Anno 7°

venerdì, 29 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Aiutiamo i giovani aggressivi a percorrere altre strade

venerdì, 20 aprile 2018, 21:54

di emanuela giannotti

Le notizie di questi ultimi giorni sui gravi episodi che accadono nelle scuole rilevano uno stato di allarme: gli alunni non attribuiscono più agli insegnanti il rispetto dovuto al loro ruolo ritenendoli ormai deboli ed inadeguati a soddisfare ii loro bisogni educativi. Il fenomeno avrà a mio parere una pericolosa escalation, perché i genitori invece di fare fronte comune con gli insegnanti hanno a loro volta atteggiamenti sempre più aggressivi verso le istituzioni scolastiche. La mia deontologia professionale mi impone d inserirmi nel dibattito ed esprimere il mio punto di vista di psicoterapeuta di formazione sistemico-strategica.

Gran parte degli psicologi e dei pedagogisti attribuiscono la causa principale del fenomeno al fatto che i genitori hanno abbandonato il loro impegno formativo. Però, secondo il mio punto di vista, tutti i contesti che accolgono le nuove generazioni sono orientati da un modello di relazioni democratico- permissive dove i minori sono ritenuti piccoli uomini in grado di decidere autonomamente come vivere e come comportarsi: dal neonato che può succhiare il latte sino ai 6 anni, allo studente che si firma da solo le giustificazioni, al piccolo calciatore che non accetta le decisioni dell’arbitro o dell’allenatore incitato da padri e madri urlanti ai bordi del campo. Al bambino non viene più riconosciuto un diritto fondamentale alla immaturità- fragilità da aiutare e strutturare con amore, ma con altrettanta competenza e fermezza; viene privato di un lento e graduale sviluppo delle sue capacità e catapultato troppo precocemente in una età adulta. Dalla situazione sopra delineata emerge un forte e chiaro messaggio comunicativo: non ci sono limiti nè comportamenti dovuti e su cui non si può transigere.

Questa è l’atmosfera pedagogica in cui viviamo. Il compito degli educatori è diventato molto più arduo ed irto di difficoltà di quanto non lo fosse nel passato. I principali responsabili dell’educazione, genitori ed insegnanti non possono esimersi dall’ accettare la sfida della modernità. Per questo hanno bisogno di affinare le loro capacità ed acquisire nuovi strumenti comunicativi.

Se la premessa democratica-permissiva che ho illustrato è il contesto che prepara un terreno fertile agli episodi inquietanti di questi giorni si impone un cambiamento di premesse e soprattutto di tornare ad un modello asimmetrico ed autorevole nelle relazione con i giovani. In questo compito genitori ed insegnati non possono essere certo lasciati soli ma devono sapere che i luoghi in cui possono trovare sostegno consiglio e nuove competenze esistono. Chi è interessato ad approfondire gli argomenti della comunicazione tra giovani ed adulti, del problem-solving strategico e della gestione delle relazioni conflittuali, può rivolgersi al sito www.terapiabrevestrategicalucca.it

 

Dott.ssa Emanuela Giannotti

egipsi@tin.it

347 7705359


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


venerdì, 29 maggio 2020, 13:47

Prestito con delega: cos’è e chi vi può accedere

Chi ha un lavoro dipendente, con contratto a tempo indeterminato, ha diverse opportunità per quanto riguarda i prestiti. Lo stipendio infatti può essere utilizzato come garanzia, come avviene ad esempio con la cessione del quinto


venerdì, 29 maggio 2020, 01:00

Installare un impianto fotovoltaico a casa

Sta diventando sempre più facile installare un impianto fotovoltaico per la casa. Oggi molte aziende offrono l’opportunità di acquistare un impianto che produca sufficiente energia per gli utilizzi domestici, in modo da abbassare enormemente la bolletta


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 28 maggio 2020, 08:49

"Didattica a distanza, la scuola non è un'applicazione"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione della professoressa Michela Stefani in merito alla didattica a distanza nelle scuole


mercoledì, 27 maggio 2020, 23:28

Ma un marocchino vale più di un carabiniere?

Questa mattina il quotidiano Il Tirreno così titolava la sua locandina. Il linguaggio politicamente corretto utilizzato dai quotidiani di sinistra impedisce la pubblicazione, in caso di arresto o denuncia di un immigrato, della nazionalità. Un carabiniere è, forse, peggiore?


mercoledì, 27 maggio 2020, 18:18

“Se due più due iniziasse a fare cinque...”

Ma per davvero vogliamo arrivare al punto che due più due faccia cinque e non quattro come è nella realtà?


mercoledì, 27 maggio 2020, 13:28

Pista ciclo pedonale che unisce Lucca a Capannori: la proposta di Angelo Nerli

Riceviamo e pubblichiamo la proposta del Prof Angelo Nerli (pres. onorario CAI) per un innovativo collegamento ciclo pedonale che unisca Lucca e Capannori attraverso il recupero dello storico Ponte dei Frati