Anno 7°

venerdì, 19 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Non c'è limite alla cattiveria"

venerdì, 9 novembre 2018, 13:23

di roberto simonelli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera a testimonianza di come il fenomeno della microcriminalità sia, purtroppo, tutt'altro che debellato e di come gli anziani e le fasce più deboli della società ne siano vittime inconsapevoli:

Egregio direttore,

Le scrivo per raccontarle un fatto, a mio parere, gravissimo che evidenzia come ormai alcuni esseri (mi perdoni ma non riesco a scrivere "umani") abbiano perso ogni minima dignità e decenza.
Pochi giorni fa mia madre è stata contattata al telefono da un individuo che si è spacciato per un avvocato. Le ha detto che suo figlio aveva causato un gravissimo indicente e che era trattenuto nella caserma dei Carabinieri. Le intimava di consegnare alcune migliaia di euro entro pochi minuti per evitare la denuncia, altrimenti il figlio avrebbe trascorso molto tempo in prigione. Mia madre ha risposto di non avere niente e che non poteva far fronte alla richiesta. Le ha detto, allora, che se non avesse pagato sarebbe stata responsabile della sua detenzione. Vista l'inamovibilità di mia madre ha desistito lasciandola in preda al panico e a un lieve malore causato dallo stato d'ansia. Fortunatamente in pochi minuti è riuscita a contattarmi e a rassicurarsi.

La classica truffa, o meglio tentata truffa in questo caso, ormai nota e oggetto anche di servizi in TV.

Tuttavia ho atteso qualche giorno per scriverLe perché avevo la necessità di smaltire la rabbia e cercare di analizzare ciò che è accaduto con un minimo di oggettività. Malgrado conosca, ahimè, certe dinamiche non riesco a capacitarmi come certi Immondi personaggi non si facciano scrupoli a terrorizzare persone anziane e apparentemente indifese facendo leva su ciò che più è a loro caro, l'amore per i familiari. Se ne fregano di causare dolore o peggio, malori che potrebbero anche rivelarsi fatali per le vittime. Parassiti che usano l'inventiva per truffare e rubare. Per loro non esiste morale. Arraffano quanto più è possibile e scappano come ratti (scusandomi con i roditori per il paragone).

Mia madre fortunatamente sta bene, ha sporto denuncia ed è comunque conscia di aver evitato la truffa.
Le scrivo queste poche righe nella speranza che i lettori possano avvisare i propri cari e tutte le persone possibili future vittime di questi "geni".

Amaramente La saluto e La ringrazio per l'attenzione.

 

Risponde Aldo Grandi: Caro Roberto lei sfonda una porta che è sempre rimasta aperta e lontana anni luce dall'ipergarantismo portato avanti da una certa politica verniciata di rosso e da associazioni pseudoumanitarie secondo le quali il detenuto è più importante della vittima, il perdono più del castigo.

Chi scrive ha più volte ribadito che non deve esserci pietà per chi commette reati, soprattutto, per alcuni di essi tra cui inserirei a pieno titolo la truffa con le modalità che lei ha sapientemente saputo descrivere. Lei e sua madre siete stati fortunati. Ci sono stati numerosi episodi in cui, purtroppo, la fortuna non c'è stata e le persone anziane sono state truffate vigliaccamente. Il fatto è, caro Simonelli, che viviamo in una società dove tutti vedono e vorrebbero tutto e quando non riescono a trovarlo, inevitabilmente finiscono per cercare di procurarselo in qualche modo. Il reato della truffa è, poi, uno tra i più odiosi, ma la Giustizia ossia il Parlamento lo considera, tutto sommato, scarsamente meritevole di un incremento sostanzioso della pena.

Noi saremmo molto più determinati. Carcere e per un bel periodo di tempo. Vedrà, fra qualche anno la lotta tra chi ha e chi vorrebbe avere finirà per le strade e sarà allora necessario sapersi difendere. In bocca al lupo.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


venerdì, 19 aprile 2019, 16:04

Intervista al SEO Egidio Imbrogno: quali sono i principali fattori di posizionamento su Google?

Per stabilire l'ordine dei risultati organici delle pagine di ricerca - quelli non a pagamento, dunque - Google si basa su più di 200 fattori: non tutti, però, sono uguali allo stesso modo. Per prendere in esame i fattori di posizionamento più significativi sul motore di ricerca di Mountain View...


venerdì, 19 aprile 2019, 10:22

"Ponte S. Pietro senza raccolta rifiuti porta a porta: perché?"

Riceviamo, volentieri pubblichiamo e giriamo a chi di dovere questa lettera inviataci da un abitante di Ponte S. Pietro il quale dichiara che esistono problemi con la raccolta di rifiuti di Sistema Ambiente. Qualcuno può rispondergli?


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 19 aprile 2019, 10:07

Ciclismo per passione: l'importanza dell'abbigliamento bici tecnico

Il ciclismo: uno sport che appassiona grandi e piccini da diversi decenni ormai. L'Italia è un Paese con una grandissima tradizione ciclistica, basti pensare a campioni come Coppi, Bartali e Pantani. Chi decide di avvicinarsi a questo sport, però, deve seguire alcune semplici regole per praticarlo al meglio


venerdì, 19 aprile 2019, 09:11

"Il parco di via Matteotti simbolo dell'impegno civico dei cittadini"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento dell'Associazione Parco S. Anna in merito all'inaugurazione del parco in via Matteotti


venerdì, 19 aprile 2019, 08:57

"Assi viari, ci saremmo aspettati un "no" netto in consiglio"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento del Comitato Viabilità Sostenibile e Salvaguardia del Territorio, fatto leggere ieri mattina durante la seduta di consiglio comunale a Capannori


giovedì, 18 aprile 2019, 17:38

Fidget spinner aiuta la concentrazione o distrae?

Parlando di fidget spinner, sorta di trottole dotate di un cuscinetto a sfera e un numero variabile di bracci (tipicamente tre) che è possibile far ruotare agendo con le dita della mano, è probabile che ci troviamo di fronte alla classica moda del momento