Anno XI

mercoledì, 20 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Dante e i vaccini: ciò che è virtuoso e ciò che non lo è

domenica, 19 settembre 2021, 13:20

di francesco pellati

Caro direttore,

700 anni fa moriva Dante a Ravenna dove i fiorentini lo avevano costretto a fuggire per non essere giustiziato. Poi ne reclamarono le spoglie, ma i ravennati se le tennero e tuttora se le tengono strette, ben facendo: lo accolsero fuggiasco, lo ospitarono, lo salvarono dal patibolo

Ben altri, non io, hanno cultura e capacità per celebrarne le opere.

Io mi limito a ringraziarlo per la gioia che mi ha donato con i suoi versi, per l’impegno civile e morale cui essi mi hanno tante volte costretto. Soprattutto uno dei più famosi, quel “fatti non foste per viver come bruti ma per seguire virtute e conoscenza”.

Virtute e conoscenza sono i due perni su cui dovrebbe girare la vita di ognuno di noi, intendo di ogni uomo o donna che vive sulla faccia di questa terra.

Quasi mai è così, intanto perché la conoscenza è faticosa e poi perché la virtute è difficile da misurare. Ci sono di mezzo le ideologie, le convinzioni, le necessità della vita e i compromessi che ne derivano. Ma rimane vero che ognuno di noi ha la consapevolezza interiore della virtù o del vizio di quello che sta facendo. E ne diventa giudice silente, ne rende conto a se stesso prima che agli altri e, soprattutto, prima o al di fuori dei tribunali.

Anch’io mi pongo due delle domande che oggi si rincorrono:

È virtuoso accogliere chi scappa da guerre, persecuzioni e carestie? Si è virtuoso. È virtuoso accoglierlo senza condizioni, spalancandogli le porte di casa, senza chiedergli di vivere seguendo le leggi e le consuetudini di chi lo ospita? No, non è virtuoso.

È virtuoso chiedere a tutti di vaccinarsi per superare l’emergenza sanitaria? Si, è virtuoso. È virtuoso costringere tutti a vaccinarsi? No, non è virtuoso: non solo è un problema di libertà personale, tuttavia limitata dalla libertà altrui e di salute personale, tuttavia limitata dalla salute altrui. È anche un problema di diritti sanciti per esempio dal Regolamento del Parlamento Europeo n° 953/2021 che vieta la discriminazione fra coloro che hanno ricevuto il vaccino e coloro che, per qualunque motivo, non lo hanno ricevuto. Il principio, vale la pena ricordarlo, è stato recepito in Italia nel DPR 445/2000 (art. 46) e nei DL 52/21, 105/21, 111/21.

Come dicevamo, la fatica della conoscenza: fra si vax e no vax, quanti conoscono i contenuti di queste norme, espresse peraltro nel consueto linguaggio burocratese che fa del proprio meglio per non farsi capire? Sono norme che vincolano tutti, i pro e i contro. Se le vadano a studiare prima di sparare bufale!

Può valere in questo caso la riflessione di Agostino sulla legge giusta e sulla legge ingiusta e dunque il diritto del singolo di opporsi alla ingiustizia divenuta legge? In uno Stato di diritto non può valere perché i legislatori hanno ricevuto delega da liberi elettori a fare le leggi nell’interesse degli elettori stessi.

Ma se i legislatori eletti liberamente fanno leggi ingiuste, come fare in uno Stato di diritto?

Si rifanno le elezioni e si cambiano i legislatori.

Doveva succedere almeno un anno fa, non è successo: secondo me il principale “vulnus” alla volontà popolare è questo, il resto, green pass, obblighi, lock down, non è che conseguenza.

Magari saremmo messi peggio ma almeno ci avremmo provato.

I numeri ci dicono che i due esiti estremi del covid (terapie intensive e decessi) decrescono e colpiscono soprattutto i non vaccinati. Mi hanno convinto: io sono vaccinato e dispongo del green pass: ho liberamente scelto. Sommessamente consiglio tutti a farlo, ma non vado oltre il consiglio e mi infurio se qualcuno vuole imporlo senza averne i poteri.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400

elettroKDM

tuscania

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


martedì, 19 ottobre 2021, 16:15

Chiosco “da Piero”, Difendere Lucca: “Manca la volontà del Comune di salvarlo”

Interviene così il movimento Difendere Lucca sulla distruzione del chiosco fuori porta Santa Maria denominato "Specialità da Piero"


martedì, 19 ottobre 2021, 14:07

Morto il centrodestra: Mario Pardini abbandona il tavolo che non c'è mai stato e si candida da sé

Stanco di assistere ad un tira e molla senza senso e, ormai, consapevole che i partiti istituzionali come Lega, Forza Italia e liste civiche non hanno intenzione di puntare su di lui, il fondatore di Lucca 2032 preferisce togliere il disturbo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 19 ottobre 2021, 13:35

Fantozzi-Martinelli (FdI): "Verranno allestite delle unità di biocontenimento all'esterno del pronto soccorso di Lucca per ampliare gli spazi attuali"

Sopralluogo al pronto soccorso dell'ospedale "San Luca" di Lucca da parte del consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Vittorio Fantozzi, e del capogruppo in consiglio comunale, Marco Martinelli


lunedì, 18 ottobre 2021, 18:30

Lucca Civica si inventa un nuovo fascismo e chiede all'opposizione di sottoscrivere una mozione urgente

A distanza di un secolo dall'avvento del fascismo Lucca Civica rispolvera la solita dietrologia e grida al ritorno del duce invitando il centrodestra a fare quadrato comune


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 ottobre 2021, 18:25

Energia, Fantozzi-Martinelli (Fdi): "Gesam Reti Spa a rischio. Potrebbe concretizzarsi l'annessione di Toscana Energia"

"No a colpi di mano a pochi mesi dalle elezioni. Sia la prossima amministrazione a decidere il futuro di Gesam Reti SpA visto che di qui a sei mesi della gara del gas non ci sarà traccia"


lunedì, 18 ottobre 2021, 18:01

SìAmoLucca: "Casa abusiva al campo nomadi, i lavori stanno andando avanti: colpo alla legalità"

Incredibile: il com une tollera la costruzione abusiva di un manufatto all'interno del campo zingari di via delle Tagliate. Protesta SìAmo Lucca che reclama il rispetto della legalità valido per tutti