Anno 7°

lunedì, 23 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Torrini (SìAmoLucca): "Le Mura non si toccano, no alle ringhiere. Con i due milioni risolviamo altri problemi"

sabato, 18 maggio 2019, 10:52

"Le Mura sono, prima che un monumento, le nostre mura! Progettate e costruite a prova di imbecille. Nessun lucchese è mai caduto dalle mura anche se le ha utilizzate spesso come palestra di roccia o ne ha percorso i bordi in bicicletta. Cadere dalle mura significa spingersi oltre il dovuto, a proprio rischio e pericolo, oltre il limite della gravità. Il passionario del rischio lo è anche con le ringhiere, quindi cadrà anche dopo eventuali interventi di messa in sicurezza. Purtroppo viviamo in un mondo nel quale si pretende che qualsiasi insidia debba essere eliminata; ma allora i moli dei porti dovranno avere una ringhiera? Le Dolomiti dovranno avere sentieri con la ringhiera?". Attacca così l'intervento del consigliere comunale Enrico Torrini (SìAmoLucca), a nome della lista civica. 

"A Lucca abbiamo messo i cartelli, per coloro che, un po' distratti, non si accorgono di essere saliti su una costruzione alta una decina di metri, è già anche troppo per scongiurare le cadute; si verificano comunque? Ci dispiace, ma le Mura non si toccano! - aggiunge Torrini -. Poi succedono le disgrazie, perché quando ti casca un bimbo dalle mura è certamente una disgrazia. Ma entrerei nel merito dell'accaduto: il bimbo mi è sfuggito e non sono riuscito a recuperarlo? Ero distratto e non vigilavo sul figlio? Mi ha chiesto di fare quella manovra ed io glielo ho superficialmente consentito? In qualsiasi modo si svolgano i fatti, se uno dei miei figli cade dalle Mura, la colpa è solo mia. Invece viviamo in un momento storico in cui la colpa è sempre di qualcun altro e mai nostra".

Conclude il consigliere comunale di SìAmoLucca: "Dovesse passare in Consiglio Comunale una delibera sull'installazione delle ringhiere, voterò contro sempre. Con due milioni di euro facciamoci altro: facciamoci le strade, dove veramente si possono verificare sinistri gravi. Ristrutturiamoci le scuole, che sono un colabrodo. Facciamoci le strutture sportive che mancano! Con due milioni di euro facciamoci le cose di cui Lucca necessita, non inutili ringhiere!>.

 


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


Lucar


auditerigi


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


lunedì, 23 settembre 2019, 17:10

Betti e Barabini (SiAmoLucca): "Ex Manifattura, il Comune cerca di nascondere sprechi e fallimenti"

Lo sottolineano in una nota Roberta Betti e Cinzia Barabini, rispettivamente segretario e presidente della liste civiche SìAmoLucca e Lucca in Movimento


lunedì, 23 settembre 2019, 15:15

Felpati, Bindocci (M5S): "Pagano i più deboli"

Il consigliere comunale Massimiliano Bindocci (M5S) interviene sulla questione delle paghe dei cosiddetti "felpati" impiegati durante i Comics


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 23 settembre 2019, 15:13

Fridays for Future, Bindocci (M5S): "Tempo di concretezza"

"Fridays for Future, venerdì il comune sia presente, e sopratutto facciamo qualcosa di concreto" scrive il consigliere comunale Massimiliano Bindocci (M5S)


lunedì, 23 settembre 2019, 13:29

Andrea Casali candidato sindaco del centrodestra nel 2022?

Spunta un nuovo possibile candidato a sindaco per il centrodestra a Lucca. Mentre si veleggia verso la metà del secondo mandato Tambellini, qualcosa si muove sul fronte politico cittadino


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 21 settembre 2019, 18:10

Niente raccolta firme della Lega a Lucca e Capannori: perché?

A Lucca nel 2017 la Lega prese poco più del 5 per cento e fu causa di sconfitta. A Capannori quest'anno ha preso nello stesso giorno oltre il 40 per cento alle europee dimezzando al 20 per le amministrative


sabato, 21 settembre 2019, 12:04

Leone e Martini: "Se Bindocci è interessato alla democrazia venga più spesso in commissione"

Piccata risposta, a firma delle consigliere Maria Teresa Leone e Chiara Martini, presidenti delle commissioni, a quanto detto dal consigliere grillino Massimiliano Bindocci