Anno 7°

venerdì, 22 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Marco Santi Guerrieri presenta la sua lista civica “Noi per Lucca”

martedì, 24 gennaio 2017, 15:15

di barbara ghiselli

“Sono italiano, sono lucchese, ho sempre vissuto del mio lavoro e se ho deciso di candidarmi come sindaco di Lucca è perché ho veramente a cuore le sorti di questa città e penso che ci sia bisogno di un cambiamento perché Lucca possa tornare in mano ai cittadini”. Con queste parole Marco Santi Guerrieri ha esordito alla conferenza stampa dove ha dichiarato l'intenzione di candidarsi sindaco  per Lucca e dove  ha presentato la lista civica “Noi per Lucca”, marchio, come è stato spiegato che è diviso in due parti nella parte alta riconoscibile il simbolo della Torre Guinigi che rappresenta la cittadinanza attiva e nell'altra vari slogan tra i quali leggiamo” Stop Invasione”, “Più sanità per non crepare” e “Cittadinanza sovrana”.

“Saranno poi i cittadini, – ha fatto presente Santi Guerrieri – a scegliere mediante il sito web e il profilo Facebook di “Noi per Lucca” che creeremo, a scrivere un breve slogan sulle tematiche che ritengono importanti e noi sulla base di questi suggerimenti metteremo insieme una squadra che possa far fronte alle esigenze dei lucchesi”. Santi Guerrieri ha affermato di essersi affrancato dal partito Fratelli d'Italia perché non riusciva a trovare stimoli politici validi e adesso, libero dal guinzaglio, può dire finalmente tutto quello che pensa, oltre naturalmente alle opinioni della cittadinanza . 

“In questo mio percorso avrò al mio fianco – ha sottolineato Santi Guerrieri – due valide persone che hanno appoggiato sin da subito questo progetto e che sono Francesco Lucchesi, che è stato assessore nel comune di Capannori e Paolo Da Prato alla prima esperienza in politica, saranno un po' come il mio braccio destro e sinistro e li ringrazio per tutto l'impegno manifestato sino ad ora. Presenteremo quanto prima il programma che sarà composto da otto, dieci punti circa”.Quali sono i temi ispiratori del programma elettorale di Noi per Lucca?“Riteniamo, come recita l'articolo 1 della Costituzione che la sovranità appartenga al popolo – ha risposto Santi  Guerrieri – e che sia necessario che vi ritorni  infatti il comune, secondo la nostra concezione, dato che è un ente locale ed ha quindi una certa autonomia politica ed amministrativadeve indirizzarla verso la cittadinanza attiva che invece è costretta a pagare per ricevere servizi anche sanitari ”.Santi Guerrieri ha poi elencato gli altri temi ispiratori del suo programma elettorale tra i quali troviamo la dicotomia tra cittadini e pubblica amministrazione quando invece sarebbe auspicabile un maggior dialogo e una semplificazione della burocratizzazione.“Passando all'argomento 'migranti' ritengo non sia giusto che, per fare business,associazioni e cooperative, speculino su ciò e propongo anche un maggior controllo sanitario su questo fronte. Se diventerò sindaco tutte le tendopoli saranno sgomberate a parte quella per l'accoglienza di migranti in transito che in brevi tempi devono trovare una destinazione, non come ora che stanno qui anche più di un anno e ad essi se ne aggiungono altri”ha commentato Santi Guerrieri, aggiungendo: “Stessa cosa deve essere fatta per quanto riguarda i campi nomadi ovvero non ci deve essere più un campo con individui che si stanziano e dopo non se ne vanno più. Propongo un campo dove, dopo aver controllato i documenti, possano stare degli individui in transito per una settimana circa, non di più”.Santi Guerrieri continua dicendo che anche per quanto le attività commerciali è importante che venga protetto tutto ciò che è”made in Lucca” ed è quindi contrario alla proliferazione di negozi che  non rispecchino la tradizione e che non rivalutino l'artigianato locale.Al temine della conferenza Santi Guerrieri ha mostrato un dossier riguardante un progetto di accoglienza per i nomadi del campo delle Tagliate che risale al 2015 e che sarebbe costato, se fosse stato approvato circa 2 milioni di euro ai contribuenti lucchesi e assicura che, con lui come sindaco, cose del genere non sarebbero state possibili.


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


tambellini


brico


auditerigi


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


venerdì, 22 novembre 2019, 17:07

Bindocci: "Cassa integrazione alla Pieretti"

Massimiliano Bindocci della Uilcom Uil Lucca interviene in merito alla richiesta di consultazione sindacale per Cigo Cartiera Pieretti srl


venerdì, 22 novembre 2019, 11:55

Minniti (Lega): "Ancora violenze contro la polizia penitenziaria, presto farò visita al S. Giorgio per rendermi conto delle esigenze degli agenti"

Non è la prima volta - afferma il consigliere comunale della Lega Giovanni Minniti - che gli agenti della Polizia Penitenziaria del San Giorgio sono vittime di brutali aggressioni da parte di detenuti nordafricani che ovviamente sfuggono alla guerra e vengono a delinquere in Italia con la complicità di chi...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 novembre 2019, 11:55

Violenze nel carcere: Barsanti chiede nuovo incontro in Commissione con garante detenuti e sindacato agenti penitenziari

Dopo i ripetuti episodi di violenza nella casa circondariale di San Giorgio il consigliere comunale di opposizione, membro della Commissione sociale, chiede che questa metta al più presto all'ordine del giorno un incontro urgente con il Garante dei detenuti e con il sindacato degli agenti penitenziari


giovedì, 21 novembre 2019, 15:38

Vietina sui laboratori di lettura al Bucaneve: “Una nonna sul trattore non mina in nessun modo la costruzione dell'identità sessuale dei bambini”

Vietina sui laboratori di lettura al Bucaneve: “Una nonna sul trattore non mina in nessun modo la costruzione dell'identità sessuale dei bambini”. “Un progetto educativo sostenuto da 27 partner fra enti pubblici e associazioni”


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 21 novembre 2019, 15:09

Illuminazione al Piaggione, Barsanti: avevamo ragione. Adesso l'Amministrazione acceleri l'iter

"Dopo due anni stavamo per arrivare ad una conclusione positiva, forti di un parere del dirigente che conferma quanto sostenni in Consiglio: quella strada è vicinale ad uso pubblico. Tuttavia l'ennesimo intoppo nell'iter ha causato un altro ritardo. Adesso serve uno scatto concreto".


mercoledì, 20 novembre 2019, 23:43

Una Mercanti illuminante o illuminata?

Valentina Mercanti, assessore alle attività produttive, ce l'ha messa davvero tutta per convincere i commercianti di via Fillungo a tirare fuori 120 euro per l'illuminazione natalizia. Purtroppo, però, i pidocchi(osi) sono stati troppi e anche lei, alla fine, si è dovuta arrendere all'evidenza