Anno 5°

giovedì, 24 maggio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Piana : altopascio

Wwf contro la realizzazione di un capannone nella riserva naturale del lago di Sibolla

giovedì, 17 maggio 2018, 09:49

Il WWF Alta Toscana Onlus ha inviato ieri al sindaco di Altopascio e alla Regione Toscana una lettera con una serie di osservazioni in merito alla variante al Regolamento Urbanistico, che consentirà la costruzione di un capannone alto 23 metri nei pressi della Riserva Naturale del lago di Sibolla. In particolare è stata segnalato il mancato adempimento dell'obbligo di esperire la procedura della "Valutazione di Incidenza", in quanto la variante riguarda un’area adiacente alla Riserva Naturale del Lago di Sibolla, facente parte della Rete Natura 2000 ZSC- ZPS, Zona Umida di importanza internazionale ai sensi della Convenzione Ramsar. 

"La Variante - si legge nel comunicato - si configura impattante per l'altezza del fabbricato, prevista a 23 metri, che si inserisce in un sito di importanza comunitaria, interno ad un area Ramsar “ed è elemento che si stacca per altezza dal contesto circostante caratterizzato da fabbricati di altezza variabile non superiore ai 12 m." Come viene previsto nello stesso Studio per la Valutazione di Incidenza si evidenzia la necessità di una Valutazione appropriata per il motivo sopradetto, visto l'impatto paesaggistico non mitigabile e le problematiche create sulle specie ornitiche, di cui molte migratorie, che si muovono intorno al Lago di Sibolla.

E' del tutto evidente che la variante (e per la precisione le opere del   progetto presentato dalla ditta proponente) determina possibili impatti con riguardo all’habitat specifico del Lago di Sibolla, soprattutto per quanto attiene all’avifauna dell’area protetta, dove vengono segnalate ben 144 specie di uccelli. L’importanza naturalistica dell’area è stata da tempo segnalata, fra l’altro, nel volume Gli Aironi coloniali in Toscana. Andamento, distribuzione e conservazione. Monitoraggio dell’avifauna toscana pubblicato proprio dalla Regione, ed è dovuta alla presenza di una garzaia plurispecifica in cui nidificano circa 500 – 800 coppie di 7 specie di Aironi (Garzetta, Nitticora, Airone guardabuoi, Sgarza ciuffetto, Airone cenerino, Airone rosso e Airone bianco maggiore), cui si è aggiunta recentemente la Spatola, che in Toscana nidifica solo a Sibolla. A tali rilevanti presenze, va aggiunta quella di specie rare e in via di estinzione, come la Salciaiola e il Porciglione fra i nidificanti e il Tarabuso e il Falco sacro fra gli svernanti. L’area, inoltre, svolge un ruolo importante per lo svernamento del Beccaccino e per quello dell’Alzavola.

E' stata segnalata, inoltre, la mancanza di informazione sul procedimento urbanistico, che è iniziato ben prima della determinazione del Comune di Altopascio n. 127 del 26/02/2018, con cui si è aperta la fase delle osservazioni. Non risulta vi sia stata, sin dall'avvio del procedimento e prima della pubblicazione della determinazione n. 127 alcuna informazione, in modo da poter consentire in sede di quella conferenza l'espressione dei diritti ai soggetti di cui all'art. 9 della   l. 241/90. Eppure visto l'oggetto della proposta avanzata la convocazione doveva essere promossa in forma pubblica e/o con adeguata informazione, per garantire la partecipazione a tutti i portatori di interessi diffusi e in special modo di Associazioni o Organizzazioni di difesa dell'ambiente e di tutela della natura e di habitat delle specie protette, quale il WWF.

Pertanto il WWF Alta Toscana onlus, viste le carenze del procedimento, ha richiesto l'annullamento dell'atto con cui è stata approvata la variante".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Piana


caffe_monica


giovedì, 24 maggio 2018, 08:24

A Montecarlo la festa regionale del minibasket femminile

Montecarlo per un giorno diventa la capitale del minibasket rosa. Si terrà infatti domenica 27 all’ombra del Cerruglio la festa regionale del minibasket femminile, organizzata dal Bf Porcari, con la partecipazione di numerose società di tutta la Toscana e tante bambine dai 5 ai 12 anni che saranno protagoniste delle...


mercoledì, 23 maggio 2018, 16:09

Entro l’estate uno sgambatoio per cani nel centro

L’assessore Francesconi: “Un impegno che ci eravamo presi con la popolazione. Intendiamo anche individuare altre aree nella zona nord e nella zona sud del territorio”


mercoledì, 23 maggio 2018, 15:35

Tariffe invariate per asilo e servizi scolastici

Confermate anche per quest'anno le tariffe e le riduzioni Isee che permettono a un maggior numero di famiglie di accedere alle agevolazioni previste, in un territorio dove le rette per nido, mensa e scuolabus sono tra le più basse della provincia e della regione


mercoledì, 23 maggio 2018, 14:32

Mercatone Uno, Marchetti (FI): "La regione verifichi e assicuri continuità occupazionale"

All’indomani della soluzione di vendita individuata dalla gestione commissariale che guida Mercatone Uno dal 2015, soluzione presentata al ministero per lo sviluppo economico giusto l’altro ieri, Marchetti appare preoccupato per il doppio canale di vendita che interessa tutti i punti di distribuzione del marchio leader nel settore del mobile sul...


mercoledì, 23 maggio 2018, 14:29

Marchetti (FI): "Intere filiere non sanno come e dove smaltire gli scarti di produzione"

Su Lucca in particolare, e nello specifico su Altopascio, Marchetti ha aperto anche un altro fronte: quello della legge 65/2014 Norme per il governo del territorio. Su questo Enrico Rossi ha voluto replicare e, riprendendo la parola, ha promesso a Marchetti di avviare verifiche specifiche


mercoledì, 23 maggio 2018, 14:02

Fallimenti pilotati e truffe all'INPS: 25 persone nei guai

Le imprese coinvolte venivano fraudolentemente “svuotate” delle proprie risorse aziendali, attraverso il depauperamento dell’attivo, determinandone l’insolvenza ed, in alcuni casi, il fallimento. Coinvolti, oltre agli imprenditori e commercialisti, anche numerosi personaggi contigui alla criminalità organizzata di tipo mafioso