Anno XI

mercoledì, 20 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

L'interSVISTA

La psicoterapeuta Giuliani lancia l'allarme: "Un altro lockdown sarebbe devastante per molte persone"

martedì, 20 ottobre 2020, 13:03

di aldo grandi - chiara bernardini

I ricordi di marzo sono indelebili, le conseguenze, però, ancora tangibili. Il terrore che tutto possa ricominciare è palpabile, viviamo appesi a un filo sul quale è necessario trovare il punto di equilibrio per non cadere giù. Ci sono aspetti di cui si parla poco, quotidianamente ci soffermiamo sulle regole da seguire, sugli aggiornamenti dei dati, sui decessi e le terapie intensive. Tutto giusto, purché questo non diventi un’ossessione, purché la paura del Covid-19 non si trasformi in qualcosa di peggiore del virus stesso.

A raccontarlo, oggi, è la dottoressa Manuela Giuliani, presidente responsabile del centro clinico Das di Lucca sulla via Sarzanese a S. Anna.

È una psicoterapeuta sistemico relazionale e ogni giorno affronta, insieme alla sua équipe, gli effetti che il Coronavirus ha avuto e sta avendo sulle persone.

Dottoressa Giuliani, lei è costantemente a contatto con gli altri. Ha notato, sia durante che dopo il lockdown, conseguenze psicologiche importanti?

Assolutamente e purtroppo sì. Nel periodo di lockdown in molte persone è insorto un disturbo acuto da stress la cui trascuratezza ha avuto effetti disarmanti. Abbiamo lavorato duramente affinché i nostri pazienti riuscissero a comprendere ciò che stava accadendo senza lasciarsi assuefare, in alcuni casi non è stato sufficiente. Ancora oggi stiamo cercando di combattere le conseguenze che quel periodo ha portato con sé, tra le più comuni ci sono l’insonnia, i problemi alimentari e i disturbi post traumatici da stress.

Oggi sembra di rivivere i giorni che hanno preceduto il periodo di chiusura forzata del nostro Paese, cosa accadrebbe se dovesse ricominciare tutto da capo?

Io le posso dire cosa avverrebbe nel mio campo, ovvero nella mente delle persone. Probabilmente molti, che ancora stanno cercando di superare i traumi lasciati dal primo lockdown, non riuscirebbero a reagire. È una situazione che mi preoccupa molto, ma credo che ci sia qualcosa di sbagliato in tutto questo: il linguaggio.

In che senso?

Beh, sembra che il Covid-19 si sia impossessato di noi. Non intendo soltanto la malattia in senso stretto, ma tutto ciò che gira intorno ad essa. Molti dei pazienti che ascolto, ma anche semplicemente osservando i passanti, sembra che si siano dimenticati che esista una vita al di fuori del Covid. Che un futuro è possibile e questo senso di impotenza rende le persone stressate aumentando così i disturbi psicosomatici. Per questo dico che un altro lockdown sarebbe davvero rischioso sotto l’aspetto psicologico.

Entrando più nei particolari, sarebbe possibile sapere come si manifestano i disturbi di cui ci sta parlando?

Sono ovviamente differenti da individuo a individuo, ma una cosa li collega tutti: la paura. È da questa emozione che poi arriva il resto, riuscire a darle un volto spesso può aiutare. Mi rendo conto, però, che nel mondo in cui viviamo oggi sia impossibile. La paura del Covid è difficile da identificare e di conseguenza da affrontare: questo può portare a conseguenze drastiche, dall’ansia, all’insonnia - come ho già accennato - fino ad arrivare a dei veri e propri attentati alla vita. Siamo animali sociali, abbiamo bisogno di interagire, di vedere l’interlocutore negli occhi, di toccarlo e abbracciarlo. In assenza di questi aspetti l’uomo ha crolli emotivi inevitabili.

A proposito di incontrare le persone, l’ultima ordinanza emanata dal presidente regionale Eugenio Giani prevede il divieto di fare visita ai parenti nelle Rsa, questo potrebbe avere ulteriori conseguenze?

Ovviamente se le regole sono queste vanno rispettate, però abbiamo già assistito a uno scenario del genere e ci sono state diverse ripercussioni psicologiche. Togliere l’affetto è un danno enorme. Un’ultima ricerca del Censis conferma che l’aspetto più importante per gli anziani sia dato proprio dalle relazioni, le quali inconsciamente trasmettono benessere mentale che si trasforma inevitabilmente in quello fisico e relazionale. Il problema è che all’interno di queste residenze sanitarie mancano gli psicologi e i dottori specializzati negli ambiti di cui stiamo adesso parlando e questo comporta una grave sofferenza per gli assistiti.

Oltre che medico, lei insegna anche. Cosa pensa della didattica a distanza, sempre sotto un aspetto psicologico ovviamente?

Questo è un argomento a cui tengo moltissimo. Insegno psicologia all’università di Pisa alla facoltà di infermieristica e posso dire che avere degli alunni al di là di uno schermo è complicatissimo, se non impossibile. L’attenzione cala per forza di cose, inoltre non si percepisce la presenza dell’altro, manca il linguaggio - sia verbale che non verbale. La scuola non è solo una lezione asettica, è costituita da molti fattori, se ne manca anche soltanto uno non è più definibile in questo modo e ad oggi è assente quello essenziale: il comportamento umano.

Ci piacerebbe che desse lei un consiglio a tutte quelle persone che si lasciano assuefare dal bombardamento di notizie e che a causa di un’informazione non corretta rischiano di rovinarsi la vita.

Ridurre al minimo l’utilizzo dei media che parlano di Covid-19: sembra scontato, ma in realtà è il più difficile da mettere in pratica. C’è un motivo ben specifico se mi trovo a dire queste cose. Parlare del virus, sapere come comportarsi, avere la consapevolezza di ciò che sta accadendo nel mondo è giusto, anzi è un dovere. Dobbiamo, però, ricordarci che questo è solo uno dei tanti aspetti che costituiscono la vita di una persona. Non possiamo permettere al Covid di impossessarsi di noi. Ci sono tantissime problematiche di cui non si parla, ci sono molte piccole cose per cui gioire durante la giornata ed è necessario ricordarlo sempre. Quotidianamente dobbiamo fermarci a pensare a tutto ciò che non riguarda il virus, questo è l’unico modo per continuare a vivere.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

auditerigi

toscano

il casone

prenota

prenota

prenota


Altri articoli in L'interSVISTA


domenica, 10 gennaio 2021, 17:10

hhhhhh

aaaaaa


martedì, 5 gennaio 2021, 12:23

Locandina 'sessista': Cosentino, papà del progetto, spiega la sua idea e risponde alle critiche

Samuele Cosentino, ideatore del progetto di sostegno psicologico ai commercianti in tempi di Covid, ripercorre le tappe di una vicenda che ha suscitato polemiche, anche strumentali, a non finire


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 27 dicembre 2020, 15:33

Manuela Giuliani: "Le conseguenze psicologiche del Coronavirus sono inimmaginabili"

Intervista con la dottoressa Manuela Giuliani del centro Das di S. Anna: isolamento sociale e incertezza economica alla base di depressione e disturbi di ansia


venerdì, 11 dicembre 2020, 16:41

Stefano Stagi, l'ultimo cattolico tradizionalista a Lucca: "Extra ecclesiam nulla salus est"

Stefano Stagi, promotore della messa in latino rito romano antico secondo il Concilio di Trento, ora dirigente scolastico a Rovigo, aveva manifestato il desiderio di fare quattro chiacchiere con noi sui massimi sistemi: eccolo accontentato


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 29 ottobre 2020, 14:50

"Covid, io non ci sto": a Firenze Momi tiene aperto il ristorante 'Tito Baracca' fino alle 22

Mohamed El Hawi, 34 anni, detto Momi, musulmano, ma nato e cresciuto in S. Frediano, si ribella al Dpcm: "Ho cinquanta dipendenti e tre ristoranti, la gente ha bisogno di me, non posso deluderla". Servizio al tavolo dalle 12 alle 22


domenica, 25 ottobre 2020, 11:02

Marcello Pera: "Dio esiste, ma Bergoglio non lo vede più. Ormai vicini a uno scisma"

Il professor Marcello Pera, ex presidente del Senato, in questa interSvista esclusiva affronta la crisi dell'Occidente, la decapitazione di Samuel Paty a Parigi, l'incedere dell'Islam, l'"apostasia" di papa Bergoglio, gli italiani e il Covid, l'ipocrisia delle classi dirigenti progressiste e la dissoluzione della famiglia naturale


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px