?

Beh sì, direi di sì, quantomeno ci sono i riflettori accesi e, almeno per salvare l'apparenza, qualcosa si sta facendo. A Roma, invece, c'è un immobilismo che fa paura.

Abbiamo notato che il suo giornale, dopo essere stato sdraiato lungo la linea renziana, si è un po' svegliato e ha cominciato a strizzare l'occhio ai Cinque Stelle. Impressione o verità?

Posso dire che per quanto riguarda me e gli articoli che propongo, non ho mai ricevuto indicazioni su come scriverli qualsiasi forza politica fosse coinvolta in qualunque inchiesta mi sia occupata. Dal mio punto di vista è sempre uguale, almeno per la libertà che si lascia ai cronisti di nera e giudiziaria sul come raccontare le cose.

Lei verrà premiata il 31 maggio a Barga. Mai stata in Garfagnana?

Mai, è la prima volta in vita mia.

Sa che Barga è il feudo del senatore Pd Andrea Marcucci?

Che gioia.

Comunque le possiamo dire che la città è bellissima e che si mangia molto bene.

Malgrado il senatore?

Sì, lui non si occupa di enogastronomia anche se ha una tenuta splendida che sicuramente conoscerà ossia il Ciocco di Castelvecchio Pascoli. Sa che la vogliono anche in Versilia?

Possiamo dire, allora, che la Toscana è con me.

Le aggiungo che Roberto Santini, titolare del Bagno Piero a Forte dei Marmi, avrebbe piacere di averla ospite una giornata al mare.

E sarà un vero piacere. Lo avevo promesso e onorare questa promessa sarà un onore oltre che un piacere. 

Al Forte e a Marina di Petrasanta le spiagge sono gestite in maniera diversa rispetto a Ostia. Qui ci sono le tende, niente ombrelloni e al centro c'è il vuoto così da permettere il massimo della riservatezza.

Non mi troverò di fronte un lungo muro quindi.

Cosa intende per lungo muro?

E' il lungomare di Ostia, quello fatto di strutture che impediscono la vista del mare.

Federica sta scrivendo un libro?

No, in questo momento no. Me lo hanno chiesto diverse case editrici, ma sono in un periodo di pausa rispetto ai libri. Mi sto dedicando molto alla mia professione dic ronista.

Non è un po' come una droga questa sorta di vita così adrenalitica?

Assolutamente sì. E dà anche dipendenza. 

Sa che molti lettori, dopo averla vista a Lucca, si sono domandati come riesce a far coesistere tutto quello che fa in 24 ore al giorno?

Lo sa che me lo chiedo anche io? Scherzi a parte penso che quando c'è la passione a muoverti, e io ne ho ancora tanta, non si avverte la fatica.

Si è imbattuta a Roma o a Ostia in una criminalità legata in qualche modo all'Islam?

So, per inchieste della procura, che delle basi logistiche sono nell'hinterland di Roma, ma sul campo è una inchiesta che non ho ancora battuto e non è detto che non sia prossima a farne una in maniera non superficiale, anche se con la scorta sarà difficile infiltrarmi. 

Piuttosto per il fatto che è una donna e, ormai, conosciutissima.

Beh anche questo ha avuto delle ripercussioni in negativo sul fatto di riuscire a infiltrarsi. Tuttavia il risvolto positivo è che, ormai, nell'ambiente si sa come lavoro. Anche la mala sa e che non mi interessa tradire la persona e fare il nome anche perché deontologicamente abbiamo il dovere di corprire le fonti. E che mi interessa solamente raccontare la realtà.

Quindi lei sta dicendo che se un domani dovesse venire a contatto con una cellula dell'Isis impegnata a preparare un eventuale attentato, si guarderà bene dal denunciarlo?

Attraverso la mia inchiesta sicuramente sì, ma per gli arresti ci sono le forze dell'ordine.

Capita qualche volta che, al lavoro, si annoi?

No, sinceramente mai. 

Nemmeno quando deve fare, se fa, desk?

No perché, comunque, è un'altra faccia derl mio lavoro. Però è ovvio che preferiscio stare sul campo e in strada. E lì non mi annoio veramente mai.

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



Orti di Elisa


Osteria Il Manzo


il casone


prenota


prenota


prenota


Altri articoli in L'interSVISTA


top speed autolavaggio


martedì, 24 ottobre 2017, 22:14

Stefano Michelini ovvero il senso della vita Unplugged

"Perché la vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia". Sulla scia di Vasco Rossi, Stefano Michelini, psichiatra e Paolo Bonolis, uomo di spettacolo, accomunati da una ricerca interiore sul senso della vita e dintorni, un percorso non facile e irto di interrogativi ai...


martedì, 12 settembre 2017, 09:22

Luigi Ciatti, un lungo viaggio attraverso la morte di un figlio: "Nel mio cuore non c'è spazio per il perdono"

Nel trigesimo della morte di suo figlio Niccolò, ucciso come un cane a Lloret de Mar da tre ragazzi ceceni, Luigi Ciatti ripercorre come non aveva mai fatto prima la tragedia che il 12 agosto gli ha sconvolto la vita


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 24 agosto 2017, 17:36

Lorenzo Fazio, l'editore del pensiero libero

Lungo la strada che lo ha condotto in terra lucana, Lorenzo Fazio, direttore editoriale di Chiarelettere, una delle case editrici più prestigiose per il contenuto dei suoi libri, si è fermato a Lucca e, a cena, agli Orti di Via Elisa.


domenica, 13 agosto 2017, 01:51

Daniela Santanchè, la tigre della Versilia

Una volta era la pitonessa, oggi Daniela Santanchè è più una tigre che non ci sta a subìre e i suoi artigli, quando graffiano, fanno male: dalla Versilia dove trascorre le vacanze con la famiglia e il compagno Dimitri D'Asburgo Lorena, ne ha per tutti, giornalisti e giornaliste compresi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 1 agosto 2017, 03:02

Se questo è un uomo

Professore di diritto ed economia da oltre 30 anni, Pietro Marinelli è stato sospeso e 'derubato' di una settimana di stipendio, 400 euro circa, dalla preside del suo istituto a Corsico (Milano) Maria Vittoria Amantea, per aver manifestato in aula il proprio pensiero sull'Islam ad una studentessa egiziana che lo...


mercoledì, 28 giugno 2017, 17:19

L'avvelenata di Remo Santini: "Sono stato contattato da Remaschi e Pagliaro prima del ballottaggio"

A distanza di pochi giorni dal voto, il candidato sconfitto di SìAmo Lucca si toglie i sassolini dalle scarpe e denuncia alcuni episodi sconcertanti con protagonisti candidati e rappresentanti del Pd


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px