Anno 7°

giovedì, 20 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Sicurezza nelle scuole, la regione non attua la mozione Marchetti approvata in consiglio: "C'era anche il Machiavelli di Lucca"

martedì, 21 maggio 2019, 14:31

Era l'inizio dello scorso novembre: a Lucca, presso il liceo classico Machiavelli di via degli Asili, si registrò il crollo di una finestra nel cortile dell'istituto dove, essendo orario di ricreazione, si trovavano docenti e studenti. Uno degli studenti rimase ferito e venne trasportato in ambulanza, in codice giallo, al pronto soccorso dell'ospedale cittadino. Anche a seguito di quell'episodio, non il solo in quel periodo in Toscana, il Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti ottenne da parte del Consiglio regionale, che approvò la sua mozione in questo senso, che la giunta toscana si attivasse per elaborare un Piano di prevenzione in cui le scuole della Toscana venissero trattate come gli altri luoghi di lavoro, con controlli e verifiche a tutela dell'incolumità dei ragazzi, dei docenti e degli altri lavoratori.

Dopo l'approvazione da parte del parlamento toscano, adesso arriva dalla giunta regionale la nota di attuazione che però... non attua: «Più di così noi non possiamo fare. Questo è in sostanza ciò che scrive la giunta regionale nella nota di attuazione alla mia mozione», fa sapere Marchetti. «E' inaccettabile – prosegue – che adesso la giunta, dopo un chiaro pronunciamento dell'Assemblea toscana che la ha impegnata a redigere il Piano dedicato che avevo richiesto, presenti una nota che si limita a un allargar di braccia, riversando la responsabilità su dirigenti scolastici ed enti locali mentre ritiene sufficienti le iniziative di sensibilizzazione messe in campo dalle Asl».

«Andare a scuola non può essere una roulette russa quotidiana», ribadisce il Capogruppo regionale di Forza Italia. «E' vero che la competenza sull'edilizia scolastica è, a seconda dei livelli scolastici, dei Comuni e di queste entità fantomatiche a cui il Pd ha ridotto le Province. Questo lo sapevo anche io. Ma stando alle cronache evidentemente così non va, e per questo ho individuato un modo che potesse imprimere una svolta al problema tramite le competenze regionali. L'intero Consiglio toscano mi ha dato ragione, ma la giunta oggi dichiara che sta già facendo il massimo».

A scorrere la nota di attuazione predisposta per la mozione Marchetti, la giunta asserisce che le Asl toscane svolgono «attività di competenza in materia di ispezioni di ufficio» e «interventi di formazione/sensibilizzazione nelle scuole». Per sé la Regione rivendica «la sola competenza programmatoria», ovvero «il compito di distribuire sul territorio le risorse disponibili [...] a seguito delle richieste presentate dagli Enti». Inoltre la giunta vanta «l'approvazione del Piano triennale 2018-2020» dedicato a «gli interventi infrastrutturali nel settore dell'edilizia scolastica». Ma del Piano di verifica sulla sicurezza del lavoro negli edifici scolastici della Toscana a cui la impegnava il Consiglio regionale approvando la mozione Marchetti non c'è traccia.

«E' un'occasione perduta», scuote il capo Marchetti. «Purtroppo – prosegue – questa volta ciò accade su una materia delicata che impatta più direttamente che mai sui toscani più deboli come i nostri bambini e ragazzi, in larga misura minorenni come sono gli studenti, oltre che sui loro docenti e sul personale amministrativo. Spiace che dal Pd debba arrivare questo arroccamento di posizione su un segmento importante della quotidianità di tanti giovani toscani che trascorrono ore ed ore in ambienti che si dimostrano ripetutamente malsicuri e inadeguati».

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


Lucar


auditerigi


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


giovedì, 20 giugno 2019, 14:17

I direttivi SìAmoLucca e Lucca in Movimento: "Grande lavoro delle liste civiche e dei consiglieri comunali"

Le liste civiche SìAmoLucca e Lucca in Movimento hanno riunito i loro direttivi per fare il punto della situazione dell'attività svolta sul territorio e nelle istituzioni, e studiare le strategie in vista dei mesi a venire


giovedì, 20 giugno 2019, 13:10

Consiglio provinciale: entrano Menchetti e Borselli

Dopo le elezioni amministrative del 26 maggio cambia la composizione del consiglio provinciale di Lucca. Sono infatti cessati dalla carica i consiglieri provinciali che non ricoprono più la carica di consigliere comunale nel proprio comune


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 20 giugno 2019, 13:06

Caruso e Minniti (Lega): “Chiediamo lo stop delle “cesarine” perché danneggiano i ristoratori locali”

In una nota congiunta i consiglieri comunali della Lega di Lucca e Capannori Giovanni Minniti e Domenico Caruso invitano i sindaci Tambellini e Menesini a contrastare duramente il reclutamento delle “cesarine” ovvero le cuoche che dietro compenso offrono a turisti e clienti la degustazione dei piatti della tradizione culinaria locale


giovedì, 20 giugno 2019, 12:14

“La carta costituzionale in dono ai giovani”: Battistini rilancia l'iniziativa

Giornali e televisioni stanno parlando da giorni del CSM (Consiglio Superiore della Magistratura), organo creato durante il periodo monarchico ma con un ruolo radicalmente diverso da quello di oggi. E’ la Costituzione repubblicana italiana a dargli l’attuale ruolo di organo di autogoverno della magistratura, segnatamente agli art. 104-105-106-107


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 19 giugno 2019, 22:37

Fratelli d'Italia: "A Lucca ci si preoccupa di rifare lo stadio ex novo e non si pensa a quante altre strutture non sono agibili in città"

"Avrà luogo domani pomeriggio a Lucca un importante consiglio comunale, che vedrà protagonista lo stadio Porta Elisa. Nel complimentarci con la squadra e con tutto lo staff per lo strepitoso risultato della stagione 2018/2019, che ha visto la salvezza della Lucchese, vogliamo nel contempo sollevare alcune problematiche", afferma il segretario...


mercoledì, 19 giugno 2019, 15:41

"Quota 100" in comune: in 19 hanno già presentato le dimissioni

A quanto riportato nella delibera di giunta, i dipendenti che hanno maturato nell'anno 2019 i requisiti per aderire alla cosiddetta "quota 100" sono in tutto 42 e già 19 di essi hanno presentato le loro dimissioni, aggiungendosi ai 21 dipendenti che saranno collocati in pensione sempre nell'anno 2019 con la...