Anno 7°

venerdì, 18 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Distretto floricolo Lucca e Pistoia, Mugnai e Marchetti (FI): "Riconosciuto nel 2006 e ancora senza struttura. La Regione faccia il suo"

mercoledì, 19 giugno 2019, 11:25

«Quello floricolo interprovinciale tra Lucca e Pistoia somiglia alla storica réclame di una nota caramella: è il distretto senza l'organismo attorno. Basta: la Regione lo metta subito in condizione di funzionare». Questo il senso di un'articolata mozione presentata in consiglio regionale dal capogruppo di Forza Italia Maurizio Marchetti. L'atto, la cui genesi è il prodotto della sinergia con il coordinatore regionale degli azzurri toscani onorevole Stefano Mugnai, prende le mosse dalla constatazione che il distretto floricolo interprovinciale esiste sulla carta, ma non è strutturato nella realtà. «Un'occasione sprecata. Un peccato – asserisce Forza Italia – per un distretto produttivo comprendente 20 comuni dalla Versilia all'area lucchese, alla Valdinievole e al Pistoiese per un totale di 46.581 ettari, occupando in maniera diretta 1.707 persone nel settore florovivaistico, equivalenti al 29,9% di tutti gli occupati in agricoltura nell'area».

La realtà è importante, ed è per questo che adesso Marchetti intende «richiamare la Regione ai suoi doveri» impegnandola «ad attivarsi affinché il distretto floricolo interprovinciale di Lucca e Pistoia possa essere costituito in base a quanto stabilito dalla normativa regionale e possa quindi diventare un volano per le imprese floricole delle provincie di Lucca e Pistoia».

Già perché sulla carta l'organismo esiste: è stato riconosciuto, scrive Marchetti nel suo atto, con «decreto dirigenziale n. 5002 del 26 ottobre 2006». Eppure, si legge ancora nella mozione, «non sarebbe ancora stato adeguato a quanto previsto dalla nuova legge regionale sui Distretti  Rurali; ovvero che in base a quanto stabilisce l'articolo 7 che per avere il riconoscimento di distretto, è necessario possedere i seguenti requisiti:  1) accordo di distretto, 2) un soggetto  referente, pubblico o privato,  al quale la legge  regionale riconosce personalità  giuridica  e quindi piena operatività del comprensorio agricolo di riferimento, 3) un'assemblea di distretto e 4) un progetto economico territoriale».

Avanti dunque con la definizione dei requisiti, chiede Forza Italia, perché a risentirne è un comparto di rilievo: «Il Distretto  floricolo allo stato attuale farebbe  riferimento ad un comprensorio (quello della Valdinievole, della Piana di Lucca e  della Versilia)  dove  continua – recita la mozione di Marchetti – la più importante produzione di fiori  recisi e di piante  fiorite e verdi da terrazzo e da   giardino dell'Italia Centrale e dove sono attivi due Mercati Floricoli alla produzione, quello di Viareggio di proprietà Comunale ed il MEFIT (Mercato dei  Fiori della Toscana) passato in proprietà al Comune di Pescia.  Opera inoltre a Pescia la più grande cooperativa di fiori recisi e piante d'Italia, la Flora Toscana, con più di 200 soci conferitori».


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


tambellini


brico


auditerigi


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


giovedì, 17 ottobre 2019, 19:02

Prove di inciucio

L'assessore al commercio e alle attività produttive del comune di Lucca Valentina Mercanti sorpresa a 'schioccare', letteralmente, un bacio sulla guancia dell'(ir)responsabile direttore della Gazzetta di Lucca. Scandalo a palazzo dei Bradipi


giovedì, 17 ottobre 2019, 16:46

Il Comune acquisisce sei nuovi appartamenti di edilizia residenziale pubblica

Lucca rientra fa i 10 Comuni che beneficiano di risorse da parte della Regione Toscana nell'ambito del bando per l'emergenza abitativa. Verranno assegnati attraverso il nuovo bando, in pubblicazione dal 23 ottobre


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 17 ottobre 2019, 16:29

SìAmoLucca: "Irregolarità al mercato del riuso al Foro Boario, ma il Comune fa finta di nulla"

"Gli organizzatori del Mercato del Riuso al Foro Boario non si attengono alle regole, ma il Comune si volta dall'altra parte come fa spesso. Perché se applicasse alla lettera la concessione, visto che non è stata rispettata, dovrebbe revocare l'assegnazione dello spazio".


giovedì, 17 ottobre 2019, 08:49

Per Lucca e i suoi Paesi: “Su Palazzo Orsetti sventoli anche la bandiera della libertà”

“Finalmente su Palazzo Santini sventola il vessillo corretto del comune di Lucca”. A farlo notare il gruppo Per Lucca e i suoi paesi che, dopo aver atteso a lungo l’utilizzo della bandiera corretta sulla sede del consiglio comunale, ora punta all’apposizione di quella della libertà sulla sede comunale


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 16 ottobre 2019, 17:17

Martini e Cantini: "Critiche al bilancio consolidato da rigettare in toto"

I presidenti della commissione consiliare bilancio e sviluppo economico del territorio e della commissione consiliare sulle partecipate, Chiara Martini e Claudio Cantini, rispondono all'intervento in consiglio del consigliere leghista Giovanni Minniti


mercoledì, 16 ottobre 2019, 16:34

Mammini e Mercanti: “Bene il bonus facciate"

“Nella nuova legge di bilancio una norma renderà più belle le nostre città: il bonus facciate, voluto dal ministro Franceschini, introduce un credito fiscale del 90 per cento per chi rifarà nel 2020 la facciata della casa o del condominio” dichiarano gli assessori all'urbanistica Serena Mammini e allo sviluppo economico...