Anno XI

lunedì, 25 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : case,case e ancora case

Chi più si adatta meglio resiste: lo studio associato immobiliare

mercoledì, 13 febbraio 2013, 18:24

In un momento di forte cambiamento come quello che da un po’ stiamo vivendo, soltanto chi si adatta meglio resiste. Da sempre il modo migliore per affrontare le difficoltà è quello di fare squadra, unirsi e fare insieme. Questo è lo spirito che si respira in una moderna agenzia immobiliare, che, adeguandosi a tutte le altre attività professionali, oggi più che mai si rivolge verso la struttura dello studio associato.

Remax Viva è un progetto che ha visto la luce circa un anno fa, e il valore fondamentale che ha portato alla realizzazione di questa bella realtà è proprio da ritrovarsi nella voglia di fare comunità.

Paola, cosa ti ha spinto a voler realizzare in un momento storico come questo, un’attività imprenditoriale tanto innovativa quanto attuale?

  • Sicuramente una gran passione per la mia professione abbinata alla fiducia in RE/MAX, dettata da più di 10 anni di esperienza in questa società

Quali vantaggi offre questa struttura ai tuoi clienti? Cosa dicono i clienti di questo differente modello d’agenzia?

  • Credo che la cosa che i clienti notano di più, e a noi fa un gran piacere sentircelo dire, è la nostra “energia”. Non ci arrendiamo alla crisi e direi che i  nostri clienti se ne accorgono. Se in questo momento storico fossi un agente immobiliare che lavora da solo, come ce ne sono ancora tanti, probabilmente mi sentirei persa. Grazie a RE/MAX ho imparato a condividere clienti ed immobili con le mie colleghe, condividere anche le nostre esperienze e competenze. Dedichiamo ogni settimana una mattina alla formazione “inter nos” perché ognuna di noi può insegnare alle altre qualcosa su cui è più preparata. La formula dello studio associato è ormai la prassi per molti professionisti come avvocati, medici, tecnici, ed altri …..così anche noi abbiamo sentito l’esigenza di completarci a vicenda. Il cliente è seguito da una sola di noi ma le altre lavorano comunque insieme per lo stesso scopo.

Siete un bellissimo team di donne determinate e decise. Quali sono i valori che vi legano, e quali le motivazioni che vi portano a lavorare insieme? A quando il primo uomo in squadra?

  • Abbiamo in comune una gran vivacità, soprattutto di idee. Siamo tutte irrimediabilmente innamorate delle case e del nostro lavoro. Vogliamo davvero accompagnare il cliente nel suo percorso immobiliare, cerchiamo di capire le sue esigenze e di aiutarlo a trovare le migliori soluzioni. Lavoriamo tante ore ma non ci pesa e siamo sempre pronte a supportarci, quando serve. C’è una gran stima e una bella complicità, e, non ultimo, siamo davvero amiche anche fuori dall’ufficio. È un caso che non ci siano per ora colleghi uomini. Abbiamo però tante figure maschili che ruotano intorno al nostro ufficio, amici architetti, geometri ed altri professionisti che offrono la loro consulenza ai nostri clienti.

In effetti, l’agenzia è accogliente, informale, esprime calore umano e attenzione. Qual è l’obiettivo che vi ponete nell’approccio con ogni cliente?

  • Sicuramente che si senta come a casa. Abbiamo voluto un ambiente molto diverso da un ufficio perché i clienti con il loro agente immobiliare devono, come dire, confidarsi. La casa è un qualcosa di molto intimo e credo che parlarne seduti su un divano possa essere più facile che davanti ad una scrivania.

A quasi un anno dall’apertura di questa nuova agenzia, qual è il bilancio di questa avventura?

  • Sono davvero contenta di quanto fatto ed altrettanto consapevole che l’avventura è appena cominciata, il bello deve ancora venire!

Che altro aggiungere? E’ Viva Remax!

 

Andrea Russo

Responsabile Sviluppo Franchising RE/MAX Italia

anrusso@remax.it 3298176276


Questo articolo è stato letto volte.


auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


domenica, 24 gennaio 2021, 22:08

Tris di donne contro la violenza

Marina Manfrotto, Gina Truglio e Gemma Urbani hanno inviato questo intervento a proposito degli ultimi episodi di intolleranza verso le donne


venerdì, 22 gennaio 2021, 19:28

Divieto di pubblicità sui giochi a distanza

A partire dal mese di agosto del 2018 l’Italia ha applicato il divieto di pubblicità sul gioco d'azzardo, dando inizio a una vera rivoluzione che ha colpito più settori in maniera globale. Gli operatori si sono interrogati per molto tempo sul da farsi, anche rispetto alle collaborazioni sportive e calcistiche...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 gennaio 2021, 12:44

Biblioteca statale Lucca: "No alla gestione della società esternalizzata Ales"

Il senatore Andrea Marcucci annuncia che la biblioteca statale di Lucca non chiuderà, grazie all'impiego di personale Ales. Ma la prospettiva viene contestata dagli attivisti di Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali


venerdì, 22 gennaio 2021, 11:35

Come scegliere un PC portatile

Con la vasta scelta di notebook che è possibile reperire sia online che nei tradizionali negozi non è mai facile scegliere quello che possa fare al caso nostro. Se non vi considerate dei grandi esperti di elettronica di consumo ed informatica ecco una lista con i nostri consigli riguardanti i...


mercoledì, 20 gennaio 2021, 20:57

A volte ritornano. Michele Francesconi: "Vorrei credere in un futuro sostenibile"

Riceviamo e non senza sorpresa volentieri pubblichiamo questa riflessione di Michele Francesconi in vista delle elezioni amministrative lucchesi e sul futuro della nostra città. Lo ricordavamo impegnatissimo agli albori dell'ultima campagna elettorale per, poi, scomparire all'improvviso senza lasciare traccia...


mercoledì, 20 gennaio 2021, 15:12

Le guide turistiche scendono in campo per la difesa della biblioteca di Stato

Lucca Info&Guide, Consorzio Turislucca, La Giunchiglia - Guide Turistiche hanno indirizzato una lettera aperta alle autorità amministrative e culturali cittadine contro la chiusura della biblioteca di piazza Santa Maria Corteorlandini