Anno 7°

mercoledì, 20 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Anziani, l'estinzione della specie"

mercoledì, 23 gennaio 2019, 08:43

di luciano luciani

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione di Luciano Luciani, componente del Comitato di gestione del Centro Chiavi d'Oro di Lucca, sulla situazione degli anziani dopo la chiusura del centro, a cui si è aggiunta l'abolizione della Carte d'argento da parte di Vaibus e la governativa deindicizzazione delle pensioni superiori ai 1500 euro lordi.

"A vederlo da fuori sembra un organismo in discrete condizioni di salute. Lo popolano una quarantina di individui tra gli ottanta e i centotre anni, quasi tutti di sesso femminile, stabili nel numero e, senza esagerare, di buon carattere. Solidali tra loro il giusto, li lega una sfrenata passione per il gioco della tombola. Le cartelle costano pochi centesimi e i premi sono costituiti da sobri beni di consumo: una confezione di biscotti, un pacco di pasta, un paio d'etti di caffè...

Tre/quattro volte al mese questa piccola comunità interrompe i ludi tombolari per prestarsi, più o meno di buon grado, a seguire alcune altre attività: musicali, letterarie, consigli per la salute in età matura... Nella bella stagione sono previste brevi visite di mezza giornata agli innumerevoli luoghi d'arte che il territorio conserva e mette a disposizione. In tali momenti non manca mai l'occasione conviviale di una merenda/cena (più cena che merenda, per la verità) sempre gradita e ampiamente onorata.

Questo il modesto servizio che il Centro Chiavi d'Oro di Lucca è stato in grado di fornire per oltre vent'anni a centinaia di cittadini con i capelli bianchi di "Lucca drento" e non solo. Un bella attività, ottima per combattere la più grave malattia che incombe oggi sull'età anziana: la solitudine, la perdita di socialità, la regressione emotiva. Un'agire, quello del Centro, socialmente utile e universalmente apprezzato. Bruscamente interrotto da una stagione inclemente a cui si è aggiunto il guasto della caldaia che garantiva il riscaldamento agli ambienti delle Chiavi d'Oro. Un danno che, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, sembra configurarsi come irreparabile. Tant'è, che da oltre un mese il Centro appare malinconicamente chiuso e le sue attività improvvisamente interrotte sine die. Silenziosa in proposito, di quei silenzi opachi e inquietanti, l'amministrazione comunale, primus inter pares, nella struttura gestionale del Centro.

Eppure, all'alba del terzo millennio, la domotica - la scienza che mira a migliorare la qualità della vita negli ambienti antropizzati - ha compiuto passi da gigante e riparare una caldaia non dovrebbe rappresentare più una mission impossible per nessuno. Tanto meno per un'amministrazione comunale capace di formidabili performances e di miracoli tecnologici in occasione di manifestazioni come il Summer Festival e i Comics. E invece ai frequentatori del Centro Chiavi d'Oro non rimane che restringersi in casa a imbesuirsi davanti al televisore.

Neppure si dà l'alternativa di una "girata" a Viareggio alla ricerca di un pallido raggio di sole, perchè anche Vaibus, l'agenzia di trasporti provinciale, con l'abolizione della Carta d'argento per gli ultrasettantenni ha pensato bene di contribuire assai al peggioramento della condizione del locale popolo con i capelli bianchi. Si aggiunga, poi, la governativa deindicizzazione delle pensioni superiori ai 1500 euro lordi che, secondo le stime sindacali, costerà a ogni pensionato, chi più chi meno, la bella sommetta, di mille euro a testa l'anno. Insomma, ci stiamo muovendo verso una nascosta, ma mica tanto, manovra per eliminare quanti sono percepiti come un peso economico e sociale per la comunità? Si vuole procedere verso un tentativo di estinguere la specie anziana homo senectutem adeptus con un bel risparmio nelle settore sociale della spesa pubblica? È questo il progetto recondito che ispira politici e amministratori? Lo si dica chiaramente!

I più generosi e socialmente motivati tra gli anziani, per accelerare la pratica, potrebbe organizzare dei suicidi collettivi di massa: che so, il salto dalle Mura e magari, per i più coraggiosi, dalla Torre Guinigi; o anche un'immersione collettiva nel Serchio purché in piena; oppure ancora l'attraversamento di via Carlo del Prete fuori dalle strisce pedonali. Insomma, tutto pur di alleggerire il lavoro di assessori, dirigenti, funzionari, comunali regionali e governativi.

In attesa del supremo sacrificio, intanto al Centro ci appaghiamo con le gioie dell'ipotermia, al cui godimento invitiamo sindaco e assessori, consiglieri comunali, provinciali e regionali e, perché no, pure qualche ministro".

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 20 febbraio 2019, 15:16

"Un grazie dal Comitato di Mugnano all'assessore Marchini che è riuscito a vincere la battaglia dei tir"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera di Christian Simonelli, responsabile comitato giovani di Mugnano, in merito alla chiusura ai tir della via di Mugnano


lunedì, 18 febbraio 2019, 17:41

"Sprofondo rossonero"

Avrei voluto dare il giusto e meritato risalto all'impresa sportiva dei giovanotti rossoneri contro una corazzata da sette milioni e mezzo di euro, ma, purtroppo, in mattinata è arrivata puntuale come una coltellata la sentenza del TFN sulla fidejussione che ci ricolloca ultimi a 13 punti e a sette dalla...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 17 febbraio 2019, 13:51

"Lucca: una città ricca di arte, storia, cultura e... degrado"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Chiara Grassini sul degrado in via Cesare Battisti, a Lucca, a pochi metri da San Frediano e dintorni


sabato, 16 febbraio 2019, 11:18

Assicurazioni, sicurezza e abbigliamento tecnico per motociclisti: cosa potrebbe cambiare

Quando si guida una moto, si sa, bisogna indossare il casco. Così detta almeno il Codice della Strada articolo 171. Nulla fino ad oggi, però, è stato detto o imposto sull’abbigliamento tecnico e le protezioni del motociclista


venerdì, 15 febbraio 2019, 22:28

"Altri sì per il Campo di Marte"

I Comitati Sanità Lucca (in memoria di Raffaello Papeschi) intervengono nuovamente a proposito della destinazione dell'ex ospedale Campo di Marte


venerdì, 15 febbraio 2019, 15:33

"Sortita di Santa Croce lasciata al degrado e all'incuria"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera di una lettrice de La Gazzetta di Lucca in merito allo stato di degrado della sortita Santa Croce