Anno XI

lunedì, 18 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Occupazione, l'incredibile storia di un laureato italiano 'sostituito' dai migranti stipendiati dallo stato"

mercoledì, 16 agosto 2017, 23:50

di Matteo Mattioli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa testimonianza 'terrificante' su che cosa sta realmente avvenendo sul mercato del lavoro con la comparsa di migliaia di immigrati foraggiati e finanziati, attraverso le cooperative che prendono i soldi pubblici, dallo stato:

Un anno fa mi sono laureato in Viticoltura e enologia. Oggi sto facendo un tirocinio in provincia di Reggio Emilia, facendo molti sacrifici: percepisco 450 € di rimborso spese, nulla più.

Ieri, nell'azienda dove sto lavorando, è venuto un rappresentante di una cooperativa di accoglienza della zona. Voleva proporre 3 ragazzi, che grazie al progetto Lift possono essere assunti, con un contratto di tirocinio, con un rimborso spese di 450 € interamente corrisposto dallo Stato, non dal proprietario dell'azienda (come nel mio caso).

Quest'uomo ha aggiunto anche che i ragazzi usufruiscono di vitto e alloggio presso la struttura che lui rappresenta, e percepiscono anche un pocket money mensile di 75 € per le piccole spese.
Io sono in camper da 5 mesi perché con il "rimborso spese" riesco si e no a pagarmi il cibo, loro hanno una camera e gli viene fornito pranzo e cena, oltre alla colazione.

Ma la cosa più incredibile deve ancora arrivare...

Sono andato a leggermi le condizioni di questo "progetto Lift" (mia nota: forse fes...ma il concetto è sempre quello, qualunque tirocinio sia) e leggo che gli immigrati non possono lavorare per più di 30 ore settimanali... Io ne lavoro 40!

Siamo all"assurdo! Da domani chiunque abbia una ditta può avere manovalanza gratuita (che paghiamo noi cittadini) e non assumerà più nessuno, nemmeno un pulcioso neolaureato a 450 €, non gli conviene più. Paghiamo delle cooperative di accoglienza e gli immigrati che accolgono per prendere il nostro posto nel mondo del lavoro, e nessuno dice nulla?


Questo articolo è stato letto volte.


auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 18 gennaio 2021, 09:37

Loggia Burlamacchi, niente concerto, ma soldi devoluti in beneficenza

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo messaggio a firma Emanuele Costamagna maestro venerabile della loggia Oriente di Lucca e Barga su una iniziativa benefica


domenica, 17 gennaio 2021, 22:04

Pellati: "Fondazione Carilucca opera bene, il convegno Pd solo una leggerezza e occhio al Quatar socio di maggioranza di Coima: il suo è un islamismo tra i più feroci"

Dal vice presidente della Fondazione Versiliana un intervento sulla Fondazione Carilucca e sulle presunte intromissioni e connivenze con il Pd: finalmente un'analisi di una lucidità disarmante, di una profondità innegabile e di una intelligenza politica permeata di buonsenso


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 17 gennaio 2021, 16:13

10 mesi di mutualismo alla Casa del Popolo: un bilancio dopo le festività natalizie

Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato inviatoci da Potere al Popolo Lucca sulle attività mutualistiche della Casa del Popolo di Verciano


domenica, 17 gennaio 2021, 11:34

Il ragazzo col cappuccio di Porta dei Borghi si confessa: "Abbiamo sbagliato, ma l'odio verso di noi è assurdo"

Chi è il ragazzo col cappuccio? Semplice, basta osservare le immagini della serata balzata agli onori della cronaca a Porta dei Borghi per non parlare dei calci sferrati ad un portone in via Roma. Ecco, adesso questo ragazzo spiega perché ha fatto quel che ha fatto


sabato, 16 gennaio 2021, 12:41

"Assessore Baccelli: più fatti e meno selfie"

Francesco Colucci di Riformisti per Italia Viva attacca frontalmente l'assessore regionale Stefano Baccelli del Pd a proposito del convegno di rigenerazione urbana organizzato in piazza S. Francesco


sabato, 16 gennaio 2021, 10:09

I libri e le seppie di Giulio in Pelleria: un ricordo di Giorgio Del Ghingaro e alcune considerazioni sulla biblioteca di stato che rischia di chiudere

Bello questo ricordo che pubblichiamo volentieri da parte del sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro, lucchese di nascita e di adozione, a proposito della ventilata ipotesi di chiusura della biblioteca di stato a Lucca per mancanza di personale