Anno 7°

mercoledì, 28 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Prendersi cura della brand reputation: come e perché?

martedì, 4 dicembre 2018, 14:05

Chiunque opera online dovrà sempre e comunque fare i conti con la propria brand reputation. Nella maggior parte dei casi professionisti e aziende si preoccupano maggiormente di fattori endogeni: migliorare la qualità dei contenuti, la SEO interna al sito, le strategie di link building, tuttavia la brand reputation non è un fattore secondario e andrebbe sempre valorizzata.

Costruire un nome rispettato e piacente è un aspetto chiave della propria attività in rete. Non si possono trovare vie di mezzo e non ci sono linee di pensiero contraddittorie a riguardo, bisogna curarsi di quello che le persone pensano e dicono del proprio brand.

Se la tendenza di ciascuno di noi è quella di preoccuparsi dell’opinione altrui anche nella vita reale, online questo discorso viene addirittura amplificato. La rete è una grossa cassa di risonanza dove quello che dicono le persone, specialmente sui social network assume un peso specifico non secondario e non trascurabile.

La brand reputation: un’arma a doppio taglio

Secondo gli esperti della Web Agency Img Solutions, come suggerisce il nome stesso di questo concetto la “brand reputation” altro non è che la reputazione del marchio che i singoli hanno di una certa attività. Questo concetto assume la massima importanza nel campo dei fini commerciali.

La reputazione, l’opinione, il pensiero che circonda un certo brand è tutto, ha un valore davvero incalcolabile. Qui non si parla di migliorare la quantità di visite che affluiscono al sito o di migliorare il logo aziendale: questi sono fattori che dipendono da te, la brand reputation invece no, essa dipende dalle persone e da quello che dicono di te, in primis sui social.

Per questa ragione la brand reputation è da considerarsi un’arma a doppio taglio. Se si lavora al massimo su questo fattore offrendo ai clienti un servizio impeccabile, che piace e che sappia coinvolgere allora la buona reputazione è qualcosa che si alimenta da solo, specialmente se si riesce a dare alla qualità e al valore una costanza nel tempo.

Ma l’altra faccia della medaglia dice che le persone si ricordano più facilmente delle cose negative che di quelle positive, per questo a volte anche solo pochi commenti negativi possono rovinare in parte la brand reputation, mentre se sono la maggior parte, molto presto l’impatto sui ritorni potrebbe iniziare a farsi sentire.

Perché la brand reputation è così importante?

Da quanto affermato sino a questo momento dovrebbe già risultare chiara la valenza di questo concetto, ma specifichiamola meglio cercando di capire quali sono i rischi che si corrono con una cattiva reputazione.

Come noto le persone prima di fare un acquisto o prendere qualsiasi decisione si rivolgono alla rete, anche se ci sono amici a disposizione ormai spesso preferiamo chiedere in rete: si fa prima. Per questo i profili social aziendali e professionali ai quali le persone si rivolgono possono diventare un problema se non curati dal punto di vista della reputation.

I commenti negativi vanno contrastati, le critiche vanno comprese e trasformate in valore, i clienti virtuosi invece vanno alimentati e spinti a una maggiore collaborazione per l’immagine del brand. Tutto questo può essere la strategia giusta per costruire una buona brand reputation.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


martedì, 27 ottobre 2020, 18:01

“L’Italia (di oggi) è una repubblica fondata sulla fuffa.”

Anno 2020: Costituzione Italiana vista e rivisitata dai sommi maestri che risiedono nella stanza dei bottoni. E pensare quanto hanno ammattito i padri costituenti nel ’46 per buttar giù quei famosi 139 articoli che ai giorni nostri possono servire giusto come carta igienica


lunedì, 26 ottobre 2020, 16:45

"Covid-19, una gita nei reparti di cura intensiva"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa breve riflessione inviataci da un cittadino lucchese al quale rispondiamo altrettanto brevemente


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 24 ottobre 2020, 12:54

Fondi del caffè: perché non buttarli e come riutilizzarli

L’Italia e gli italiani amano il caffè. Generalmente, dopo essersi appena svegliati, la prima azione è quella di prepararne una tazzina che possa augurare loro il buongiorno


giovedì, 22 ottobre 2020, 08:39

L’intelligenza artificiale assume giorno dopo giorno un ruolo sempre più significativo

Quando si parla di intelligenza artificiale non facciamo riferimento però solo ai sistemi di assistenza digitali, ma parliamo anche di quel tipo di intelligenza che permette, tramite sistemi di interpretazione computerizzati, di studiare il comportamento degli utenti attraverso l’analisi del percorso di navigazione al fine di determinarne gusti, preferenze ed...


martedì, 20 ottobre 2020, 17:43

E’ meglio morire di Covid o di inerzia?

Che questo Covid 19 ci stia annientando più dal punto di vista economico e sociologico che sanitario è praticamente un dato di fatto


martedì, 20 ottobre 2020, 15:29

I videogame sul calcio più famosi della storia

Ah, i videogiochi! Che passione! Sin dagli anni ’80 le simulazioni videoludiche del calcio hanno attecchito nelle case di milioni e milioni di appassionati di pallone