Anno 7°

martedì, 23 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Allontanato dal consiglio comunale, Bindocci (M5S): "Fatto di inaudita gravità che viola le più elementari regole democratiche e costituzionali"

venerdì, 28 dicembre 2018, 15:40

Dopo essere stato espulso dall'aula del consiglio comunale per aver detto una parolaccia, Bindocci (M5S) interviene nuovamente sull'episodio.
"Non si espelle così la libertà di dissentire - scrive il consigliere pentastellato - Non vi dovete illudere Tambellini e amici. La città non è fatta solo di cravatte, ipocrisia e di affari. C'è una città stanca di non contare niente, delle liste di attesa per una visita, perché se chiama in Comune e non conosce nessuno vede che "i soliti" passano avanti, che vede sempre le solite ingiustizie, che ha paura dei furti in casa (Lucca è ai primi posti), che è stanca  del traffico sulla circonvallazione, che vorrebbe respirare un'aria più pulita (Lucca è agli ultimi posti), che vorrebbe pagare un po' meno la spazzatura, che vorrebbe l'acqua pubblica, che non vuole aspettare l'autobus mezz'ora e poi stare in piedi, che non vuole che chi lavora per l'amministrazione abbia paura
di parlare, che vuole un semaforo e non vuole più piangere per le vittime di incidenti stradali, che aspetta i permessi per lavorare, che vorrebbe lavorare meglio, una città che vorrebbe anche solo lavorare, che vorrebbe maggior trasparenza, che non vuole mandare i figli  a
scuola nei container, che vorrebbe invece scuole sicure ed anti sismiche, che vuole che chi aspetta il contributo affitto lo riceva, che vuole rispetto per chi lavora negli appalti ed ora è a casa, che vuole girare la sera per strada senza paura. Insomma c'è una Lucca incazzata di questo stato di cose.  Per questo si usano certe parole. Perché rendono meglio il concetto. Certi manierismi di facciata non appartengono ai cittadini stanchi di essere chiamati solo a pagare e subire. Non basterà una espulsione".

Bindocci ha inoltre scritto la seguente lettera per chiedere l'intervento del prefetto.

"Faccio presente - ha scritto - che l'allontanamento che ho dovuto subire dal Consiglio Comunale di Lucca nella serata di ieri è un atto di inaudita gravità e viola le più elementari regole democratiche e costituzionali. Nemmeno il regolamento del Consiglio consente una procedura del genere, l'allontanamento è ammissibile solo per un argomento e dopo un richiamo, ma in caso che i consiglieri "continuino a turbare i lavori consiliari". Ho solo reagito al brusio (visto che il Presidente del Consiglio non interveniva dicendo che esponevo "come c. mi pare"), nessuna turbativa e nessun primo richiamo. Credo che si debba intervenire immediatamente in nome della più volte sbandierata democrazia, del rispetto delle minoranze e dei valori costituenti. Allontanare un rappresentante democratico da un'aula in cui è stato democraticamente eletto è un fatto gravissimo a mio avviso. Faccio altresì presente che anche un parere in materia del Ministero degli Interni ribadisce l'inammissibilità di tale condotta. Chiedo che ogni organi destinatario della presente comunicazione faccia quanto ritiene opportuno per ristabilire la corretta prassi democratica nel Consiglio Comunale di Lucca. Faccio presente che questo episodio si aggiunge alla grave scelta (anche quella segnalata alla Prefettura competente) da parte della maggioranza e della amministrazione di disertare il Consiglio Comunale Straordinario chiesto dalle opposizioni sulla sanità. Anche tale fattispecie è contestata da un noto parere del Ministero è mina le basi del confronto democratico di un Consiglio Comunale. Chiedo nuovamente un Vostro intervento".

 


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


Lucar


auditerigi


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


domenica, 21 aprile 2019, 22:45

"Sindaci della Garfagnana a favore del progetto ANAS. Strano... chi se lo sarebbe mai aspettato!?"

Il comitato assi viari Lucca critica ironicamente la scelta dei sindaci della Garfagnana di dichiararsi favorevoli al progetto Anas per la realizzazione degli assi viari


domenica, 21 aprile 2019, 12:49

I sindaci della Garfagnana: "Assi viari, opera fondamentale"

I sindaci dell’Unione dei Comuni della Garfagnana intervengono in merito al progetto degli assi viari ritenendo il nuovo sistema tangenziale un'opera fondamentale per l'intera provincia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 18 aprile 2019, 16:50

Consiglio comunale aperto sulle prospettive future di Lucca del 9 maggio: fino al 30 aprile sarà possibile richiedere di intervenire

C'è tempo fino alle 13 del 30 aprile per segnalare la richiesta di eventuale intervento alla seduta di consiglio comunale dedicato al futuro di Lucca. Il consiglio comunale si riunirà, infatti, su richiesta del consigliere capogruppo di SiAmoLucca più altri otto consiglieri, in seduta straordinaria e aperta sul tema “2030:...


giovedì, 18 aprile 2019, 15:05

Assi viari, centrodestra e civiche: "Vogliamo vedere le osservazioni presentate dal Comune"

Lo dichiarano in una nota i gruppi consiliari di centrodestra (partiti e liste civiche) che in vista degli step previsti per la presentazione di modifiche al progetto del sistema tangenziale, tornano a puntare il dito contro la giunta di centro sinistra


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 17 aprile 2019, 23:47

Presentata la lista per le europee La Sinistra

Si è tenuta questa mattina presso l'ARCI di Via Santa Gemma a Lucca la presentazione de La Sinistra, lista che parteciperà alle prossime elezioni europee del 26 maggio e che racchiude al suo interno, oltre a numerosi membri della società civile, soggetti politi quali Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana, L'Altra Europa...


mercoledì, 17 aprile 2019, 17:51

Sanità: "Pronta la mozione di sfiducia a Rossi firmata da tutti i capigruppo del centrodestra"

I Capigruppo regionale Paolo Marcheschi (Fdi), Elisa Montemagni (Lega), Maurizio Marchetti (Forza Italia) annunciano la firma su una mozione contro il Governatore toscano dopo i problemi della sanità regionale