Anno 7°

giovedì, 21 marzo 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Del Chiaro: "Sulle rsa Chiari e Santini hanno sparso affermazioni pesantissime e infondate"

giovedì, 13 dicembre 2018, 19:11

L'assessore al sociale Lucia Del Chiaro risponde, sulla questione residenze sanitarie assistite, a Marco Chiari di Fratelli d'Italia e al capogruppo dell'opposizione Remo Santini:

Le affermazioni lanciate in più occasioni da Marco Chiari e Fratelli d'Italia contro le residenze sanitarie assistite Pia Casa e Monte San Quirico, gestite dalla cooperativa Pro.ges, dove l'amministrazione non effettuerebbe adeguati controlli, sono pesantissime e infondate. Prive di fondamento anche le affermazioni di Remo Santini sulla possibilità di iscrizione ad un corso annuale professionalizzante che sarebbe a carico dei lavoratori, infatti questa opportunità sarà sostenuta anche dal Comune con proprie risorse come sancito dall'accordo sindacale sottoscritto in prefettura.

Ricordo che la competenza dei controlli su queste strutture è della Commissione Multidisciplinare di Vigilanza e Controllo della Azienda USL. Quest'ultima è l'unico organismo che può valutare - e se del caso segnalare ai fini del ristabilimento delle condizioni operative - la qualità dei servizi prestati in ragione dei parametri di legge. Detto questo, come assessora al sociale, ho potuto verificare come il controllo dei Servizi Sociali comunali sul contratto che disciplina la concessione della gestione globale per le residenze sanitarie assistite sia effettuato con regolarità e sempre a sorpresa. A tale fine viene utilizzata una specifica check list che, oltre alla verifica degli adempimenti previsti dal contratto riguarda anche la permanenza dei requisiti verificati autonomamente dalla Commissione Multidisciplinare.

Ad oggi, sia dai controlli effettuati dal servizio che da quelli condotti dalla Commissione Multidisciplinare della USL, non sono emersi rilievi significativi sulla conduzione dei servizi, sia sul piano organizzativo e di dotazione del personale che sulla presa in carico dell'ospite. A questo deve aggiungersi che, fin dall'origine del rapporto, oltre ai controlli richiamati, l'ufficio ha istituito una prassi di relazioni - costantemente seguita - con le direzioni della RSA Pia Casa e della RSA Monte San Quirico e con la responsabile del contratto di Pro.ges - per un monitoraggio delle criticità che emergono quotidianamente e che spesso riguardano singoli ospiti, laddove fondamentale diviene l'apporto garantito dai colleghi del servizio sociale professionale. L'amministrazione tiene comunque in considerazione le segnalazioni di tutti i cittadini e Pro.ges ha già avviato le procedure per eleggere, all'interno delle due RSA, l'Organismo di rappresentanza delle famiglie che costituirà un ulteriore e significativo tassello della rete dei controlli sul sistema.

Riguardo asserite carenze del servizio di assistenza infermieristica si fa presente come dal luglio 2018 sia Monte S. Quirico che Pia Casa possono contare sulla presenza notturna dell'infermiere: e questo nonostante che sia i parametri regionali che il contratto di concessione non la prevedessero. Ciò è stato possibile proprio nel contesto di quella prassi di relazioni cui si faceva riferimento che è divenuta anche il naturale veicolo delle soluzioni di possibile miglioramento dei servizi. Tra l'altro è necessario sapere che i report sulle presenze giornaliere degli ospiti e il numero e gli orari effettuati dagli operatori impiegati giornalmente nel servizio, sono acquisiti e verificati mensilmente proprio dalla Azienda USL ai fini di controllare il rispetto dei parametri. Ebbene, fin qui, non sono stati segnalati rilievi di sorta.

Tutto ciò, a fronte del numero degli ospiti, degli inserimenti nel frattempo intervenuti nelle due strutture, della circostanza che la quasi totalità degli ospiti di Villa S. Maria abbia liberamente deciso di aderire alla opzione preferenziale offerta dall'amministrazione comunale verso le due rsa di Monte S. Quirico e Pia Casa, fa ritenere assolutamente meno che fisiologico il dato. Il concessionario gestore, se lo riterrà, potrà chiedere conto delle gravi affermazioni sparse con una leggerezza sconsiderata.


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


LUCAR_2016


q3


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


mercoledì, 20 marzo 2019, 14:23

Riforma 118, Marchetti (FI) avanti con un’interrogazione: "La Regione ci dica chi ha ascoltato. Trasparenza sui processi di riorganizzazione"

Il capogruppo di Forza Italia Maurizio Marchetti torna alla carica con un atto: "Basta dichiarazioni in libertà, chiarezza sul volontariato e sui sanitari. Qui si gioca a dividere gli operatori del soccorso con geometrie variabili"


mercoledì, 20 marzo 2019, 14:20

Partiti e civiche di centrodestra: "Nuovo rincaro della tassa rifiuti, poveri cittadini. E Lucca è sporca"

In un comunicato congiunto Forza Italia, Fratelli d'Italia, Lega, SìAmoLucca e Lucca in Movimento intervengono in merito alle nuove tariffe per i rifiuti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 20 marzo 2019, 09:01

Consiglio, nuovo regolamento e nuove tariffe sui rifiuti

Più inquini, più paghi. È questo, a detta dell'amministrazione comunale, il principio che ispira il nuovo il regolamento e le nuove tariffe sui rifiuti approvati dal consiglio comunale. Le proposte di delibera sono state presentate dall'assessore all'ambiente Francesco Raspini


mercoledì, 20 marzo 2019, 08:59

Consiglio, via libera alla variante del piano acustico

Il consiglio comunale di Lucca ha dato il via libera all'adozione della variante al piano comunale di classificazione acustica adottata in ottemperanza alla sentenza emessa dal Tar nella causa che vedeva contrapposti il comune e la Cartiera Modesto Cardella di San Pietro a Vico


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 20 marzo 2019, 08:57

Archivio fotografico, consiglio: "Ripristinare il servizio"

Il consiglio comunale ha approvato all'unanimità una risoluzione urgente presentata da Massimiliano Bindocci (M5S) che chiede di ripristinare quanto prima il servizio dell'Archivio Fotografico Lucchese. Rassicurazioni a riguardo sono arrivate dall'assessore alla cultura Stefano Ragghianti


martedì, 19 marzo 2019, 22:59

Commissione speciale, polemica in consiglio

È polemica tra i consiglieri comunali sulla decisione dei partiti e delle liste civiche del centrodestra di abbandonare la commissione speciale per i rapporti tra il comune e la Lucchese