Anno 7°

mercoledì, 12 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

E’ in Toscana la Las Vegas italiana

venerdì, 10 agosto 2018, 09:24

Fra qualche mese saranno disponibili anche i dati relativi al 2018 e sarà interessante valutare gli effetti sul gambling del decreto legge recante “Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese”. Il cosiddetto, e tanto discusso, “Decreto Dignità”.

Nel frattempo gli ultimi numeri a nostra disposizione ci raccontano che nel 2016 gioco offline più gioco online hanno raccolto una somma pari a 96,1 miliardi di euro. La spesa totale, vale a dire la cifra ricavata dalle giocate meno le vincite erogate, s’è attestata invece sui 19,4 miliardi di euro, così successivamente ripartiti: 10,4 miliardi finiti nelle casse dell’Erario, i restanti 9 miliardi circa alla filiera (un insieme composto da più di 100.000 soggetti).

Da rimarcare, poi, come la quota degli operatori online autorizzati a operare sul mercato italiano, per esempio https://casino.netbet.it/, sui 19,4 miliardi di spesa del 2016 sia stata di poco superiore al 5%, all’incirca un miliardo di euro.

E in Toscana?

La raccolta derivante dal gioco d’azzardo legale, quello cioè autorizzato dall’ADM, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, è costantemente cresciuta nel triennio 2014-2016. La spesa registrata nel 2016 è stata pari a 1.124 milioni di euro. In un’ipotetica classifica per regioni la Toscana occuperebbe l’ottava piazza dietro solo a: Lombardia (3.501 milioni); Lazio (1.862); Campania (1.779); Emilia Romagna (1.468); Veneto (1.435); Piemonte (1.245); e, infine, Sicilia (1.138).

Ma a far suonare un campanello d’allarme sono soprattutto i numeri derivanti dalle AWP (le slot machine di ultima generazione) e dalle VLT (le più moderne videolottery) presenti sul territorio.

Questi due tipi di gioco hanno raccolto più della metà dei 96,1 miliardi di euro registrati nel 2016 sull’intera penisola: per l’esattezza 49,4. Stilando poi due distinte graduatorie della spesa pro-capite annua in AWP e VLT (dati 2016 e gennaio-giugno 2017), la prima per provincia e la seconda per città capoluogo, ecco che proprio il comune più popoloso della Toscana dopo Firenze si piazza davanti a tutti gli altri territori del Belpaese.

Insomma, senza dubbio alcuno è Prato ad aggiudicarsi il titolo di Las Vegas italiana.

Con 749,22 euro spesi ogni anno dagli abitanti dei suoi sette comuni in AWP e VLT, stacca di un bel po’ la seconda provincia in classifica (Rovigo con 508,93 euro). E buttando uno sguardo alle cifre spese all’interno della sola città conosciuta in tutto il mondo per la qualità delle sue stoffe, ecco che balziamo a quota 836,53 euro di spesa pro-capite annua (+ 87,31 euro rispetto al dato provinciale e staccando ancora una volta nettamente il secondo arrivato, Olbia con 650,44 euro a testa).

Anche queste statistiche avranno spinto la Regione a varare qualche mese fa il piano di contrasto al gioco d'azzardo, con le integrazioni e le modifiche richieste dallo stesso Ministero della Salute. Dicastero che ha poi confermato lo stanziamento di oltre 3 milioni di euro (più precisamente 3.158.995) per l’attuazione delle azioni ipotizzate nel piano.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


martedì, 11 dicembre 2018, 18:37

Soffrire il freddo alle Chiavi d'Oro

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci dal Comitato di Gestione del Centro Chiavi d'Oro sulla difficile situazione ambientale della struttura che ospita le iniziative culturali e di altro genere a causa della mancanza di riscaldamento


martedì, 11 dicembre 2018, 11:16

"Spostamento della farmacia a San Vito: un'occasione persa"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento del presidente dell'associazione "Il Tondo" Guglielmo Sonnenfeld sul recente spostamento di sede della farmacia comunale di San Vito


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 11 dicembre 2018, 09:22

"Canile di Lucca, il festival delle contraddizioni e dell'ipocrisia"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera, a firma di Stefano Novelli, in cui si denuncia la situazione al canile di Lucca dopo le recenti decisioni prese dall'amministrazione comunale


lunedì, 10 dicembre 2018, 18:04

"Lascio la Fim Cisl, ecco perché..."

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera della sindacalista Narcisa Pellegrini in merito alla sua decisione di concludere la sua esperienza con la Fim Cisl


lunedì, 10 dicembre 2018, 17:59

"Pazza Lucca... amala..."

Pantera vietata ai deboli di cuore, per la seconda volta in una settimana ribalta il risultato negli ultimi dieci minuti finali e resta aggrappata al gruppone delle ultime senza mettere distanze incolmabili e che sarebbero pesate bao sulle giovani teste rossonere


lunedì, 10 dicembre 2018, 15:51

"Chi sbaglia, bianco, nero o giallo che sia, deve pagare, a maggior ragione se è venuto a bussare alle nostre porte ed è stato accolto e aiutato"

Alessandro Ghionzoli, presidente dell'associazione Partecipazione e Sviluppo interviene in merito alle denunce e fermo per spaccio dei tre richiedenti asilo provenienti dalla tensostruttura della Croce Rossa di Lucca