Anno 5°

sabato, 17 febbraio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Sarti Magi: “In piazza contro sfruttamento degli studenti in stages, gravissimo che i presidi minaccino sanzioni”

giovedì, 12 ottobre 2017, 18:43

Una manifestazione contro lo sfruttamento degli studenti che partecipano agli stages delle aziende. Questa, a dire il vero, ci mancava. L'ha organizzata Michele Sarti Magi domattina in piazza Guerrazzi:

Dopo i casi di sfruttamento degli studenti in tutto il Paese, dopo che ci sono state giustissime proteste online, ieri ho pubblicato un video sullo sfruttamento degli studenti in stages, che ha ricevuto centinaia di visualizzazioni. Invito, i tantissimi studenti e studentesse della mia città, domani, venerdì 13 ottobre, alle 9 in punto, in Piazza Guerrazzi, per una manifestazione pacifica, ma dura, contro lo sfruttamento degli studenti in stages.

Ci sono stati, e voglio denunciarli pubblicamente, degli episodi GRAVISSIMI, all’interno delle scuole Lucchesi, dove, si dice che, alcuni dirigenti scolastici, abbiano promesso sanzioni disciplinari a chi, domani, sia intento a partecipare alla manifestazione. Questo tipo di minaccia velata, penso sia un spinta maggiore a scendere in piazza e protestare contro un sistema che utilizza gli studenti come fonte di guadagno per imprenditori. Sappiate che il diritto di manifestare è sacrosanto ed e’ assolutamente e giuridicamente ILLEGITTIMO ricevere sanzioni per non essere andato a scuola. Posso assicurarvelo.

Se doveste prendere sanzioni poiché avete partecipato ad una manifestazione nazionale potete fare ricorso al’organo di garanzia della scuola e non esitate a sputtanare SEMPRE ciò che è illegittimo nei vostri confronti.

La manifestazione, ripeto, è contro un governo che, attraverso un’alternanza scuola lavoro non organizzata e senza regole, ha permesso agli imprenditori di utilizzare gli studenti come lavoratori gratuiti. E’ UNA VERGOGNA.

E, mi permetto di dire, complimenti al governo di “sinistra”, se tale lo si può definire.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota



Osteria Il Manzo


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


venerdì, 16 febbraio 2018, 23:05

"Elezioni drogate? Gli spacciatori di paura"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione dell'ex sindacalista Cgil Umberto Franchi sull'attuale campagna elettorale in cui lo slogan più gettonato da certi partiti sembra essere "Prima gli italiani"


venerdì, 16 febbraio 2018, 19:15

Piero Landi, le sue confessioni

Il candidato alla Camera per il Movimento 5 Stelle, accusato di essere iscritto alla massoneria, racconta la sua verità e spiega di aver agito in perfetta buona fede e sincerità


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 15 febbraio 2018, 11:00

"Piazza Aldo Moro, campo di trincea"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un cittadino residente in Piazza Aldo Moro 125 (San Concordio in Contrada), dove denuncia le disastrate condizioni in cui versa la pavimentazione della predetta piazza


mercoledì, 14 febbraio 2018, 13:10

Imt, polpette o frittelle?

Anche per smentire e mettere finalmente a tacere le petulanti voci di quanti si dilettano a sparlare di IMT, la prestigiosa scuola d’eccellenza ha diramato il programma del prossimo convegno di studi e di applicazioni che si terrà nei giorni di venerdì 2, sabato 3 e domenica 4 marzo.


martedì, 13 febbraio 2018, 00:30

Villetta a schiera a 800 metri dalle Mura

800 metri dalle mura di Lucca, zona tranquilla e residenziale ben servita, Essegi Immobiliare vende in esclusiva una villetta a schiera di recente costruzione (perfetta)


lunedì, 12 febbraio 2018, 18:57

Condannato in primo grado a un anno e tre mesi, oggi Chiari esulta: assolto in appello

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da Marco Chiari il giorno stesso in cui la Corte di Appello di Firenze lo ha assolto dalle accuse e dalla condanna in primo grado perché il fatto non sussiste