Anno 7°

lunedì, 21 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Aiutiamo i giovani aggressivi a percorrere altre strade

venerdì, 20 aprile 2018, 21:54

di emanuela giannotti

Le notizie di questi ultimi giorni sui gravi episodi che accadono nelle scuole rilevano uno stato di allarme: gli alunni non attribuiscono più agli insegnanti il rispetto dovuto al loro ruolo ritenendoli ormai deboli ed inadeguati a soddisfare ii loro bisogni educativi. Il fenomeno avrà a mio parere una pericolosa escalation, perché i genitori invece di fare fronte comune con gli insegnanti hanno a loro volta atteggiamenti sempre più aggressivi verso le istituzioni scolastiche. La mia deontologia professionale mi impone d inserirmi nel dibattito ed esprimere il mio punto di vista di psicoterapeuta di formazione sistemico-strategica.

Gran parte degli psicologi e dei pedagogisti attribuiscono la causa principale del fenomeno al fatto che i genitori hanno abbandonato il loro impegno formativo. Però, secondo il mio punto di vista, tutti i contesti che accolgono le nuove generazioni sono orientati da un modello di relazioni democratico- permissive dove i minori sono ritenuti piccoli uomini in grado di decidere autonomamente come vivere e come comportarsi: dal neonato che può succhiare il latte sino ai 6 anni, allo studente che si firma da solo le giustificazioni, al piccolo calciatore che non accetta le decisioni dell’arbitro o dell’allenatore incitato da padri e madri urlanti ai bordi del campo. Al bambino non viene più riconosciuto un diritto fondamentale alla immaturità- fragilità da aiutare e strutturare con amore, ma con altrettanta competenza e fermezza; viene privato di un lento e graduale sviluppo delle sue capacità e catapultato troppo precocemente in una età adulta. Dalla situazione sopra delineata emerge un forte e chiaro messaggio comunicativo: non ci sono limiti nè comportamenti dovuti e su cui non si può transigere.

Questa è l’atmosfera pedagogica in cui viviamo. Il compito degli educatori è diventato molto più arduo ed irto di difficoltà di quanto non lo fosse nel passato. I principali responsabili dell’educazione, genitori ed insegnanti non possono esimersi dall’ accettare la sfida della modernità. Per questo hanno bisogno di affinare le loro capacità ed acquisire nuovi strumenti comunicativi.

Se la premessa democratica-permissiva che ho illustrato è il contesto che prepara un terreno fertile agli episodi inquietanti di questi giorni si impone un cambiamento di premesse e soprattutto di tornare ad un modello asimmetrico ed autorevole nelle relazione con i giovani. In questo compito genitori ed insegnati non possono essere certo lasciati soli ma devono sapere che i luoghi in cui possono trovare sostegno consiglio e nuove competenze esistono. Chi è interessato ad approfondire gli argomenti della comunicazione tra giovani ed adulti, del problem-solving strategico e della gestione delle relazioni conflittuali, può rivolgersi al sito www.terapiabrevestrategicalucca.it

 

Dott.ssa Emanuela Giannotti

egipsi@tin.it

347 7705359


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 21 settembre 2020, 02:25

Reddito di emergenza: novità del decreto agosto

Per richiedere la terza mensilità del reddito di emergenza sarà necessario inoltrare la relativa domanda all’Inps entro il prossimo 15 ottobre


domenica, 20 settembre 2020, 17:28

Votare comunque è l'imperativo categorico

Andrà come vorrà la maggioranza degli elettori toscani. L’essenziale rimane che non stiano a casa o che “vadano al mare”


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 20 settembre 2020, 12:33

533 euro di multa perché trovato fuori dal comune di residenza a fare benzina durante il lockdown: respinto il ricorso

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un residente nel comune di Capannori il quale si è visto respingere il ricorso nonostante il distributore di carburante fosse a poche centinaia di metri di distanza dal confine e sulla via di ritorno dal lavoro. Commento di Aldo Grandi


domenica, 20 settembre 2020, 11:28

Chiusa la 'topaia' di pattinaggio al Giannotti, nessuna soluzione alternativa: Tambellini vergogna!

Di fronte alla lettera aperta inviata da Francesco Cosentino al sindaco sulla chiusura della 'topaia' di pattinaggio sul Brennero, la domanda è: ma Tambellini, invece di sponsorizzare la candidata a lui gradita del Pd, non avrebbe fatto meglio a trovare una soluzione per gli appassionati del pattinaggio a rotelle?


sabato, 19 settembre 2020, 11:09

"Comics, Lucca Crea non pensa a noi commercianti e operatori lucchesi"

La titolare della libreria Ubik torna ad attaccare il direttore di Lucca Crea Emanuele Vietina per la scelta di non coinvolgere nella manifestazione Lucca Comics & Games anche gli operatori lucchesi nonostante la grave crisi economica che stanno attraversando


venerdì, 18 settembre 2020, 19:23

"Noi precari della scuola, figli di un dio minore"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Oscar Pellegrini, del comitato docenti precari di Lucca, in cui si rende bene l'idea della situazione in cui si trova questa categoria in ambito scolastico