Anno XI

lunedì, 17 gennaio 2022 - Giornale non vaccinato

Facebook Twitter YouTube

Presentata oggi da Assocarta e Legambiente la 21ª edizione del Rapporto Ambientale dell'Industria Cartaria Italiana "L'economia bio-circolare della carta"

martedì, 24 novembre 2020, 17:59

E' stato presentato oggi, dai Presidenti Lorenzo Poli di Assocarta e Stefano Ciafani di Legambiente - presso la sala Pininfarina di Confindustria - la 21ª edizione del Rapporto Ambientale dell'Industria Cartaria Italiana, con la partecipazione dell'On. Roberto Morassut Sottosegretario al Ministero dell'Ambiente e della Vice-Presidente Confindustria con delega all'Ambiente Maria Cristina Piovesana.

L'industria cartaria, in Italia, è stato tra i primi settori industriali ad aver pubblicato (dal 1999) un Rapporto Ambientale, invitando stakeholders e interlocutori ambientali a un dialogo trasparente e lontano da luoghi comuni e #fakenews. Giunto alla sua 21ª edizione il rapporto, scritto a quattro mani con il supporto di Ambiente Italia, è una ulteriore evoluzione della partnership con Legambiente per una base di confronto da poter condividere già in fase di stesura.

"L'impegno profuso sul fronte ambientale dai nostri imprenditori" afferma Poli "viene quest'anno ulteriormente riconosciuto da un Indicatore di Circolarità di Materia pari a 0.79 in una scala da 0 a 1 (https://www.ellenmacarthurfoundation.org/). Un valore elevato, ottenuto grazie alla capacità del settore di investire in materie prime rinnovabili (fibre vergini da foreste certificate e amidi), e di prendersi cura dei suoi prodotti reimmettendo nel ciclo produttivo carta e imballaggio da riciclare. Il 57% della nostra produzione proviene da fibre riciclate (negli imballaggi siamo oltre l'80%)". "La carta potrebbe sostituire il 25% degli imballaggi a base di materiali fossili e, grazie alle nuove capacità in corso di avvio, il riciclo potrebbe crescere ancora, passando dalle attuali 10 tonnellate al minuto ad oltre 12. Siamo un settore industriale che di ambiente ci vive: foreste per la materia prima, aria e acqua per lavorarla e fuoco per asciugarla" spiega il Presidente di Assocarta Poli.

Il settore è pronto a cogliere le opportunità nell'ottica del #Recovery Fund in quanto il bilancio ambientale presentato scatta una fotografia con indicatori di prestazione ambientale in miglioramento che potrebbero ulteriormente progredire se vi fosse un contesto normativo favorevole all'impresa e alla sua competitività sui mercati.

"Si può fare di più" spiega Poli "perché il settore ha ancora delle sfide importanti da affrontare ma serve un contesto normativo favorevole. Per questo insieme a Legambiente chiediamo al Governo supporto per progredire nel processo di decarbonizzazione: non vediamo una unica soluzione, il settore ha bisogno di infrastrutture per rendere questa transizione graduale e sostenibile economicamente".

"Eccellenza per qualità e quantità del riciclo dei materiali, il settore cartario ha saputo ritagliarsi un ruolo di leadership nel panorama dell'economia circolare in Italia e i numeri del nuovo rapporto ambientale ne sono una conferma. Un primato che va certamente consolidato e che, forte dei risultati raggiunti nella raccolta differenziata dei rifiuti urbani e degli scarti produttivi, deve confrontarsi con nuove sfide, dall'innovazione alla produzione e utilizzo di energie rinnovabili, come il biometano. Sfide cui la politica è chiamata a dare risposte all'altezza – sottolinea il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani - Nel pieno della discussione sul Recovery Plan, è tempo di semplificare la normativa per le autorizzazioni, implementare il decreto End of Waste su carta e cartone e realizzare gli impianti per poter rendere la filiera sempre più circolare e libera dalle fonti fossili: un obiettivo, quest'ultimo, che ci vede in prima linea in una cammino comune con Assocarta".

Oltre alla necessità di progredire nella riduzione di emissioni di CO2 le proposte di politica industriale del settore per una economia ancora più circolare, riassunte nella seconda parte del Rapporto, riguardano:


- il miglioramento dell'efficienza energetica per il quale è necessario sostenere tecnologie efficienti come la cogenerazione e ridare forza a meccanismi di incentivazioni che hanno dimostrato di esser ein grado di dare un forte impulso all'efficientamento.


- approvvigionamento di fonti sostenibili: l'industria ha finora trainato lo sviluppo della gestione sostenibile delle risorse forestali e continuerà a farlo, con l'invito ad usare carta riciclata anche per utilizzi alimentari come nel resto d'Europa per favorire l'utilizzo dell'eccesso di macero disponibile;


- incremento della capacità di riciclo: sostenere la presenza di imprese che riciclano sul territorio nazionale e garantire l'accesso ai mercati dei prodotti riciclati, vecchi e nuovi, sono l'unica garanzia di mantenimento e incremento della circolarità;


-ulteriore miglioramento della qualità della raccolta differenziata: punto ancora debole del sistema di riciclo,


- valorizzare gli scarti del riciclo: principale ostacolo al riciclo, ricordiamo che non è un rifiuto "causato" dall'industria ed è necessario favorire nuove forme di riciclo di materia attraverso la ricerca di nuove tecnologie, l'investimento in nuovi impianti e l'accesso al mercato dei prodotti così ottenuti, garantendo nel frattempo ogni altra forma di recupero, anche energetico, che possa rappresentare un'alternativa allo smaltimento in discarica


- valorizzazione dei fanghi per la produzione di biometano: opportunità per favorire il recupero e la decarbonizzazione, serve il supporto alla creazione di nuovi impianti di compostaggio, anche in ottica di decarbonizzazione;


- quadro normativo coerente, dall'EoW alla promozione del regime dei sottoprodotti, fino al rimuovere gli ostacoli posti da una normativa nazionale sulle acque ormai obsoleta e incoerente con il quadro normativo europeo che ostacola gli obiettivi di riduzione dell'impiego di risorse idriche


bmlucca

pavimentazioni

panda 2017

tuscania

delpicchia

lamm

pinomac

St-Bartholomeo

i gelati di piero

pinomac

fagnigroup

ennebi


Altre notizie brevi


aics


domenica, 16 gennaio 2022, 17:15

"Capannori, la Lega chiede onestà intellettuale alla maggioranza"

Gli esponenti della Lega Bruno Zappia (consigliere comunale) e Bartoli Tommaso, pongono in risalto lo spirito indecorosamente opportunista della maggioranza, in consiglio comunale, nei confronti dei cittadini."Mercoledì 12 gennaio – riferisce Zappia - si è tenuto l'ultimo consiglio comunale e, durante i vari interventi della maggioranza, la consigliera Claudia Berti...


sabato, 15 gennaio 2022, 21:28

Locazioni passive dello Stato e blocco Istat

Il presidente provinciale APE Confedilizia Lucca Piero Mazzei: Dareste mai in affitto un bene di vostra proprietà a qualcuno, concedendogli la possibilità – in qualsiasi momento e a proprio piacimento – di cambiare le carte in tavola e diminuire il canone di locazione liberamente pattuito? Certamente no. Eppure è esattamente...


CNA


sabato, 15 gennaio 2022, 13:35

Nasce l'associazione 'Blu Ludovica' a sostegno della salute mentale

Nata a in ricordo di Ludo e a sostegno della salute mentale, l'associazione Blu Ludovica aiuterà chi non si può permettere cure psicologiche e psichiatriche perché "nessuno sia più solo".CapendoTi, si chiamano così gli sportelli d'ascolto totalmente gratuiti che l'associazione metterà a disposizione di tutti i giovani ragazzi e ragazze...


sabato, 15 gennaio 2022, 11:19

Capannori, osservazioni per aree percorse da incendi

All’albo pretorio on line sul sito web del comune (www.comune.capannori.lu.it) e all’ufficio 'Pianificazione Urbanistica e Politiche Ambientali' sono disponibili per la consultazione le cartografie delle aree percorse da incendi nel 2021. Tutti gli interessati possono esprimere eventuali osservazioni relativamente alla perimetrazione di tali aree, entro le ore 13.00 del 4...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 14 gennaio 2022, 22:57

Giani: “Via libera all'assunzione di 174 infermieri nel Sistema sanitario regionale”

“Abbiamo dato il via libera all'assunzione di 174 infermieri nel Sistema sanitario regionale; 129 a tempo indeterminato e 45 a tempo determinato”. Ad annunciarlo è il presidente Eugenio Giani. E' stato il direttore della Sanità regionale, Federico Gelli, ad autorizzare le Aziende a farlo.


venerdì, 14 gennaio 2022, 13:50

Il sondaggio sulla qualità dei servizi risponde alle direttive del ministero della pubblica amministrazione

In merito al sondaggio demoscopico che è in corso in questi giorni e che ha visto contattare anche via email molti cittadini, il Comune di Lucca precisa che si tratta di una indagine istituzionale prevista dalla legge per l'ascolto delle esigenze dei residenti del territorio comunale e per la valutazione...


giovedì, 13 gennaio 2022, 16:35

Aducons Law e Food martedì 18 gennaio a disposizione dei cittadini l'esperto in bollette

Le bollette di acqua, gas e luce ti sembrano troppo alte? Da oggi c'è un esperto al tuo fianco. L'Aducons Law e Food mette a disposizione un tecnico per aiutare i cittadini a scegliere l'operatore più adatto alle proprie esigenze.


giovedì, 13 gennaio 2022, 11:30

Confartigianato Toscana: "Obbligo di etichettatura degli imballaggi, norme poco chiare"

Il Decreto-Legge “Mille proroghe”, entrato in vigore a fine anno, ha disposto un nuovo rinvio dell’ obbligo di etichettatura ambientale degli imballaggi, che quindi entrerà in vigore dal 1° luglio 2022. A partire da tale data tutti gli imballaggi, anche quelli di piccola dimensione, dovranno essere opportunamente etichettati secondo le...


Omnia-Sport


giovedì, 13 gennaio 2022, 11:03

Sangue, l'appello di Avis: "Chi sta bene vada a donare"

La nuova ondata pandemica di queste settimane sta avendo effetti negativi anche sulle donazioni di sangue: sono tante le disdette delle prenotazioni da parte dei donatori alle prese con contagi e quarantene. Una situazione che potrebbe aggravarsi nelle prossime settimane e a cui Avis, la più grande rete associativa del...


giovedì, 13 gennaio 2022, 10:15

Confapi: “La maggior parte delle imprese rischiano di doversi fermare”

E’ il grido d’allarme delle imprese associate a Confapi Pisa e del Tirreno, molti infatti gli imprenditori che si trovano a fronteggiare una situazione di estrema criticità determinata dall’estrema contagiosità della nuova variante del virus. In più le aziende segnalano che molti dei certificati emessi da medici di base a...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px

legionario