Anno 7°

venerdì, 26 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettera alla gazzetta

Comitato contro gli assi viari: "Crediamo che un amministratore non voglia essere ricordato come colui che ha contribuito a distruggere la piana di Lucca"

venerdì, 12 aprile 2019, 14:30

di comitato contro gli assi viari

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera aperta del "Comitato contro gli assi viari" indirizzata ai sindaci del comune di Lucca, di Capannori, al presidente della provincia di Lucca e al presidente della regione Toscana.

La Manifestazione che abbiamo indetto con la partecipazione di associazione di agricoltori(Coldiretti e CIA) per il giorno 13 aprile 2019, che prevede un corteo di mezzi agricoli, auto ed altri mezzi, ha lo scopo di portare alla Vs attenzione le problematiche che il Progetto Tangenziale di Lucca, noto come Assi Viari, arrecherà al nostro territorio. Non concepiamo come una amministrazione attenta alla salvaguardia del proprio ambiente, inteso come habitat, suolo, sottosuolo ed aria, abbia potuto far passare nei vari ambiti istituzionale una tale accozzaglia di mostruosità progettuali. Veniamo a chiedere di adoperarVi affinché tale Progetto non venga approvato alla prossima Conferenza dei Servizi in quanto dagli atti depositati ed emersi durante l’inchiesta pubblica nonché dalle perizie tecniche depositate dai cittadini questo non apporterà alcun beneficio di quelli tanto sbandierati, tipo eliminare il traffico dalla circonvallazione di Lucca, dal viale Europa sia di Lucca che di Marlia -Lammari.

Da una attenta lettura delle relazioni Anas e dall’esito dell’Inchiesta Pubblica, possiamo capire l’ininfluenza di tali affermazioni, oltre che essere un progetto cui benefichi avranno breve durata. Dalla relazione dei garanti emerge con chiarezza che il beneficio per il Comune di Lucca sarà del solo 3,6 per cento mentre per Capannori si vedrà addirittura un aumento del traffico del 68 per cento rispetto alle condizioni attuali. Non è possibile che non vengano considerati tutti i danni irreparabili e le ferite che il Progetto infliggerà al nostro Territorio, alcuni esempi, tra i tanti:

- Il tracciato si sviluppa interamente sul letto dell’antico Paleo Alveo del Serchio e la sua falda acquifera molto superficiale non viene tutelata in alcun modo. Chi garantirà la salubrità delle acque potabili che servono la Piana? - Il rilevato costituisce una notevole barriera al deflusso delle acque piovane, con pericolo di allagamenti nelle zone interessate dal progetto;

- Molti canali irrigui vengono deviati, interrotti o tombati con sicuri disagi per le molte aziende agricole che tutt’ora coltivano la zona est; - Frazionamento e divisione di terreni agricoli senza alcun criterio. Molte particelle saranno divise a metà con difficoltà di accesso da una parte all’altra. - Chiusura di strade e passaggi poderali tutt’ora utilizzati dai coltivatori;

- Perdita di marchio di produzione BIO per le aziende agricole che si troveranno a ridosso della Tangenziale. - Barriera di divisione dei paesi con interessi comuni, chiusura della viabilità secondaria di rammaglio tra le varie frazioni con aumento dei tempi di percorrenza nella direttrice est

– ovest e relativo aumento di inquinamento ambientale;

- Deturpamento di tutta la Piana che, invece, viene attualmente portata come esempio di città diffusa; - Enormi danni alle proprietà degli abitanti. Giardini ed abitazioni che si troveranno a ridosso di terrapieni o muri di contenimento alti 5 - 6 metri.

- Progetto realizzato su cartografie obsolete, che non tiene conto di nuove abitazioni in quanto effettuato su carte del 1995 (come emerso dalla relazione dei Garanti dell’inchiesta pubblica);

- Le abitazioni lungo il percorso sono tutte munite di pozzo artesiano. Dovrebbero essere tutti tombati nel raggio di 300 mt. Con conseguente enorme dispendio per i vari allacciamenti, non considerati da ANAS nella stima dei costi di progetto;

- Le finestre di alcune case verranno sigillate per alleviare l’impatto del progetto. Soluzione a dir poco incivile per il terzo millennio. - Difficoltà delle popolazione locale di raggiungere i vicini al di la della barriera.

- Mancato rispetto delle Aree ecologiche (vedi laghetti Lammari) che saranno attraversati dal progetto. Infatti l’asse Nord Sud sarà collocato a soli 117 metri dall’area, con tutti i conseguenti danni all’ambiente ed alla fauna che tutt’ora popola la zona.

Concludendo, chiediamo che, sia Voi, che tutta l’amministrazione pubblica prendiate coscienza del fatto che il progetto, ripresentato da ANAS senza alcuna modifica rilevante, apporta più disagi che benefici.

Non crediamo che un amministratore di buon senso e lungimiranza voglia essere ricordato dalle generazioni future come colui che ha distrutto o che ha contribuito a distruggere la Piana di Lucca. Oggi che tanto si parla, in svariate occasioni, della salvaguardia del clima, del consumo del suolo, della tutela dell’ambiente, come si può concepire con tanta disinvoltura questa colata di cemento, asfalto e chi sa cosa altro sarà inserito nel terrapieno. Sperando in una Vostra azione ragionevole per stoppare questo inutile e dannoso Progetto, porgiamo cordiali saluti e rinnoviamo la nostra intenzione a percorrere tutte le vie legali per evitare che la Piana venga irrimediabilmente compromessa.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


martedì, 23 aprile 2019, 11:42

Garante mutuo: chi può farlo e quando è necessario

Quando si richiede un mutuo bisogna tenere in considerazione diversi fattori che possono tornarci utili in qualsiasi momento. L'iter per ottenere il mutuo è lungo e pieno di cavilli che bisogna valutare con molta attenzione


martedì, 23 aprile 2019, 11:38

Come scegliere i mobili per il bagno

Quando devi arredare un bagno sai bene che il compito non è facile. Infatti ci sono tante cose a cui pensare, diciamo pure che in molti evitano questo tipo di decisione e preferiscono delegare a qualcuno. Arredare una stanza significa anche essere responsabili


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 21 aprile 2019, 10:09

Pasqua, le omelie dell'arcivescovo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo le omelie dell'amministratore apostolico della diocesi di Lucca, monsignor Italo Castellani, per la veglia e per il giorno di Pasqua


venerdì, 19 aprile 2019, 16:04

Intervista al SEO Egidio Imbrogno: quali sono i principali fattori di posizionamento su Google?

Per stabilire l'ordine dei risultati organici delle pagine di ricerca - quelli non a pagamento, dunque - Google si basa su più di 200 fattori: non tutti, però, sono uguali allo stesso modo. Per prendere in esame i fattori di posizionamento più significativi sul motore di ricerca di Mountain View...


venerdì, 19 aprile 2019, 10:22

"Ponte S. Pietro senza raccolta rifiuti porta a porta: perché?"

Riceviamo, volentieri pubblichiamo e giriamo a chi di dovere questa lettera inviataci da un abitante di Ponte S. Pietro il quale dichiara che esistono problemi con la raccolta di rifiuti di Sistema Ambiente. Qualcuno può rispondergli?


venerdì, 19 aprile 2019, 10:07

Ciclismo per passione: l'importanza dell'abbigliamento bici tecnico

Il ciclismo: uno sport che appassiona grandi e piccini da diversi decenni ormai. L'Italia è un Paese con una grandissima tradizione ciclistica, basti pensare a campioni come Coppi, Bartali e Pantani. Chi decide di avvicinarsi a questo sport, però, deve seguire alcune semplici regole per praticarlo al meglio