Anno 7°

sabato, 17 novembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Non c'è limite alla cattiveria"

venerdì, 9 novembre 2018, 13:23

di roberto simonelli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera a testimonianza di come il fenomeno della microcriminalità sia, purtroppo, tutt'altro che debellato e di come gli anziani e le fasce più deboli della società ne siano vittime inconsapevoli:

Egregio direttore,

Le scrivo per raccontarle un fatto, a mio parere, gravissimo che evidenzia come ormai alcuni esseri (mi perdoni ma non riesco a scrivere "umani") abbiano perso ogni minima dignità e decenza.
Pochi giorni fa mia madre è stata contattata al telefono da un individuo che si è spacciato per un avvocato. Le ha detto che suo figlio aveva causato un gravissimo indicente e che era trattenuto nella caserma dei Carabinieri. Le intimava di consegnare alcune migliaia di euro entro pochi minuti per evitare la denuncia, altrimenti il figlio avrebbe trascorso molto tempo in prigione. Mia madre ha risposto di non avere niente e che non poteva far fronte alla richiesta. Le ha detto, allora, che se non avesse pagato sarebbe stata responsabile della sua detenzione. Vista l'inamovibilità di mia madre ha desistito lasciandola in preda al panico e a un lieve malore causato dallo stato d'ansia. Fortunatamente in pochi minuti è riuscita a contattarmi e a rassicurarsi.

La classica truffa, o meglio tentata truffa in questo caso, ormai nota e oggetto anche di servizi in TV.

Tuttavia ho atteso qualche giorno per scriverLe perché avevo la necessità di smaltire la rabbia e cercare di analizzare ciò che è accaduto con un minimo di oggettività. Malgrado conosca, ahimè, certe dinamiche non riesco a capacitarmi come certi Immondi personaggi non si facciano scrupoli a terrorizzare persone anziane e apparentemente indifese facendo leva su ciò che più è a loro caro, l'amore per i familiari. Se ne fregano di causare dolore o peggio, malori che potrebbero anche rivelarsi fatali per le vittime. Parassiti che usano l'inventiva per truffare e rubare. Per loro non esiste morale. Arraffano quanto più è possibile e scappano come ratti (scusandomi con i roditori per il paragone).

Mia madre fortunatamente sta bene, ha sporto denuncia ed è comunque conscia di aver evitato la truffa.
Le scrivo queste poche righe nella speranza che i lettori possano avvisare i propri cari e tutte le persone possibili future vittime di questi "geni".

Amaramente La saluto e La ringrazio per l'attenzione.

 

Risponde Aldo Grandi: Caro Roberto lei sfonda una porta che è sempre rimasta aperta e lontana anni luce dall'ipergarantismo portato avanti da una certa politica verniciata di rosso e da associazioni pseudoumanitarie secondo le quali il detenuto è più importante della vittima, il perdono più del castigo.

Chi scrive ha più volte ribadito che non deve esserci pietà per chi commette reati, soprattutto, per alcuni di essi tra cui inserirei a pieno titolo la truffa con le modalità che lei ha sapientemente saputo descrivere. Lei e sua madre siete stati fortunati. Ci sono stati numerosi episodi in cui, purtroppo, la fortuna non c'è stata e le persone anziane sono state truffate vigliaccamente. Il fatto è, caro Simonelli, che viviamo in una società dove tutti vedono e vorrebbero tutto e quando non riescono a trovarlo, inevitabilmente finiscono per cercare di procurarselo in qualche modo. Il reato della truffa è, poi, uno tra i più odiosi, ma la Giustizia ossia il Parlamento lo considera, tutto sommato, scarsamente meritevole di un incremento sostanzioso della pena.

Noi saremmo molto più determinati. Carcere e per un bel periodo di tempo. Vedrà, fra qualche anno la lotta tra chi ha e chi vorrebbe avere finirà per le strade e sarà allora necessario sapersi difendere. In bocca al lupo.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


scopri la Q3


Osteria Il Manzo


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


venerdì, 16 novembre 2018, 22:59

Gioco online: quanto piace agli italiani

Il settore dei giochi online è molto cresciuto negli ultimi anni. Si deve considerare che fanno parte di tale settore diversi “mondi”, tra cui quello dei giochi per il computer, le applicazioni disponibili su smartphone, i giochi eurobet e anche buona parte dei titoli disponibili per console


giovedì, 15 novembre 2018, 19:29

Toscana, in calo il gioco minorile. Dati positivi emergono dal quinto Rapporto Edit

Si può tirare un sospiro di sollievo, almeno per quanto riguarda la Toscana, almeno per quanto riguarda il gioco minorile. Rispetto al quadro nazionale infatti, il gioco d'azzardo praticato dagli adolescenti toscani non sembra assumere contorni particolarmente critici o problematici


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 14 novembre 2018, 18:01

Ore 15 piazza S. Michele: il salotto della città

Oggi pomeriggio alle 15 in piazza San Michele: belli in vista uno striscione relativo ad una manifestazione che nessuno ha rimosso tantomeno vigili urbani o personale di Palazzo dei Bradipi e un 'accampamento' con tanto di suonatori rasta e un cane


mercoledì, 14 novembre 2018, 10:59

Una poesia per ricordare il maestro Riccardo Benvenuti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa poesia scritta da una persona che conosceva il maestro Riccardo Benvenuti e che, alla notizia della sua morte, ha voluto ricordarlo con pochi versi


lunedì, 12 novembre 2018, 10:18

"Sconfitti, ma non domati..."

Per la rubrica "Pensieri Rossoneri", Luca Borghetti, alias "il professore rossonero", interviene dopo la sfortunata sconfitta di ieri della Lucchese nel derby contro il Pisa al Porta Elisa


sabato, 10 novembre 2018, 12:45

"Dove vuole andare Capannori e cosa vuol essere e diventare?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera critica di un gruppo di cittadini scontenti, di Capannori, in vista della prossima tornata elettorale