Anno 7°

mercoledì, 13 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Civicità a doppio senso? Santi Guerrieri bacchetta Chiari

giovedì, 2 febbraio 2017, 09:42

Alla luce della decisione di Marco Chiari di lasciare Alternativa Civica e passare, armi e bagagli, con Fratelli d'Italia, Marco Santi Guerrieri, candidato a sindaco ed ex coordinatore comunale, manifesta le sue perplessità in proposito:

Ancor prima che da candidato sindaco vorrei anteporre la mia impressione da comune cittadino. E’ tragico, deludente, sconcertante girare fra la gente in cerca di consensi e sentirsi dire per la ennesima volta che la politica come descritta nella cronaca cittadina ha veramente scassato le scatole ai lucchesi. Ma come si fa a pretendere credibilità quando a tu per tu con gli elettori ti senti dire “votare chi?“, “ te se una brava persona, ma poi? Ma li leggi i giornali? .. Insomma i giornali li leggo eccome, anzi dalle testate online arrivano ancor più che immediate e puntuali le notizie in tempo reale, messaggi crudi sintetici e capaci di far rabbrividire il piu’ navigato dei politici".

“Credo - incalza Santi Guerrieri - che compito di chiunque oggi abbia a cuore il destino politico di Lucca, sia quello di far sì che il centrodestra con una intesa comune possa poi, facendo prevalere il buonsenso di tutti i contendenti, giungere al successo elettorale. Dico questo perché è di ieri sera la notizia non smentita dal diretto interessato Marco Chiari, che potrebbe mandare a monte la buona volontà dei pochi lucchesi ancora decisi a dare un senso al loro voto rivoltando come un calzino il concetto di civicità. Difatti, dalla notizia riportata, Chiari ha confermato di essere in sintonia, in trattativa con i responsabili di Fratelli d’Italia per un suo eventuale coinvolgimento nel partito, glissando un “Siamo soltanto alla fase del dialogo e non c'è nulla di concreto". 

Nel premettere e Chiari non me ne voglia, che questa mia è una valutazione “sociopolitica in ambito locale" e non assolutamente una mia personale valutazione circa le idee una persona ovviamente libera di fare quello che meglio crede. 

“Era il 18 gennaio 2016 quando Marco Chiari esordì con un “progetto concreto per l’unita’ del centro destra, dando alla luce la sua creatura “Alternativa civica”. Tradotto in soldoni e per i meno esperi “Alternativa Civica” significa, alternativa all’attuale sistema partitico con annessi e connessi. Una civicità di comodo quella paventata da Chiari? Sicuramente no, visto l’encomiabile e impegnativo progetto per la città che lo stesso chiari espose alla stampa ed ai presenti.

Colpo di scena, il 22 novembre 2016, con Alternativa Civica Marco Chiari si candida a sindaco di Lucca, ipotetico e/o eventuale asserisce,  ma affermazione sufficiente a far capire che la sua è una provocazione al sistema politico lucchese.

Queste le sue parole: “Non essendo più disponibile a sottostare alle logiche politiche ad ai giochi di potere, anzi ad avvallare la sua provocazione , Marco Chiari da uomo intelligente quale è lascia sin da subito una porta aperta asserendo al riguardo della sua candidatura. Ciò è dovuto al fatto che ad oggi i nomi trapelati non presentano le condizioni oggettive sulla propria candidatura. Se queste condizioni nell’arco di un breve lasso di tempo, fossero verificate fattibili ed il candidato prescelto rappresentasse l’unione del centrodestra, il nostro gruppo sarà il primo a sostenerlo, ritirando la propria candidatura. Bene, le tanto quanto ovvie premesse relativamente la civicità espresse da Chiari coordinatore di “ Alternativa Civica “ sembrerebbero essere buone dimostrando di rispettare le regole dando il proprio sostegno al neo candidato a sindaco per il CDX Remo Santini".

“Ma se veramente Marco Chiari - conclude Santi Guerrieri - intendesse mettersi in lista con Fratelli d'Italia o peggio assumerne la direzione comunale in veste di portavoce o di commissario, rimetterebbe in discussione con il suo “dietrofront” non solo quanto da lui asserito in precedenza ma la credibilità agli occhi degli elettori del lavoro svolto dai tanti movimenti civici di centrodestra attualmente impegnati in vista delle prossime consultazioni elettorali e a mio modesto avviso anche del movimento civico di cui è stato ed e’ a tutt’oggi l'ispiratore”.

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


tambellini


brico


auditerigi


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


mercoledì, 13 novembre 2019, 00:42

Lemucchi: "Sei milioni di recupero dell'evasione". Centrodestra: "Tasse alte"

Oltre sei milioni di euro dal recupero complessivo dell'evasione. Il dato è stato riferito in consiglio comunale dal vicesindaco Giovanni Lemucchi


martedì, 12 novembre 2019, 23:09

Museo del fumetto alla Manifattura, sindaco: "Sarà luogo estremamente vivo"

Il Museo del Fumetto alla ex Manifattura "sarà un luogo estremamente vivo". Ne è convinto il sindaco Alessandro Tambellini che è intervenuto sull'argomento durante la discussione della terza variazione al piano degli investimenti 2019 - 2021


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 12 novembre 2019, 22:34

Consiglio, Battistini "zittisce" Barsanti

Insolito episodio durante il consiglio comunale di stasera, nel corso del quale il presidente del consiglio comunale Francesco Battistini ha "zittito" il consigliere Fabio Barsanti (Casapound) chiedendo al personale comunale di spegnergli il microfono


martedì, 12 novembre 2019, 21:56

“Via di San Donato invasa dall’erba alta: marciapiedi non percorribili”

Lo ha dichiarato Marco Martinelli nella fase riservata alle raccomandazioni durante il consiglio comunale di questa sera 12 novembre


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 12 novembre 2019, 21:47

Ufficio edilizia, botta e risposta Torrini-Tambellini

Botta e risposta "dantesco" in consiglio comunale tra il consigliere Enrico Torrini (SìAmo Lucca) e il sindaco Alessandro Tambellini sulla situazione dell'ufficio edilizia privata del comune di Lucca


martedì, 12 novembre 2019, 16:17

"Legge spazzacorrotti", protesta l'avvocatura lucchese

E' durissima la protesta di tutta l’avvocatura lucchese nell'ambito della mobilitazione proclamata dall’UCPI e dall’OCF per l'entrata in vigore, l'1 gennaio 2020, della cosiddetta "legge spazzacorrotti"