Anno 5°

venerdì, 19 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Piana

Riprendono i corsi Ditals ad Altopascio

venerdì, 12 gennaio 2018, 13:27

Dopo il successo della prima tranche, tornano ad Altopascio i corsi Ditals per insegnare italiano agli stranieri. Un percorso di studio che affronta i temi della didattica, della glottologia e della storia della lingua italiana per formare insegnanti di italiano, riconosciuti con la speciale certificazione rilasciata dall’Università per stranieri di Siena. I corsi Ditals sono propedeutici al superamento dell’esame, indispensabile per insegnare italiano come seconda lingua. L’apprendimento dell’italiano, infatti, è sempre più richiesto e, con i Ditals, sarà possibile acquisire le competenze necessarie per insegnare a immigrati, adulti, bambini, adolescenti e studenti universitari che non parlano italiano.

I corsi si svolgeranno ad Altopascio, alla scuola primaria in piazza Dante Alighieri: Altopascio, infatti, è una delle quattro sedi toscane riconosciute dall’ateneo senese per seguire il percorso formativo. Al termine delle lezioni sarà possibile accedere all’esame finale che certificherà le competenze acquisite dagli studenti. Le lezioni, che saranno condotte da Ivana Azzalini, docente del Centro di Cultura per Stranieri dell’Università degli Studi di Firenze, e Giuliana Magazzù, insegnante dell’Istituto Comprensivo di Altopascio, inizieranno mercoledì 17 gennaio e proseguiranno fino al 7 marzo con cadenza settimanale. Per iscriversi c’è tempo fino al 15 gennaio.

Per informazioni e iscrizioni: Devid Panattoni, referente Ditals IC Altopascio, devid.panattoni@gmail.com; Andrea Lastrucci, coordinatore Ditals IC Altopascio, cp.cilsditals@icaltopascio.gov.it; Scuola primaria di Altopascio, 0584/25268; Scuola secondaria di primo grado di Altopascio, 0583/25125.

 


Questo articolo è stato letto volte.


carismi san miniato


guidi studio


Del Monte Pausa Caffè


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Piana


caffe_monica


giovedì, 18 gennaio 2018, 16:49

Area industriale di Carraia – Capannori, Priolini e Bianchi (UILTEC): "Situazione non più tollerabile"

Giuseppe Priolini e Giuseppe Bianchi della UILTEC comunicano di aver effettuato in data odierna un sopralluogo nella zona industriale PIP di Carraia – Capannori – e denunciano la situazione di degrado della zona


giovedì, 18 gennaio 2018, 16:26

Progetto 'air quality': installata la prima delle sei centraline low cost per il monitoraggio diffuso sul territorio della qualità dell'aria

In prossimità della centralina Arpat di via Carlo Piaggia. Altre 4 saranno collocate a Marlia, San Ginese, Carraia e Colle di Compito (zona Padule), mentre un'altra mobile sarà testata su un drone all'aeroporto di Capannori


giovedì, 18 gennaio 2018, 16:23

Sara D’Ambrosio sulla sicurezza: “I sindaci non possono essere lasciati soli”

Dopo i recenti fatti di cronaca avvenuti nella piana il sindaco di Altopascio, Sara D'Ambrosio, interviene in merito alla sicurezza


giovedì, 18 gennaio 2018, 16:18

Marchi e Masini: "Malumore a Lammari per l’imposizione dei senso unico"

Anthony Masini e Giovanni Marchi, consiglieri comunali di minoranza, rispettivamente di Forza Italia e del misto Energie Per L’Italia commentano le decisione da parte del comune di istituire il senso unico in via del Fondaccio a Lammari


giovedì, 18 gennaio 2018, 11:27

Ancora aperte le iscrizioni per la Scuola Calcio Inter

Imparare a giocare a calcio divertendosi e seguendo i programmi approvati dall'Inter? A Lucca si può, grazie alla Scuola Calcio Inter del Tau Calcio Altopascio, per la quale è ancora possibile iscriversi


giovedì, 18 gennaio 2018, 10:05

Marocchino arrestato per estorsione a Pescia

I militari della locale stazione carabinieri hanno arrestato nella tarda serata di ieri D.N., 37enne pregiudicato di nazionalità marocchina domiciliato ad Altopascio, una lunga sequela di denunce ed arresti accumulati soprattutto nelle province di Lucca e Pisa, molti dei quali per vicende connesse al mondo dello spaccio