Anno 5°

mercoledì, 21 febbraio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Gestione del personale a Palazzo dei Bradipi. Il j'accuse di un dipendente

sabato, 7 gennaio 2017, 09:26

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento inviataci da un dipendente di Palazzo Orsetti il quale, pur firmando la lettera, ha chiesto di poter mantenere, pubblicamente, l'anonimato. Verificata l'identità, abbiamo accettato:

Che l'organizzazione e la gestione del personale al Comune di Lucca non funzioni non è una novità. Ma che i dirigenti decidano arbitrariamente l'assegnazione delle progressioni economiche orizzontali del personale, è davvero troppo. 

Con la complicità della RSU e di sindacalisti interessati, che sono i primi a riceverne i vantaggi, è stato imposto un Regolamento secondo cui  a decidere il punteggio da attribuire per le progressioni  dei dipendenti deve essere semplicemente la volontà dei dirigenti, con la più assoluta discrezionalità.

Non criteri trasparenti, non elementi misurabili, non titoli culturali, non progetti precisi che abbiano risultati riscontrabili, non disponibilità all'aggiornamento definita sulla base dei corsi frequentati, non ore di lavoro aggiuntivo effettuate per l'Amministrazione... niente di tutto questo. La valutazione è avvenuta sulla base di voci generiche di cui i dirigenti non debbono dare spiegazione alcuna. Voci che consentono ai dirigenti di fare quello che vogliono, come se non esistesse alcuna scienza docimologica cui far riferimento, come è doveroso in un Ente pubblico e come avviene in molte altre Amministrazioni diversamente amministrate! 

E alle numerose osservazioni  dei dipendenti la  Segretaria Generale è riuscita a dare semplicemente una risposta standardizzata che non spiega nulla e che ha avuto e continua ad  avere l'unica  funzione di sostenere un sistema fondato sul favoritismo.

Da qui la rivolta  di molti dipendenti  che si sono sentiti ingiustamente penalizzati da una logica che concentra il potere nelle mani di alcuni e che, nella migliore delle ipotesi, è funzionale solo alla creazione di reti clientelari. 

Non è una novità: alla classe dirigente del Comune di Lucca non interessa affatto riconoscere i meriti e la professionalità dei dipendenti,  utilizzare criteri chiari e trasparenti nella gestione e nell'interesse della cosa pubblica.

Se poi parte del personale premiato non è in grado di portare avanti alcun lavoro serio e utile alla cittadinanza, poco male. Una bella costosa consulenza ad amici  e un'adeguata esternalizzazione ... e  il gioco è fatto! Tanto paga Pantalone... noi cittadini di Lucca!  

Ma questo gioco deve finire. 

Il problema della gestione del personale del Comune e del riconoscimento dei meriti non riguarda solo i dipendenti comunali, riguarda l'intera cittadinanza, investe l'efficienza della Pubblica Amministrazione, la funzionalità degli uffici, l'uso corretto delle risorse pubbliche.

Alle prossime elezioni i cittadini onesti se lo ricorderanno!


Questo articolo è stato letto volte.


prenota



Osteria Il Manzo


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


martedì, 20 febbraio 2018, 16:55

"Opporsi all'intitolazione di una via a Mafalda di Savoia è frutto di ignoranza storica"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento del professor Elio Bertini in merito alla vicenda della cancellazione a Viareggio del nome di Mafalda di Savoia tra coloro cui intitolare una via o una piazza


martedì, 20 febbraio 2018, 09:53

"Oggi è il 5 marzo"

Come vivremo dopo il 4 marzo? Andrà tutto molto bene, viste le promesse elettorali. E se non sarà subitissimo, si tratterà di aspettare un pochino, il tempo per fare le riforme garantite da tutti i partiti per il nostro benessere e la nostra felicità.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 19 febbraio 2018, 13:59

L'incubo continua...

Balbettante, timida. spaventata, priva di corsa e grinta, ormai abbiamo finito ogni aggettivo per la Pantera malata. Il pallone che bruciava si percepiva anche da fuori campo, Giocatori che sono stati certezze per mesi oggi sono ombre che si aggirano per il campo con l'aggravante, per qualcuno, di avere esperienze...


venerdì, 16 febbraio 2018, 23:05

"Elezioni drogate? Gli spacciatori di paura"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione dell'ex sindacalista Cgil Umberto Franchi sull'attuale campagna elettorale in cui lo slogan più gettonato da certi partiti sembra essere "Prima gli italiani"


venerdì, 16 febbraio 2018, 19:15

Piero Landi, le sue confessioni

Il candidato alla Camera per il Movimento 5 Stelle, accusato di essere iscritto alla massoneria, racconta la sua verità e spiega di aver agito in perfetta buona fede e sincerità


giovedì, 15 febbraio 2018, 11:00

"Piazza Aldo Moro, campo di trincea"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un cittadino residente in Piazza Aldo Moro 125 (San Concordio in Contrada), dove denuncia le disastrate condizioni in cui versa la pavimentazione della predetta piazza