Anno 7°

sabato, 6 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Piana : capannori

Nuova piazza Aldo Moro, Bartolomei e Montemagni: “Folle scelta di Menesini. E adesso non abbiamo più accesso ai fondi regionali”

mercoledì, 15 maggio 2019, 14:01

di giulia del chiaro

Dopo l’acceso dibattito su assi viari e Bretellina è la nuova conformazione di Piazza Aldo Moro uno dei temi maggiormente discussi, tra cittadini e candidati, sul concludersi della campagna elettorale capannorese. A sferrare un duro attacco all’amministrazione uscente e a far maggior chiarezza sulla finanziabilità del progetto, da parte di fondi Piu, il candidato del centrodestra Salvadore Bartolomei che, in una conferenza tenuta questa mattina con il consigliere regionale della Lega, Elisa Montemagni, ha chiarito come l’intervento sulla piazza non potrà – al contrario di quanto sostenuto dall’attuale sindaco – accedere a tali fondi.

“La nuova conformazione della piazza non risponde alle esigenze della cittadinanza – ha sottolineato – non è stata voluta dagli abitanti e, oltre ad essere una realizzazione discutibile sul piano estetico e pericolosa per mancanza di protezioni a delimitare il confine tra piazza e strada, si scopre non poter avere accesso ai tanto declamati fondi regionali PIU”. Secondo il candidato, infatti, è stata folle la scelta, dell’attuale amministrazione, di spendere tanto denaro in un progetto che non rappresenta la volontà dei cittadini e che va ad essere realizzato in una zona che, per sua natura, non ha possibilità di essere valorizzata. “Scelta folle – ha proseguito – soprattutto se si considera la realtà in cui è stata introdotta. Una realtà in cui mancano cose primarie su cui sarebbe prioritario investire”.

Era il mese di aprile quando il sindaco Luca Menesini annunciava l’entrata di Capannori in una graduatoria regionale attraverso cui il comune avrebbe ricevuto fondi europei, per una serie di lavori di rigenerazione urbana, che sarebbero stati in parte utilizzati per sostenere le spese del rifacimento di piazza Aldo Moro accanto al mutuo ventennale – ormai contratto – dall’amministrazione.

Una serie di dubbi e perplessità sul progetto che da tempo turbavano Bartolomei spingendolo a far chiarezza sulla questione grazie all’aiuto della consigliera regionale Montemagni che, indagando all’interno degli uffici regionali competenti, ha scoperto che, da regolamento, le opere concluse non potranno essere finanziate e che dunque l’inaugurazione e l’utilizzo della piazza segnalano la sopraggiunta impossibilità dei lavori di ottenere i fondi regionali: “la domanda, riguardante la nuova pianificazione di piazza Aldo Moro, si trova sempre all’interno di un iter attraverso cui la regione dovrà stabilire se si tratta di un progetto finanziabile. Ma, oltre a non esserci ancora la certezza della sua finanziabilità, come l’attuale sindaco vuol far credere, la cosa sconcertante è che la piazza, stando all’articolo 12 comma 1 del regolamento Piu, in quanto conclusa non potrà in alcun modo aver accesso al finanziamento”. Il rischio, quindi, stando a quanto dichiarato questa mattina, è che le spese vadano tutte a ricadere sulle tasche dei cittadini che si troveranno a dover risarcire il mutuo ventennale nel frattempo contratto.

“Che si tratti di un escamotage elettorale, di fronte alle numerose critiche e contestazioni rivolte al progetto, non vogliamo discutere – ha concluso Bartolomei – certo è che Menesini avrebbe potuto attendere per evitare l’esclusione dal finanziamento e sollevare i cittadini dal peso del mutuo contratto”.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

auditerigi

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Piana


venerdì, 5 giugno 2020, 22:40

Lettera aperta a Menesini: "Caro sindaco ce la fa a sistemare la via Romana all'ingresso di Capannori?"

Un lettore ci scrive invitandoci a farci ambasciatore presso il primo cittadino della disastrata situazione del manto stradale sulla via Romana all'imbocco del centro urbano di Capannori. Accettiamo perché, quella via, la facciamo quasi tutti i giorni...


venerdì, 5 giugno 2020, 22:37

Gabriele Nelli in visita alla Polisportiva Capannori

Grandi emozioni in casa della Polisportiva Capannori che nella giornata di giovedì scorso (4 giugno), ha ricevuto la visita del giocatore azzurro di volley Gabriele Nelli


venerdì, 5 giugno 2020, 16:27

Giornata mondiale per l'ambiente: la Piana del cibo sostiene l'iniziativa del museo virtuale 'Terra ti voglio bene'

In occasione della Giornata Mondiale per l'Ambiente dedicata al tema del drammatico declino della biodiversità del pianeta che ricorre oggi (venerdì 5 giugno), la Piana del Cibo, il progetto di gestione coordinata e partecipata delle politiche del cibo tra i Comuni di Lucca, Capannori, Altopascio, Porcari e Villa Basilica, sostiene...


venerdì, 5 giugno 2020, 16:17

Spostata al 30 settembre la scadenza dell'acconto IMU 2020 per chi è in difficoltà economica a causa del Coronavirus

L'assessore alle finanze Ilaria Carmassi: "Siamo sempre più vicini alla comunità di Capannori. Un'importante misura che si somma alle altre iniziative già messe in atto dalla nostra amministrazione comunale per sostenere famiglie, attività e imprese"


venerdì, 5 giugno 2020, 15:48

Cavalcavia sul rio Leccio, Autostrade cerca soluzioni per le rampe di accesso

Autostrade per l'Italia si è impegnata a pianificare gli interventi sulle rampe d’accesso del cavalcavia sul rio Leccio. Questa la rassicurazione raccolta dal vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Franco Fanucchi dopo un incontro con la direzione del IV Tronco del gestore della tratta della A11 che attraversa il territorio...


venerdì, 5 giugno 2020, 15:45

Altopascio, aperte le iscrizioni per nido, mensa e trasporto scolastico: tariffe invariate rispetto al 2019

Confermate, infatti, anche per quest'anno, le tariffe e le riduzioni Isee introdotte dall'amministrazione D'Ambrosio, che permettono a un maggior numero di famiglie di accedere alle agevolazioni previste, in un territorio dove le rette per nido, mensa e scuolabus sono tra le più basse della provincia e della regione