Anno 7°

venerdì, 5 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Il comune di Lucca adotta la Carta dei diritti delle bambine

venerdì, 14 dicembre 2018, 16:07

Lo ha deciso la giunta Tambellini che in questo modo, facendo seguito ad una richiesta  dell'associazione Fidapa (Federazione italiana donne arti professioni e affari) Bpw Italy sezione di Lucca, ha inteso ampliare i diritti dell'infanzia, con particolare riguardo nei confronti dell'educazione dei giovani che deve essere scevra da pregiudizi legati al genere,  spesso alla base di episodi di violenza nei confronti delle donne.

“Con questo atto l'amministrazione comunale e la città di Lucca – spiega l'assessora alle politiche formative e di genere  Ilaria Vietina–, coerentemente con l'impegno portato avanti in questi anni nell'ambito delle politiche di genere, si impegna concretamente a mettere in pratica i principi contenuti all'interno della Carta nella pratica quotidiana, all'interno dei programmi educativi, delle politiche sociali e di partecipazione.

Si tratta di un impegno corale – aggiunge Vietina – che vede la stretta collaborazione fra la commissione per le pari opportunità del Comune e quella provinciale e fra le tante realtà associative che sul territorio operano a favore della parità sostanziale fra i sessi”. 

La Carta dei diritti delle bambine, così come adottata dalla giunta, è frutto di una revisione, operata nel 2016, di un primo documento che fu approvato per la prima volta al congresso della Bpw Europa a Reykjavik nel 1997 e che si ispirava a sua volta alla Convenzione Onu sui Diritti del fanciullo del 1989.

La nuova Carta, così come scaturita da questa revisione, fissa in 9 brevi articoli i diritti di ogni bambina legati all'ambiente familiare e scolastico, che le devono consentire di ottenere una crescita equilibrata e tutelata da ogni forma di violenza fisica e psicologica, sfruttamento, abusi sessuali (articoli 1 e 2). Una rilevanza specifica occupa l'istruzione (articolo 5) in materia di economia e politica, che deve consentirle di crescere come cittadina consapevole. Ogni bambina deve ottenere tutte le informazioni utili al proprio stato di salute (articolo 6), con particolare riguardo alla medicina di genere e deve potere affronatre il periodo della pubertà con il sostegno positivo da parte della famiglia, della scuola e dei servizi socio-sanitari (articolo 7). 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400

elettroKDM

tambellini

tuscania

toscano

auditerigi

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


giovedì, 4 giugno 2020, 19:23

Sport: il Comune dà in gestione gli impianti di San Cassiano a Vico, Sant’Anna e Mutigliano

La concessione avrà una durata decennale. L’avviso reperibile sul sito www.comune.lucca.it. Offerte entro il 30 giugno


giovedì, 4 giugno 2020, 16:35

"Come previsto della super manovra economica della giunta Tambellini non si vedono risultati"

Torna all'attacco il capogruppo di centrodestra Marco Martinelli che fin da subito aveva bollato come un "grande bluff" le misure adottate della giunta Tambellini per far fronte alla crisi economica portata dalla pandemia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 4 giugno 2020, 14:33

La Provincia ha affidato i lavori per completare ristrutturazione della caserma in Cortile degli Svizzeri

La Provincia investirà 113 mila euro per il completamento dei lavori di adeguamento e ristrutturazione della palazzina degli Svizzeri, nel complesso di Palazzo Ducale, sede del comando provinciale dei carabinieri


mercoledì, 3 giugno 2020, 20:35

Ex Manifattura Tabacchi, la scure di Piero Angelini sul progetto Coima-Fondazione Carilucca

In vista del consiglio comunale voluto dalle opposizioni con primo firmatario Remo Santini di SìAmo Lucca, l'ex parlamentare passa al setaccio, contesta e demolisce, punto per punto, il progetto di ristrutturazione finanziato dalla fondazione Cassa di Risparmio di Lucca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 3 giugno 2020, 19:33

Si riparte: via autocertificazione, ok spostamenti su territorio nazionale

Dopo quasi novanta giorni di lockdown, dopo 33 mila 539 morti, l'Italia, oggi, riparte. L'autocertificazione non serve più, non dovremo più giustificare uno spostamento, non ci saranno limitazioni e gli spostamenti potranno avvenire su tutto il territorio nazionale


mercoledì, 3 giugno 2020, 17:27

Commissione urbanistica: lavori ripresi grazie alle richieste dell'opposizione

Tornano a farsi sentire i tre consiglieri di opposizione in commissione urbanistica. Testaferrata, Barsanti e Torrini, i quali per mesi hanno chiesto la convocazione della stessa che non si riuniva dai primi di dicembre, hanno duramente criticato l'atteggiamento della maggioranza nella seduta di lunedì