Anno 7°

mercoledì, 20 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

"Migrazione, salute e diritti": grande successo a Villa Bottini per l'iniziativa dedicata al decreto sicurezza

sabato, 9 febbraio 2019, 18:25

"Migrazione, salute e diritti", questo il titolo dell'iniziativa che ieri pomeriggio (venerdì 8) ha visto la partecipazione di oltre cento persone, tra medici, operatori, mediatori, insegnanti e cittadini, a Villa Bottini. L'iniziativa, promossa dall'amministrazione comunale, in collaborazione con il Centro di Salute Globale della Regione Toscana e con il sostegno dell'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, è servita per fare chiarezza e approfondire le conseguenze del decreto sicurezza sul territorio lucchese. In particolare è stato l'avvocato Luigi Tessitore dell'Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione a mettere in risalto le criticità maggiori, che riguardano proprio i migranti in possesso del permesso umanitario. Tessitore ha illustrato le varie tipologie di permesso e ha dedicato un'attenzione particolare a quelle cosiddette "a imbuto": si tratta di quei permessi che hanno sostituito l'umanitario, ma che non sono convertibili in permessi di soggiorno qualora il migrante trovasse lavoro. "Si sta parlando delle situazioni di maggiore vulnerabilità - spiega l'assessora Del Chiaro - Fino a ottobre scorso i migranti in possesso del permesso umanitario lasciavano i centri Cas per entrare negli Sprar, che sono percorsi di reale integrazione sul territorio. Col decreto Salvini non è più così: questo provvedimento al contrario predilige i Cas e crea una situazione di reale difficoltà e insicurezza per le amministrazioni comunali. Lasciare queste persone abbandonate a loro stesse provocherebbe situazioni incontrollate e dunque anche di maggiore potenziale pericolo per i territori". L'avvocato Tessitore si è inoltre soffermato sul caso Diciotti riflettendo sul pericolo rappresentato dal considerare le decisioni dei singoli al di sopra delle leggi.


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


LUCAR_2016


q3


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


mercoledì, 20 febbraio 2019, 11:29

Cub Trasporti attacca: “Basta con i disservizi nel trasporto pubblico locale”

“Disservizi del trasporto pubblico in una situazione giunta al limite di ogni ragionevole sopportazione”. Prosegue la battaglia di CUB Trasporti che denuncia lo stato di abbandono del servizio pubblico locale


martedì, 19 febbraio 2019, 17:23

Fratelli d’Italia Lucca Dipartimento Tutela Ambientale e Mobilità: "Continuiamo ad emettere ordinanze che non servono a nulla"

Fratelli d’Italia Lucca Dipartimento Tutela Ambientale e Mobilità interviene in merito all’ordinanza di divieto alla circolazione veicolare ed utilizzo di legna da ardere


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 19 febbraio 2019, 16:49

Elettrodotto Terna, ok unanime a mozione Baccelli (Pd): "Sostegno alle posizioni dei nostri amministratori"

Il consigliere regionale Pd e presidente commissione Trasporti e infrastrutture interviene nel dibattito sul progetto per il riassetto dell'elettrodotto nell'area lucchese, con un atto approvato all'unanimità


martedì, 19 febbraio 2019, 15:16

Barsanti (CasaPound) replica a Potere al Popolo: "Attendo condanna della bomba e delle minacce contro CasaPound"

Fabio Barsanti di CasaPound risponde a Potere al Popolo: "Sono costretto mio malgrado ad abbassarmi al livello di Potere al Popolo per rispondere alle loro patetiche accuse"


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 19 febbraio 2019, 12:38

SìAmoLucca e Lucca in Movimento: "Campo di Marte sia dichiarato esclusivamente struttura pubblica e sanitaria con atto ufficiale"

Lo sostengono in una nota le liste civiche SìAmoLucca e Lucca in Movimento. Le liste civiche ampliano il discorso anche su recenti prese di posizione dei comuni vicini


martedì, 19 febbraio 2019, 10:02

Sanità penitenziaria, Marchetti (FI) interroga la giunta regionale

Il quadro complessivo sulle soluzioni di media sicurezza pianificate ormai anni fa dalla giunta regionale in materia di sanità penitenziaria per pazienti con disagio mentale: è quel che chiede con un’interrogazione il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Maurizio Marchetti