Anno 7°

sabato, 23 marzo 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"La frattura tra i volontari e la direttrice del canile è ben risaputa da tutti"

giovedì, 10 gennaio 2019, 19:55

di ass.ne cani ex canile di Arliano

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di risposta da parte dell'associazione cani ex canile di Arliano alla lettera apparsa alcuni giorni fa a firma Stefano Novelli:

Restiamo perplesse circa quanto scritto negli articoli del Sig. Stefano Novelli, apparsi su testate giornalistiche e social in questi giorni, nei quali si scaglia contro le Associazioni animaliste circa le attuali problematiche vissute dal Canile Municipale.

Mentre riteniamo di non dover entrare nell'argomento molto delicato intercorrente tra il Comune di Lucca e l'Amministratrice del Canile di Lucca, Sig.ra Palmucci Sandra, rappresentante ENPA, in merito all'accreditamento in quanto oggetto di controllo da parte Autorità competenti in materia, molto può essere detto circa l'annosa problematica dei rapporti tra il mondo associativo animalista e la Palmucci in questione.

La frattura tra i volontari e la direttrice del canile è ben risaputa da tutti, cittadinanza e enti, anche se, tra discrediti, rifiuti di collaborazione, accuse gratuite da parte dell'amministratrice, questi ultimi sono sempre stati in prima linea a intervenire.

Resta difficile capire come il Sig. Novelli, del quale non abbiamo il piacere della conoscenza, non avendolo mai incontrato nelle sgambature, nelle campagne di sensibilizzazione e di aiuto, possa esprimere giudizi e dubbi sull'operato delle Associazioni, e a che titolo.

Riteniamo che questo suo intervento accusatorio rivolto alle Associazioni, non solo sia infondato ma anche fuori luogo, forse perché il Sig. Novelli non è a conoscenza delle battaglie intraprese dai volontari nonostante il muro invalicabile eretto dalla Palmucci.

Forse non sa che il risultato di questa situazione è dovuta alla per nulla trasparente gestione degli ultimi 12 anni circa, che l'uso degli spazi del canile come l'esubero attuale dei cani fanno parte essenzialmente dalla cattiva gestione stessa.

Ecco, poca trasparenza: questo è il punto essenziale. Forse Novelli non sa che anche in questo caso, Palmucci non ha mai risposto alle richieste di trasparenza, fondamentale per la conoscenza e la possibile condivisione di intenti, mai ha fatto fronte comune con le Associazioni.

Il nostro dissenso in primis è, ieri come oggi, verso l'operato dell'Amministratrice. Senza che questo significhi schieramento dalla parte della Pubblica Amministrazione.

E ci sembra proprio la sua condotta, Sig. Novelli la vera strumentalizzazione dell'intera vicenda, come pure strumentalizzate sono state le Associazioni ogni volta che la Palmucci ha avuto problematiche da risolvere.

Il problema enorme oggi è riuscire a capire come sta esattamente la questione dell'ipotetico trasferimento di diversi cani, oggetto di rimpallo tra il Comune, che si dissocia dall'aver emesso tale ordine, e gli operatori del Canile costretti a fare da portavoce della Amministratrice: un passaparola di brevi frasi, piene di incertezze e insicurezze. Ancora una volta, la Palmucci non ha messo al corrente le Associazioni  su quanto stava succedendo, e poter trovare insieme una soluzione. Disposte ad aiutare, nei limiti dei propri mezzi, solo ed esclusivamente per il bene dei cani.
Il Sig Novelli non sa chi siamo, non sa cosa stiamo facendo, con sa cosa abbiamo proposto, non sa cosa è  stato fatto in tutti questi anni. Anche lei, sta utilizzando lo stesso metodo della Palmucci: gettare fango sugli altri per spostare la responsabilità della situazione fallimentare oggi esistente.

In ogni caso resta il nodo dei cani in esubero, sembra, oggetto di possibile trasferimento in altri canili.

Vogliamo cogliere l'occasione per chiedere al Comune di Lucca e all'Amministratrice Palmucci il chiarimento di questa situazione, in modo da poter creare fronte comune nel trovare una soluzione.

E ci rivolgiamo anche alla cittadinanza, chiedendo un aiuto per l'adozione degli ospiti del Canile, per poter gioire dell'ingresso in famiglia di un nuovo componente, e con la consapevolezza che ogni spazio liberato dà la possibilità di evitare che un altro cane possa essere spostato chissà dove, allontanato ancora una volta dalle persone che si sono occupate di lui, con rispetto ed amore.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


sabato, 23 marzo 2019, 10:19

"Troppe auto sulle mura urbane"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Marco Profeti in cui si denuncia la circolazione delle auto sulle mura urbane di Lucca


venerdì, 22 marzo 2019, 23:32

"Assi viari, un dejà vu che risale agli anni '80"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un residente a Carraia frazione di Capannori a proposito della riunione tenutasi ieri sera ad Artè sugli assi viari


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 marzo 2019, 23:27

"Sindaco salva la Lucchese con i soldi della vendita di Gesam"

Un appello viene dal mondo dell'associazionismo e in particolare è Mirko Bernardi di Hacking Labs che lancia una proposta, a suo avviso seria e concreta


giovedì, 21 marzo 2019, 11:19

Arance e limoni, lucchesi birboni. E un po' coglioni

Siamo davvero arrivati al culmine. Qui fanno tutti come cazzo gli pare. E se non ci fossi io che ogni tanto mi risveglio dal sonno, chi scoprirebbe i sotterfugi lucchesi? Eccone di gustosi


giovedì, 21 marzo 2019, 11:02

Orologio subacqueo: come scegliere il modello perfetto

Gli orologi subacquei che si trovano in commercio al giorno d'oggi arrivano ad essere dei veri e propri computer di bordo, che si indossano al polso e possono fornirci moltissime funzionalità utili durante le nostre immersioni


giovedì, 21 marzo 2019, 10:49

Bike Trial: le migliori per iniziare

Il bike trial è uno sport che sta prendendo sempre più piede, specialmente tra gli appassionati delle biciclette che però sono stanchi della solita routine. Il trial permette di sperimentare nuove tecniche, di compiere tragitti avventurosi e di mettersi costantemente alla prova