Anno 7°

mercoledì, 12 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Piana : capannori

Le opposizioni: “Menesini, benché avvinghiato su poltrone di prestigio, è completamente ignorato dal Pd. Un partito allo sfascio, chi ci rimettono sono i cittadini”

venerdì, 10 agosto 2018, 14:57

La firma a Firenze, dell’intesa sull’avvio dei lavori della nuova viabilità, che ha visto l’solamento del sindaco e presidente della provincia Luca Menesini, continua a far discutere. Il centro destra, chiamato in causa dallo stesso Menesini, accusato di non avere una posizione chiara sulla questione assi viari, va giù duro e non risparmia critiche alla gestione della vicenda da parte del primo cittadino capannorese. Oggi a parlare sono i rappresentati di Alternativa Civica, Energia per l’Italia e Unione di Centro, che da poco più di un mese hanno fondato il nuovo gruppo civico Svolta Comune.

“Lo avevamo già detto in tempi non sospetti. Il Pd sia lucchese che toscano – chiosano Martinelli, Celli, Marchi e Rontani -  non hanno mai trovato un’intesa con il sindaco-presidente. Una divergenza di opinioni all’interno dello stesso partito, che ha permesso in tutti questi anni, un vergognoso stallo su un progetto, ritenuto da tutti indispensabile. Un’esclusione pesante quella di Menesini dal tavolo fiorentino, ma un esclusione che, secondo noi, arriva quando i rappresentati del partito egemone della sinistra, oggi, stretti dalla morsa, tra il massiccio ed inesorabile esodo del consenso e la sempre più energica pressione del mondo dell’impresa e dei cittadini, hanno preferito mettere in un angolo colui che in questi anni ha fatto di tutto per accantonare l’ipotesi di nuova viabilità”

“Menesini ha sempre operato – si legge nel comunicato - un tira e molla patetico. Chiede modifiche al progetto: tutela dei laghetti di Lammari, nessuna sopraelevata, deviazione del traffico sulla via Nuvolari verso l’autostrada, salvaguardia di via Chelini, contemporaneità sulla realizzazione dei due assi. Benissimo abbiamo sempre detto noi. Ma non ritiene il sindaco-presidente che sia giunta l’ora di concretizzare? Qual è l’alternativa che propone lui? Menesini si è sempre nascosto, come solitamente fa, al consiglio comunale, non riuscendo mai a spiegare, in che modo superare i veti che lui ha sempre messo. Ha parlato più volte di incontri e trattative con Anas e Cipe, ma di questi fantomatici incontri non si è più sentito parlare. Sono stati fatti? Cosa è stato detto? quali sono le proposte del inoltrate dal sindaco-presidente? Cosa è stato risposto? Ma, soprattutto a questo punto, Menesini è mai stato ricevuto da Anas e Cipe?”

“Alle nostre interpellanze su questi argomenti, non abbiamo mai avuto risposte – tanto per ribadire la considerazione che ha Menesini per il consiglio e per le opposizioni. La nostra posizione – proseguono i rappresentati delle minoranze - checché ne dica Menesini, che ci accusa dichiarando che “il cenro-destra non si è mai espressi dicendo cosa pensa degli assi viari”, è sempre stata chiara. Ribadita anche nel corso di un consiglio comunale monotematico sull’argomento. Ma evidentemente Menesini, che ignora completamente il ruolo della consiglio, non presta minimamente attenzione a ciò che abbiamo da dire, più preoccupato alla pianificazione delle sue uscite propagandistiche. Siamo d’accordo nel voler salvaguardare il territorio di Capannori. Attiviamo tutte le misure necessarie. Ma andiamo avanti. Il tempo a disposizione delle chiacchiere è finito. Comprendiamo la necessità del Menesini, di non alienarsi la simpatia dei voti dell’estrema sinistra integralista, della parte più intransigente dei movimenti ambientalisti. Lo comprendiamo ancora di più oggi, dopo il tracollo elettorale del suo partito. Ma un amministratore serio deve, ad un certo punto tracciare una linea ed andare avanti. Così per lui non è. Ed i suoi compagni, lo hanno scritto nero su bianco. C’è da aggiungere anche che il sindaco-presidente, si è sentito sempre “tranquillo” sul fronte della nuova viabilità. Non ci ha mai creduto in un reale finanziamento dell’opera e non ha mai avuto la necessità di preoccuparsi troppo su un confronto diretto sulla sua esecuzione. Ora improvvisamente, pare che i fondi siano disponibili e lui si è trovato spiazzato ed oltretutto, escluso e messo all’angolo dai suoi compagni di partito. Proprio coloro che fino ad oggi ha sostenuto strenuamente.

Quindi Giada Martinelli, Mauro Celli, Giovanni Marchi e Paolo Rontani puntano il dito verso un partito (il Pd) che governa in maniera egemone il comune, ma che anche in palese sfascio, dove i suoi rappresentanti, che fino a ieri sembravano compatti e granitici, oggi se le danno di santa ragione.

“Ciò che è successo ha palesemente dimostrato, che Menesini, benché sia in possesso i cariche di alto livello, seduto e ben avvinghiato su poltrone di prestigio, è ignorato dai colleghi amministratori Pd. E’ assolutamente incredibile che vengano organizzati incontri e riunioni – particolarmente importanti come quest’ultima – che decidono le sorti della Piana per il prossimo secolo, senza il sindaco di un comune particolarmente interessato nonché presidente della provincia. Evidentemente l’aria è molto pensante, in un Pd sempre più lacerato, pronto ad auto-cannibalizzarsi. Quando non si è d’accordo con scelte determinanti e si è determinati a porre i cittadini che rappresentiamo al centro della propria attività amministrativa, occorre determinazione e coraggio. Allora, se proprio vogliamo, è da apprezzare la svolta di Alberto Baccini che ha avuto il coraggio di sbattere la porta in faccia non solo al Pd, ma anche all’intero “renzismo”, del quale lui è stato uno dei primi sostenitori”.

“Tutto il resto è solo finzione. Sbraitare e alzare gli scudi- concludono laconicamente i consiglieri comunali -  non serve a niente, se non è vi è una radicata e determinata idea di dare una svolta drastica e lineare con ciò che si predica. Altrimenti si deve parlare dell’ennesima esibizione circense per non perdere consensi, ma lasciare le cose come stanno. D’altronde è vero anche che – con una punta di veleno -  di questi tempi, c’è da capire, chi cerca in tutti i modi di salvare il proprio posto di lavoro”.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Piana


mercoledì, 12 dicembre 2018, 15:15

Tenta di rubare la merce in un supermercato: arrestato 40enne

Si tratta di un 40enne di Monza, residente a Capannori, che è stato sorpreso all’interno di un noto supermercato di Lucca mentre tentava di rubare della merce. L’uomo, con numerosi precedenti, anche specifici, già raggiunto da avviso orale del questore, è stato arrestato e, giudicato per direttissima, è stato sottoposto...


mercoledì, 12 dicembre 2018, 14:46

Sabato sciopero del personale CTT Nord

Le organizzazioni sindacali FILT/Cgil-Uil/Trasporti-Faisa/Cisal, hanno proclamato lo sciopero per il giorno sabato 15 dicembre e ne hanno comunicato le modalità di adesione per il personale dipendente della società CTT Nord Srl della provincia di Lucca, società che insieme a COPIT SpA e Trasporti Toscani Srl forma la Società BluBus che...


mercoledì, 12 dicembre 2018, 13:20

Inaugurata a Capannori la mostra "Era l'autunno del 1968"

E' dedicata all'esplosione del movimento studentesco in provincia di Lucca la mostra fotografica "Era l'autunno del 1968" inaugurata stamani nel palazzo comunale di Capannori


mercoledì, 12 dicembre 2018, 13:08

"Natale è festa a Capannori", tanti appuntamenti per le festività

Quest'anno a Capannori il periodo delle festività natalizie è più che mai ricco di iniziative. Gli appuntamenti, promossi dall'amministrazione comunale assieme alle associazioni del territorio sono stati raccolti dal comune nel calendario unico degli eventi "Natale è festa a Capannori"


mercoledì, 12 dicembre 2018, 11:03

Una banda di Babbi Natale in... bicicletta

Sabato 15 dicembre, come ormai da qualche anno, il team porcarese di MTB abbandonerà per un pomeriggio le avventure nei luoghi più sperduti del nostro paese per dedicarsi ai più piccoli


martedì, 11 dicembre 2018, 15:46

Legalità, sicurezza e qualità del lavoro negli appalti al centro del protocollo d’intesa fra comune e sindacati

Migliorare la qualità dei servizi pubblici erogati, garantire l’occupazione, i diritti e le tutele delle lavoratrici e dei lavoratori, favorire la trasparenza nelle procedure di gara e rafforzare il contrasto ai fenomeni di illegalità e concorrenza sleale a salvaguardia delle imprese che operano nel rispetto dei contratti nazionali e delle...