Anno XI

domenica, 19 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Piana

Amici a quattro zampe e donatori di sangue

sabato, 23 febbraio 2019, 17:12

di giulia del chiaro

Devono avere tra i due e gli otto anni, essere in buona salute e pesare almeno 25 chili. Sono questi i requisiti richiesti perché i nostri amici a quattro zampe possano divenire donatori come emerso dal secondo incontro, del convengo dedicato al confronto tra trasfusione veterinaria e umana, avvenuto questa mattina ad Altopascio come risultato della collaborazione tra Avis Toscana ed il Dipartimento di Scienze Veterinarie di Pisa per avvicinare sempre più persone a questo tipo di solidarietà.

Molti gli specialisti coinvolti, per mettere a confronto due mondi così distanti, quello della donazione di sangue da parte di esseri umani e di cani, a partire da un’idea di Mario Gilardi, di Avis Montecatini, che, venuto a conoscenza dell’esistenza di un protocollo di intesa tra l’Avis di Livorno e l’Università di Pisa, ha deciso di estendere questo protocollo ad una collaborazione tra l’Università pisana e Avis Toscana.

“Mettere insieme il mondo veterinario e umano non è così scontato – ha sottolineato Gilardi – ma l’obiettivo sarà quello di uscire anche dai confini regionali e coinvolgere i diversi dipartimenti universitari di veterinaria della penisola. Intanto – ha proseguito – ci stiamo muovendo in Toscana con quattro incontri, uno già avvenuto a Montecatini, quello di oggi e due successivi a Follonica e Camaiore, con l’obiettivo di diffondere il fenomeno ed arrivare un giorno a creare un partner paragonabile a quello che le Asl sono per l’essere umano nell’ambito della donazione di sangue”.

Ad aprire il confronto alcuni esponenti del mondo umano: Annalisa Martinucci del centro trasfusionale di Lucca, che ha sottolineato un calo del numero di donatori con una maggiore predisposizione alla donazione nelle zone rurali rispetto alla città, ed Eleonora Bartolini del CRS che ha ripercorso la storia della donazione degli ultimi decenni in Toscana, e gli attuali cambiamenti che andranno a ridurre ulteriormente la popolazione donante, riportando alcuni numeri: 120 mila i donatori attuali di cui l’87 per cento legato ad un’associazione per un totale di 210 mila donazioni annue solo in Toscana.

Il centro trasfusionale è attivo nel dipartimento di Scienze Veterinarie di Pisa dal 1994 e, come spiegato dal professore di ematologia e biochimica clinica, George Lubas, “portare il proprio cane a donare permette, oltre a fare una buona azione salvavita per altri cani, di tenere sotto controllo periodicamente lo stato di salute dell’animale grazie ad accertamenti gratuiti utili in chiave preventiva”. Il professore ha poi proseguito spiegando come ci siano dei requisiti minimi di accesso a questa possibilità: il cane deve avere tra i 2 e gli 8 anni, pesare almeno 25 chili ed essere in buona salute. Ogni proprietario, che voglia fare del proprio amico a quattro zampe un donatore, potrà contattare il Dipartimento di Scienze Veterinarie (chiamando il 0502210100 o scrivendo a george.lubas@unipi.it o anyela.medina@vet.unipi.it), il medico veterinario eseguirà una vista clinica per valutare l’idoneità dell’animale e, se i risultati daranno il via libera, verranno fatti i prelievi necessari per la tipizzazione del gruppo sanguigno e la valutazione dello stato di salute.

“Queste iniziative costituiscono un importante momento di osmosi culturale tra i due mondi della donazione umana e veterinaria – ha spiegato Alessandro Bianchi, Medico veterinario e direttore della Clinica veterinaria San Jacopo di Altopascio – perché si tratta di due settori estremamente interconnessi tanto che spesso succede che le persone che sono donatrici tendono a portare anche i loro cani a donare, ma accade anche il contrario: c’è chi comincia con delle donazioni del proprio amico a quattro zampe e decide di fare lo stesso.” Bianchi ha poi proseguito ricordando come la donazione canina, oltre a poter salvare altri animali in pericolo di vita per incidenti, malattie, anemia o interventi chirurgici, consente di tenere costantemente sotto controllo la salute del proprio cane con analisi di routine effettuate prima di ogni donazione e, nel caso della donazione in Dipartimento, di avere accesso gratuito ad una trasfusione in caso di necessità, di disporre dello staff del Centro Trasfusionale Veterinario per un consulto e di ricevere, per ogni donazione, un sacco di mangime gratuito.

Sono diverse le cliniche veterinarie che presentano i requisiti per effettuare le donazioni, ma, dato il costo dell’emoteca necessaria alla conservazione del sangue, pochi hanno la possibilità di conservare le sacche donate limitandosi a donazioni da effettuare di fronte ad un’emergenza per essere immediatamente impiegate. “Al contrario – ha spiegato Bianchi – il Centro Trasfusionale Veterinario di Pisa detiene una vera e propria banca del sangue ed è per questo fondamentale che sempre più proprietari vengano a conoscenza di questa possibilità”. Infine, gli esperti presenti hanno ribadito come la pratica della donazione animale sia sicura, indolore, praticabile in meno di 15 minuti, ripetibile ogni 3 mesi e, come quella umana, un apporto fondamentale per salvare vite invitando quanti più proprietari possibile a prendere parte, con il proprio amico a quattro zampe, a questa forma di solidarietà e altruismo.

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

lamm

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Piana


sabato, 18 settembre 2021, 19:45

FdI Altopascio: "Sicurezza, identità e futuro elementi chiave per governare la città"

Presentati i 16 candidati di Fratelli d'Italia in vista delle prossime elezioni amministrative che si svolgeranno nel comune di Altopascio rispettivamente il 3 e il 4 ottobre per rinnovare il governo cittadino


sabato, 18 settembre 2021, 14:34

Già pronto il progetto di fattibilità per il nuovo asilo nido di Altopascio

Dotare Altopascio di un nuovo asilo nido. È questa la volontà del sindaco Sara D'Ambrosio, che si ricandida per guidare Altopascio per i prossimi cinque anni


venerdì, 17 settembre 2021, 16:35

Individuati i primi progetti per valorizzare la civiltà contadina

Digitalizzazione e acquisizione digitale della documentazione esistente sulla civiltà contadina; realizzazione di un progetto di un 'Museo virtuale' del territorio che renda disponibile il ricco patrimonio documentale attraverso l'utilizzo della multimedialità e le nuove tecnologie digitali


venerdì, 17 settembre 2021, 16:29

Giornata di raccolta 'plastic free' ad Altopascio

Dopo il successo delle volte scorse torna la giornata di pulizia Plastic Free. L'appuntamento è per domenica 19 settembre, alle 9, di fronte al Bar La Gioconda, ad Altopascio. A supportare l'iniziativa, come sempre, c'è l'amministrazione comunale di Altopascio


venerdì, 17 settembre 2021, 13:32

Lavori in corso sulla frana a Gragnano

Sono iniziati i lavori dell'amministrazione comunale per la messa in sicurezza di un tratto di Via della Chiesa a Gragnano interessato da un movimento franoso attualmente transennato con un conseguente restringimento della carreggiata


venerdì, 17 settembre 2021, 13:24

Vertenza Essity, Fornaciari: “Faremo la nostra parte per difendere l'occupazione"

Le istituzioni del territorio ci sono e faranno la loro parte al fianco dei 700 lavoratori degli stabilimenti Essity di Porcari, Altopascio e Collodi. È quanto è stato ribadito ieri (16 settembre) nel corso della commissione intecomunale per il lavoro che si tenuta nella sala consiliare di piazza Felice Orsi