Anno 5°

venerdì, 23 febbraio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Condannato in primo grado a un anno e tre mesi, oggi Chiari esulta: assolto in appello

lunedì, 12 febbraio 2018, 18:57

di marco chiari

Oggi decisione della Corte d’Appello di Firenze in merito alla questione dell’Officina della Latta, dove era ubicato il mio vecchio studio. In primo grado, a seguito anche della testimonianza dell’ex assessore Cappellini, fui condannato ad un anno e tre mesi per falso in atto pubblico, in merito alla questione della mia o meno presenza in Giunta per una delibera riguardante la cessione dei posti auto in tale fabbricato.

Dopo quasi otto anni la sentenza di oggi della Corte d’Appello di Firenze, ”assolto perché il fatto non sussiste”. Che dire oggi di questi ultimi otto anni della mia vita, massacrato mediaticamente, massacrato finanziariamente, distrutto negli affetti e nelle amicizie, per arrivare a sentirmi dire “ci scusi abbiamo sbagliato tutto su di lei”. La giustizia, a volte, è fatta dalle persone e per fortuna che tra le stesse ce ne sono alcune che sanno leggere le carte. Anni di intercettazioni, faldoni di carte, centinaia di interrogatori, centinaia di migliaia di spese a carico dei cittadini, per sentirsi dire “ci scusi abbiamo sbagliato”.

Tutto questo ti lascia l’amaro in bocca, ti fa conoscere la cattiveria della gente, ero rappresentato come un mostro, ho reagito, ho combattuto, con a fianco il mio Avv. Sandro Guerra del Foro di Firenze, al fine di arrivare a dimostrare la mia completa innocenza. Ci sono arrivato, mi è costato tanto in tutti i sensi ed ancora oggi devo ringraziare solo la mia famiglia che mi ha sorretto in tutti i sensi. Dispiace che non sia più al mio fianco mia madre, deceduta a novembre, a Lei come alle mie figlie ed alla mia ex moglie Patrizia devo il coraggio che mi hanno trasmesso per arrivare fino in fondo. Spero che da lassù, dove sicuramente si trova, gioisca finalmente nel sapere che suo figlio non è mai stato un delinquente.

Grazie a quei pochi che hanno creduto in me.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota



Osteria Il Manzo


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 21 febbraio 2018, 16:14

Offerte di lavoro dei privati

Aziende in cerca di ragazzi au pair, receptionist, camerieri, web developer, animatori turistici, insegnanti, cuochi, lavapiatti, collaboratori elettrici, montatori meccanici, operai settore carta, apprendisti impiegati e altre figure professionali


mercoledì, 21 febbraio 2018, 08:51

"Elezioni e la deriva post ideologica"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento dell'ex sindacalista Cgil Umberto Franchi a 12 giorni esatti delle elezioni politiche del 4 marzo sulla retorica della fine delle ideologie che ha aperto un varco alle forze di estrema destra


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 20 febbraio 2018, 16:55

"Opporsi all'intitolazione di una via a Mafalda di Savoia è frutto di ignoranza storica"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento del professor Elio Bertini in merito alla vicenda della cancellazione a Viareggio del nome di Mafalda di Savoia tra coloro cui intitolare una via o una piazza


martedì, 20 febbraio 2018, 09:53

"Oggi è il 5 marzo"

Come vivremo dopo il 4 marzo? Andrà tutto molto bene, viste le promesse elettorali. E se non sarà subitissimo, si tratterà di aspettare un pochino, il tempo per fare le riforme garantite da tutti i partiti per il nostro benessere e la nostra felicità.


lunedì, 19 febbraio 2018, 13:59

L'incubo continua...

Balbettante, timida. spaventata, priva di corsa e grinta, ormai abbiamo finito ogni aggettivo per la Pantera malata. Il pallone che bruciava si percepiva anche da fuori campo, Giocatori che sono stati certezze per mesi oggi sono ombre che si aggirano per il campo con l'aggravante, per qualcuno, di avere esperienze...


venerdì, 16 febbraio 2018, 23:05

"Elezioni drogate? Gli spacciatori di paura"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione dell'ex sindacalista Cgil Umberto Franchi sull'attuale campagna elettorale in cui lo slogan più gettonato da certi partiti sembra essere "Prima gli italiani"