Anno 7°

martedì, 19 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Canile di Lucca, qui... gatta ci cova

lunedì, 7 gennaio 2019, 22:29

di stefano novelli

Cosa sta succedendo al canile di Lucca, seconda puntata: riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera inviataci da un lettore che aveva già analizzato la situazione: 

Interessanti spunti di riflessione ci fornisce la querelle fra l'attuale gestione del canile e comune

Partiamo dal primo fatto, la direzione nazionale Enpa prende le distanze dall’attuale gestione del canile, pubblicamente, dalle pagine di un quotidiano locale.

La direzione nazionale Enpa non concorda con le note evidenziate dall’attuale gestione, anzi l’Enpa “negli ultimi mesi risulta aver avviato un dialogo proficuo con l’amministrazione comunale”, così si legge sull’articolo pubblicato.

Non ci è dato sapere su quali argomenti verta questo “dialogo proficuo” dal momento che l’Enpa ha deciso di non partecipare al nuovo bando di gara

Non me ne voglia l’autore dell’articolo ma difficilmente posso credere che la rinuncia alla partecipazione dell’Enpa sia dovuta a “problemi fra la direzione del canile e l’associazione a livello nazionale” perché se il bando di gara fosse stato considerato da Enpa in sintonia con la propria mission e soddisfacente requisiti di efficienza economica la direzione nazionale avrebbe potuto tranquillamente rimuovere il proprio esponente locale.

Ma così non è stato e la direzione nazionale ha rinunciato alla gara.

Perché? 

Andiamo avanti 

L’Osservatorio Affari Animali di Lucca ha replicato sulla questione dalle pagine di svariati quotidiani; queste:

https://www.lagazzettadilucca.it/cronaca/2019/01/osservatorio-affari-animali-nuova-gestione-del-canile-sterile-alimentare-polemiche-su-fatti-pregressi/

https://www.luccaindiretta.it/dalla-citta/item/135327-associazioni-animaliste-canile-vigileremo-su-gestione.html

Le Associazioni animaliste che compongono l’Osservatorio garantiranno vigilanza sull’operato “affinché la prestazione che sarà erogata dall’attuale aggiudicatario corrisponda comunque ad accettabili livelli di tutela degli animali” e di questo ovviamente le ringrazio.

Come si legge nel comunicato “obiettivo primario dell’Osservatorio e delle Associazioni in esso rappresentate è quello della tutela del benessere degli animali, sempre nei limiti delle risorse disponibili”

Mi sento di fare un paio di note

La prima, l’Osservatorio considera già aggiudicato l’appalto alla cooperativa come da comunicazione ufficiale del Comune

Personalmente ritengo i contorni relativi a questo bando di gara ancora nebulosi

La seconda, l’Osservatorio vigilerà sui livelli di tutela degli animali ovviamente sempre nei limiti delle risorse materiali a disposizione

Queste parole suonano come una resa, come se si accettasse a malincuore una proposta inadeguata

Forse l’Osservatorio avrebbe voluto aver un ruolo più incisivo nella contrattazione del budget assegnato alla tutela degli animali ma non è riuscito nell’intento

Forse l’Osservatorio avrebbe avuto bisogno di più tempo per studiare e proporre a budget un pacchetto tutela animali adeguato a garantire un’elevata tutela del benessere degli animali

Siamo nel campo delle ipotesi ma la realtà rimane un’altra

Ad oggi la realtà è che, avendo tentato un nuovo accreditamento per passare i box del “rifugino” situati all’interno dell’area sanitaria sotto la competenza del canile sanitario, qualora si presentassero cani incapaci di coabitare con altri simili nei box del canile rifugio, questi cani dovrebbero essere inevitabilmente trasferiti altrove; come sta già accadendo. 

Rimango comunque colpito dalla volontà dell’Osservatorio di voler dissipare i dubbi sulla questione così come rimango colpito dalla stessa giunta la quale è scesa di persona in campo fra le fila delle Associazioni nel tentativo di fugare dal vivo e subito domande e perplessità. 

Ultimo ma non ultimo devo rendere merito all’associazione I pensieri di Fido che per prima ed unica ad aprile scorso ha puntato i riflettori sulla situazione del canile.

PS

Per chi non sa su cosa verte la prima puntata può trovarla qua:

https://www.lagazzettadilucca.it/rubriche/2019/01/cosa-sta-succedendo-al-canile-di-lucca/


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 18 febbraio 2019, 17:41

"Sprofondo rossonero"

Avrei voluto dare il giusto e meritato risalto all'impresa sportiva dei giovanotti rossoneri contro una corazzata da sette milioni e mezzo di euro, ma, purtroppo, in mattinata è arrivata puntuale come una coltellata la sentenza del TFN sulla fidejussione che ci ricolloca ultimi a 13 punti e a sette dalla...


domenica, 17 febbraio 2019, 13:51

"Lucca: una città ricca di arte, storia, cultura e... degrado"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Chiara Grassini sul degrado in via Cesare Battisti, a Lucca, a pochi metri da San Frediano e dintorni


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 16 febbraio 2019, 11:18

Assicurazioni, sicurezza e abbigliamento tecnico per motociclisti: cosa potrebbe cambiare

Quando si guida una moto, si sa, bisogna indossare il casco. Così detta almeno il Codice della Strada articolo 171. Nulla fino ad oggi, però, è stato detto o imposto sull’abbigliamento tecnico e le protezioni del motociclista


venerdì, 15 febbraio 2019, 22:28

"Altri sì per il Campo di Marte"

I Comitati Sanità Lucca (in memoria di Raffaello Papeschi) intervengono nuovamente a proposito della destinazione dell'ex ospedale Campo di Marte


venerdì, 15 febbraio 2019, 15:33

"Sortita di Santa Croce lasciata al degrado e all'incuria"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera di una lettrice de La Gazzetta di Lucca in merito allo stato di degrado della sortita Santa Croce


giovedì, 14 febbraio 2019, 08:41

"Autonomia differenziata per affossare la riforma sanitaria?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione di Umberto Franchi, ex sindacalista della Cgil, in merito alla cosiddetta "Autonomia Differenziata"