Anno XI

venerdì, 22 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Consiglio comunale: si discutono le linee del programma di Tambellini, niente di nuovo all'orizzonte

mercoledì, 26 luglio 2017, 00:39

di nico venturi

Si discutono le linee programmatiche del programma che Alessandro Tambellini ha proposto alla città di Lucca, illustrato nel precedente consiglio comunale. I consiglieri Renato Bonturi e Daniele Bianucci, rispettivamente capigruppo di PD e Sinistra con Tambellini, hanno elogiato il programma, ma ammettendo che molti punti erano già presenti in quello di cinque anni fa e non sono stati portati poi a compimento. La risposta da parte della minoranza a questo “mea culpa” non si fa attendere, e Fabio Barsanti affonda il colpo insieme a Remo Santini e Marco Martinelli, prima dell’intervento propositivo di Bindocci. La maggioranza ha chiaramente concordato con le linee programmatiche di Tambellini, che hanno sostenuto anche in campagna elettorale. "Credo che i punti da dove partire siano il piano delle funzioni del centro storico e le grandi infrastrutture, dal ponte sul Serchio agli assi viari – spiega Renato Bonturi del PD. - Un altro impegno importante sarà l'attuazione dei quartieri social, e sarà nostro compito vigilare sulla corrispondenza delle qualificazioni alle esigenze della cittadinanza. I temi sono ovviamente numerosissimi ma sono in primo piano anche turismo, cultura, riqualificazione degli impianti sportivi e l'inclusione, proseguendo il percorso avviato negli anni passati”.

Daniele Bianucci, capogruppo di Sinistra con Tambellini, elogia il programma. "Le sfide dell'amministrazione si svolgono in un quadro più generale molto complicato a livello economico. Lucca non è un'isola, e può e vuole fare la sua parte a livello non solo locale, ma nazionale ed europeo. E’ in questo contesto che oggi passa questa amministrazione – spiega Bianucci. - Serve un impegno ancora maggiore per le politiche sociali, per una città dove non ci siano muri e dove si valorizzino tutte le forme di civismo e volontariato. Per rendere più efficace l'attività dell'amministrazione crediamo che sia necessario procedere con la creazione del comune unico della piana di Lucca. Dobbiamo deve diventare città delle donne, ma anche dei giovani ci piace molto l'idea di riqualificare il teatrino di Corso Garibaldi – conclude il consigliere. - Un altro tema importantissimo è l’ambiente, ricordo che durante l’insediamento di questa giunta si è staccato un grosso lastrone di ghiaccio delle dimensioni di una nazione. Quindi il clima e ciò che lo rendono instabile devono essere dei punti su cui confrontarci”. Chiara Martini consigliera comunale del Pd, sostiene che Lucca non è peggiorata in questi anni, ma che: "I problemi si leggono tra le linee programmatiche stesse. E’ stato ammesso che alcune cose negli ultimi cinque anni sono passate in secondo piano e adesso sono diventate la priorità".  Il consigliere comunale di Lucca Civica Gabriele Olivati "Finalmente in questo mandato abbiamo la possibilità di attuare molti dei progetti rimasti in cantiere, soprattutto le riqualificazioni dei quartieri. In questo modo il comune può venire in soccorso ai giovani che hanno bisogno di spazi e risposte concrete". 

A prendere la parola è stato poi il leader di Casapound, Fabio Barsanti, che ha distrutto il programma punto per punto. “Le linee programmatiche sono un mea culpa – esordisce Barsanti di Casapound. – Non sono mie parole, ma quelle di Bianucci, che ha ammesso in prima persona, insieme a Bonturi, che tante cose non sono state fatte nella precedente amministrazione, anche se il sindaco in campagna elettorale ha detto che non ha sbagliato niente. Si parla di partecipazione, ma esempi come quello di Antraccoli o San Vito, ci devono servire per ricordarci quanta poca ce n’è stata negli scorsi cinque anni. Si parla di isole ecologiche, ma siamo stati noi a proporre di eliminare il porta a porta e reinserirle in campagna elettorale, sono contento che l’idea sia piaciuta. Bonturi ha detto che bisogna ripartire dal lavoro, dallo sport, dal sociale, dal traffico, in pratica bisogna ripartire da zero, perché tutte queste cose c’erano già nel vecchio programma ma niente è stato fatto – continua Fabrio Barsanti. - Si parla di animali e della loro tutela. Bhè devo dire che questa amministrazione è stata di gran lunga la più lontana nel difendere i diritti degli animali, poi in campagna elettorale si è fatto finta di creare una presunta lista a sostegno del verde e degli animali, composta da persone che quattro mesi prima protestavano contro Tambellini, e sto parlando di “Lucca per l’ambiente”. Non serve formazione per occuparsi degli animali, ma attitudine e sensibilità, e queste cose non si imparano, quindi evitate di spendere soldi per corsi di formazione. Si passa poi alla tutela commercio di vicinato, ma la progressiva liberalizzazione, voluta dai governi che vi sono è amici, non ha tutelato il commercio locale, e poi si viene a parlare di piano delle funzioni che andava fatto invece in questi cinque anni. Si parla di turismo, ma si fanno solo tanti annunci e bei discorsi ma non viene sfruttata la provincialità e non ci sono progetti concreti – spiega ancora il consigliere di Casapound. - Siamo arrivati addirittura a leggere la frase ‘Città per i giovani’. Sfido qualsiasi giovane a trovare un luogo concreto dove divertirsi a Lucca. Si parla di teatrino di corso Garibaldi e Foro Boario, ma sappiamo che vengono sempre dati in gestione a quei ragazzi che vanno a protestare per il G7, che lo usano per concerti di musica regge e che non sono sfruttati invece per l’intera comunità. Per i giovani non c’è niente non parlate di Lucca per i giovani. Infine i migranti, qui leggo che l’amministrazione vuole mantenere una ‘posizione di rigore rispetto a questa di questi 5 anni’, mi piacerebbe sapere qual è visto che altri comuni si sono scocciati e hanno detto ‘stop’ mentre noi lo diciamo solo in campagna elettorale, sull’immigrazione state portando la nazione a rischio di una bomba sociale economica che i nostri figli dovranno scontare”.

Il consigliere Remo Santini di SìamoLucca ha continuato l’attacco al programma, sostenendo che non si parla di molti temi importanti per la cittadinanza, come ad esempio progetti concreti per la sicurezza. “Mi voglio riallacciare a una frase che ho trovato nel programma ‘risvegliare il senso di appartenenza’. Leggendola mi sono domandato, ma se il senso di appartenenza alla città va risvegliato, chi è che lo ha spento? Forse chi ha governato negli ultimi cinque anni, e mi sembra che al governo c’eravate voi – spiega Santini. - Detto questo mi associo a quanto detto dai miei colleghi precedentemente e vorrei farvi notare che il tema della sicurezza è stato collocato al penultimo posto. Credo che questo sia un insulto a quanto hanno decretato i cittadini, indistintamente, e cioè che il problema principale di Lucca in questo momento è la sicurezza. Noi abbiamo fatto tante proposte come il vigile di quartiere, ordinanze contro l’accattonaggio molesto, nuove telecamere e patrocinio legale gratuito per chi veniva colpito da furti o rapine – continua. - Non imperniare le linee su questo è tradire la priorità della gente, e nel programma non si leggono proposte concrete. Riguardo ai patti di confine, vorrei dire che quello fatto con Viareggio e quindi con il sindaco Del Ghingaro, pubblicizzato con una conferenza stampa nei giorni pre ballottaggio, ha infranto la legge 28 del 2000, sul divieto delle pubbliche amministrazioni di fare propaganda in quei giorni. Questa è una delle tante scorrettezze che mi premeva ricordare. Sulla questione cibo, invece di riempirsi la bocca con paroloni, o citare, come ha fatto il consigliere Bianucci, lo scioglimento dei ghiacci all’Antartide, io direi invece che è meglio concentrarsi su Lucca e fare ad esempio un controllo sul regime alimentare che viene imposto ai nostri figli nelle mense, invece di parlare di cose che non possono essere risolte da noi come comune – conclude il consigliere di SìamoLucca. - Nel programma non si accennano alle carenze del San Luca, dei posti letto mancanti. Per quanto riguarda il commercio non si propongono interventi concreti, così come per i parcheggi nel centro storico, che porterebbero molte più persone di Lucca e della lucchesia a visitarlo. Tagli alle case di riposo che gridano vendetta e giovani che vogliono i loro spazi, ho cercato, ma in queste linee programmatiche non c’è niente di tutto questo.  In sostanza il programma mi sembra fumoso, dice tutto e il contrario di tutto”.

Marco Martinelli, consigliere di Forza Italia, ha sollecitato il sindaco a rispettare quanto promesso in campagna elettorale, soprattutto sui temi del Summer Festival e della Lucchese, contestando poi molte mancanze nel programma elettorale. “Nella precedente seduta di consiglio abbiamo ascoltato le linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti che si propone di realizzare nel corso del mandato della nuova giunta. Quanto esposto, i programmi e le prospettive inserite, certificano che poco o nulla è stato fatto durante la sua precedente amministrazione – spiega Martinelli. - Riguardo alle tasse quest’amministrazione, mantenendo fede alle prerogative di sinistra, in questi cinque anni ha portato la pressione fiscale a livelli stellari senza precedenti. Le aliquote fiscali sono state elevate dalla Sua amministrazione ai massimi livelli consentiti in una situazione già di forte difficoltà per le famiglie e le imprese a causa della crisi economica generale, ma in queste linee non si evince nessuna inversione di rotta. Sulla sicurezza chiediamo una forte discontinuità con la politica di questi cinque anni dove Lucca è stata schiava di un'ideologia del buonismo che non considera la sicurezza una richiesta reale dei cittadini – commenta ancora il consigliere di Forza Italia. -  Sono importanti anche le azioni volte a migliorare la vivibilità dell'intero territorio, eliminando il degrado e coniugando prevenzione e controllo dei reati. Negli anni precedenti all’avvento della sinistra a Lucca non si era mai assistito ad un dilagare inarrestabile del fenomeno dell’accattonaggio molesto di fronte alle attività ai luoghi di culto e a parcheggi che sono nella quasi totalità gestiti da abusivi. La politica portata avanti dall’amministrazione ha favorito l’invasione di Lucca da parte di profughi o presunti tali.  Nelle linee programmatiche da lei proposte addirittura si parla in merito alla questione dell’accoglienza “di ricerca di una soluzione strutturale e di lungo periodo”. Dove si vuole arrivare? Intende trasformare Lucca in un grande campo profughi? Il solo territorio del Comune è bene ricordarlo accoglie oggi oltre 400 persone che risultano essere più del doppio rispetto a quelle previste dai canoni fissati dal ministero dell’interno – commenta di nuovo. - In queste linee programmatiche non si parla assolutamente del futuro del gruppo Gesam, come se fosse un argomento di secondaria importanza quando invece questa realtà ha da sempre rappresentato un’importante bacino di posti di lavoro per le famiglie lucchesi ed un importante volano per l’economia locale. Case di riposo, turismo, scuola e famiglia hanno bisogno di importanti messaggi, ma in queste linee di programma non viene proposto niente di concreto. Infine – conclude Martinelli - vorrei parlare del Summer Festival e Lucchese, visto che in campagna elettorale il sindaco Tambellini ha promesso l’impegno se rieletto a rinnovare la convenzione pluriennale con gli organizzatori del Summer Festival così come ha promesso un impegno concreto per individuare nuovi soci privati per la società Lucchese calcio. Il momento è adesso non può rimandare. Mantenga la parola data e dia seguito con fatti concreti alle promesse elettorali”.

Il consigliere del movimento 5 stelle, Massimiliano Bindocci, ha poi invitato il sindaco e la sua giunta a rendere gli atti veramente trasparenti e ha poi fatto delle puntualizzazioni sul programma. “Non ci sono piazze nei quartieri e sulle arterie principali. Spiego meglio, noi abbiamo la Sarzanese, la via Pesciatina e la Pisana, per non parlare di via del Brennero, che sono arterie fondamentali per noi e attraversano i nostri quartieri. Ho notato che non ci sono spazi per fermarsi con la macchina e riunirsi – spiega Bindocci. - Noi dobbiamo tutelare questi centri commerciali naturali, perché non ci scordiamo che la Sarzanese ha più negozi del centro storico. Un altro tema importante riguarda l’aria, e non lo vedo scritto nel programma. Noi siamo nella top 10 delle arie più inquinate, vogliamo fare qualcosa per risolvere questo problema? Perché l’aria la respiriamo tutti non solo la maggioranza. Riguardo il lavoro il sindaco può fare molto, a differenza di quanto è stato detto dai consiglieri di maggioranza, grazie al sistema degli appalti. Parlando poi del commercio, c’è da dire che la grande distribuzione ha massacrato la piccola – continua il consigliere del M5S. - A Lucca c’è stata un’apertura incontrollata di  grandi marchi, abbiamo ad esempio con quattro Esselunga due Coop, Carrefour e tanti altri che hanno distrutto il commercio al dettaglio. Infine vorrei parlare della trasparenza, che non è stata citata, per il semplice fatto che non c’è e questa è un’ammissione di colpa. Tambellini dice che qui è tutto di cristallo e trasparente ma non è vero, quindi invito la giunta a fare uno sforza affinchè noi non ci possiamo più lamentare di niente”.

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400

elettroKDM

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


giovedì, 21 ottobre 2021, 22:25

Martinelli: "Maggiore attenzione alla conservazione dei monumenti presenti nel centro storico"

Lo dichiara Marco Martinelli presidente del gruppo consiliare di Fratelli d'Italia al comune di Lucca durante il consiglio comunale di questa sera


giovedì, 21 ottobre 2021, 09:29

Milite Ignoto, Barsanti (Difendere Lucca): "Esempio unificante per la Nazione, importante la cittadinanza onoraria"

Commenta così il consigliere comunale Fabio Barsanti la delibera per la concessione della cittadinanza onoraria lucchese al Milite Ignoto


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 20 ottobre 2021, 18:51

Santini: "Sopralluogo di Music Innovation Hub alla Manifattura, il sindaco ci dà ragione"

Il capogruppo di opposizione per SìAmoLucca: "Ancora una volta ci ha derisi per poi arrivare sulle nostre posizioni: meglio tardi che mai"


mercoledì, 20 ottobre 2021, 18:31

Giorgio Del Ghingaro, il Pd dice basta col 'turismo politico': sindaci e buoi dei paesi tuoi

In un documento approvato in vista del congresso dal Pd di Viareggio si delinea chiaramente la linea del partito che è anche quella ribadita da Tambellini e Panchieri: Giorgione resti a casa sua nel Compitese e mai più sindaci foresti. E poi saremmo noi i razzisti?


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 20 ottobre 2021, 17:56

Centrodestra, senza unità a rischio... estinzione: come prima, più di prima

Un'analisi personale, superficiale, modesta e riferita al quadro nazionale, ma con sottese preoccupazioni locali. Anche in considerazione delle involuzioni del cdx sulla scelta, ormai urgente, del candidato sindaco di Lucca: così stando le cose andrà a finire come a Milano, Roma e altrove. Che peccato...


martedì, 19 ottobre 2021, 16:15

Chiosco “da Piero”, Difendere Lucca: “Manca la volontà del Comune di salvarlo”

Interviene così il movimento Difendere Lucca sulla distruzione del chiosco fuori porta Santa Maria denominato "Specialità da Piero"