Anno XI

mercoledì, 20 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Museo della Liberazione: vince la politica?

martedì, 13 gennaio 2015, 14:20

di silvia toniolo

Una caffetteria con un bookshop al posto del Museo della Liberazione? Una mossa del sindaco nonché assessore alla cultura Tambellini per raggiungere, nell'ottica di riqualificazione del Must, quel fatidico pareggio di bilancio o, semplicemente, allergia al fazzoletto bianco?

I rapporti, tesissimi, da sempre intercorsi tra la giunta di centrosinistra e l'associazione Amici del Museo della Liberazione fanno propendere per la seconda ipotesi. Quale sarebbe infatti il senso di sfrattare un angolo di cultura, tanto importante, quanto lo è quello che offre l'Istituto storico della Resistenza targato interamente “comune di Lucca”?

Nel 2014 hanno visitato il museo 15 mila persone, in soli 28 giorni. Dove sta quindi il problema di Tambellini visto che, in questo momento, avrebbe ben altri vuoti da colmare?

Tra l'altro la delibera di giunta, del 30 dicembre, che revoca la convenzione è stata pubblicata sull’albo pretorio, ma l'associazione non è ancora stata avvisata dell'imminente sfratto.

“Lo abbiamo saputo dalla stampa – dice, a nome dell'associazione, il direttore Andrea Giannasi – Come ci muoviamo? Partiamo dal presupposto che, fino a quando il comune non ci dirà nulla, rimarremo nelle nostre stanze. Non sappiamo tra l'altro con chi dobbiamo parlare. Possiamo dire comunque che siamo a totale disposizione del comune in maniera serena. Abbiamo da sempre messo al primo posto dialogo e confronto".

"Se siamo disposti ad andarcene? Si - risponde convinto - se arriverà la comunicazione ufficiale. Ci saranno poi sei mesi di tempo”. Ma non sarà una dipartita serena quella dell'associazione, dal momento che, se Tambellini ordina lo sfratto, dovrà fare i conti con delle inadempienze certifcate. A partire dal fatto che l'attuale amministrazione non avrebbe ancora dato, all'associazione, l'agibilità che le spetta, secondo la convenzione stipulata con Favilla".

“Il comune non ha ottemperato alla convenzione fino ad oggi – spiega Giannasi – E' un pasticcio gigantesco e sono convinto che appena la magistratura ci metterà le mani bloccherà ogni cosa. Posso solo farmi portavoce del rammarico dell'associazione perché questo è un museo che parla a tutti, che racconta la guerra per costruire la pace senza bandiere”. L'amministrazione di centrosinistra però, la quale pensa che la Resistenza l'abbiano fatta solo i partigiani rossi, sarebbe, secondo quanto denunciato dalla stessa associazione in questi anni, non solo venuta meno agli accordi, ma avrebbe, addirittura, letteralmente ostacolato in tutti i modi l'attività del Museo.

“Politicamente dà fastidio alla sinistra – spiega l'associazione - I motivi sono personali, di gelosie. C'è dietro la storia personale di qualcuno che vorrebbe prendersi il museo. E' un passaggio culturale orrendo, dittatoriale, è stalinismo puro”.

“Dove porteremo le nostre collezioni? Ancora non lo sappiamo, sentiremo se qualche Fondazione a Lucca è disposta ad ospitarci e, se non fosse possibile, chiediamo a tutti i comuni della provincia se vogliono questo museo. Ci dev'essere un comune disposto ad accoglierci. Altrimenti faremo richiesta a livello nazionale”.


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400

elettroKDM

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


martedì, 19 ottobre 2021, 16:15

Chiosco “da Piero”, Difendere Lucca: “Manca la volontà del Comune di salvarlo”

Interviene così il movimento Difendere Lucca sulla distruzione del chiosco fuori porta Santa Maria denominato "Specialità da Piero"


martedì, 19 ottobre 2021, 14:07

Morto il centrodestra: Mario Pardini abbandona il tavolo che non c'è mai stato e si candida da sé

Stanco di assistere ad un tira e molla senza senso e, ormai, consapevole che i partiti istituzionali come Lega, Forza Italia e liste civiche non hanno intenzione di puntare su di lui, il fondatore di Lucca 2032 preferisce togliere il disturbo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 19 ottobre 2021, 13:35

Fantozzi-Martinelli (FdI): "Verranno allestite delle unità di biocontenimento all'esterno del pronto soccorso di Lucca per ampliare gli spazi attuali"

Sopralluogo al pronto soccorso dell'ospedale "San Luca" di Lucca da parte del consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Vittorio Fantozzi, e del capogruppo in consiglio comunale, Marco Martinelli


lunedì, 18 ottobre 2021, 18:30

Lucca Civica si inventa un nuovo fascismo e chiede all'opposizione di sottoscrivere una mozione urgente

A distanza di un secolo dall'avvento del fascismo Lucca Civica rispolvera la solita dietrologia e grida al ritorno del duce invitando il centrodestra a fare quadrato comune


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 ottobre 2021, 18:25

Energia, Fantozzi-Martinelli (Fdi): "Gesam Reti Spa a rischio. Potrebbe concretizzarsi l'annessione di Toscana Energia"

"No a colpi di mano a pochi mesi dalle elezioni. Sia la prossima amministrazione a decidere il futuro di Gesam Reti SpA visto che di qui a sei mesi della gara del gas non ci sarà traccia"


lunedì, 18 ottobre 2021, 18:01

SìAmoLucca: "Casa abusiva al campo nomadi, i lavori stanno andando avanti: colpo alla legalità"

Incredibile: il com une tollera la costruzione abusiva di un manufatto all'interno del campo zingari di via delle Tagliate. Protesta SìAmo Lucca che reclama il rispetto della legalità valido per tutti