Anno 7°

sabato, 26 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Lucar, l’iniziativa: se tutti avessero un’auto ibrida

sabato, 22 giugno 2019, 19:48

A qualche giorno di distanza da quella che è stata a tutti gli effetti l’iniziativa più “calda della settimana scorsa”, a parlare con noi è il titolare della concessionaria Lucar, Giorgio Serafini: un passato da uomo di banca, un presente da concessionario di automobili, maturato attraverso tutti i 40 anni di successo della sua azienda; oggi uno sguardo al futuro, quello della nuova generazione, capitanata dal figlio Michele Serafini e uno al  nostro territorio, per il quale Giorgio si è speso sempre molto, in ogni ambito, dalla cultura al sociale.

Un cartello in via Salicchi che da lunedì 12 giugno segnala come lo scarico delle macchine in temporanea sosta, segni indelebilmente il muro sbiancato per l’occasione e confezionato da una cornice che recita: “Se tutti avessero un’auto Ibrida”.

 

Giorgio, quale significato attribuisci a questa tua nuova iniziativa? 

Un piccolo segno certo, che si somma a tanti altri fatti negli anni, in molte parti della città; la nostra Azienda ha infatti sempre voluto integrarsi nel tessuto sociale e culturale del territorio dove opera da oltre 40 anni, quel territorio che ha decretato il nostro successo e che adesso merita che questo successo gli venga in parte restituito.

Questa iniziativa in particolare, invita gli automobilisti a prendersi un minuto di calma, nel caos quotidiano, per riflettere sull’ambiente in cui viviamo e soprattutto sull’aria che respiriamo.

Il mio intento, grazie ai collaboratori che poi mi hanno aiutato a metterlo in pratica, è quello di far riconsiderare un po' a tutti i lucchesi che la città è la loro, che è il luogo dove vivono e che la salubrità dell’aria non deve mai esser persa di vista soprattutto in questo momento  in cui Lucca è stata considerata una fra le città a più alto tasso di inquinamento atmosferico dell’aria, con la sensibile presenza di polveri sottili. L’aver posizionato un pannello in via Salicchi, oppure aver messo idealmente una mascherina blu ai monumenti simbolo della nostra città, dal Burlamacchi a Giacomo Puccini, vuole rimettere la lente di ingrandimento su di una problematica che a più riprese l’amministrazione locale oltre che i media hanno portato all’attenzione. E’ chiaro, io vendo automobili, quindi un fine commerciale ci deve pur essere, ma infondo, ci credo che la vera rivoluzione debba venire proprio dal settore dell’automotive, e in questo, sia Toyota per le Ibride che BMW per le elettriche, stanno facendo davvero molto. Un regalo che la Lucar insieme tutto il suo team fa ai clienti che acquistano un auto ibrida e quindi, di conseguenza anche alla città è quello di omaggiare, per un anno, il parcheggio negli stalli blu della nostra Lucca. 

Giorgio cosa vuol dire “Lucar. Con te. Sempre". 

La concessionaria quest’anno ha approcciato un nuovo percorso comunicativo contraddistinto da uno slogan che recita “Lucar. Con te. Sempre” che sta proprio a significare il suo voler essere presenti in ogni circostanza della vita dell’individuo. Crediamo nel potere delle emozioni e volevamo che ogni aspetto della nostra comunicazione ne fosse portavoce. Il nostro brand ha subito così un’evoluzione. Il marchio ha preso una nuova veste, ridefinita nei dettagli e nelle sue caratteristiche tecniche e stilistiche racchiudendo in sé la nostra filosofia. Siamo una realtà che accompagna il cliente in ogni esperienza quotidiana associata all’auto. Dalla scelta all’acquisto, dal suo mantenimento nel tempo fino all’inizio di un nuovo ciclo. Attraverso tutte fasi della vita di un’auto, ma non solo. In ogni fase della vita di ognuno. Che si acquisti per necessità o per piacere, infatti, l’auto diviene inevitabilmente il compagno di una vita in ogni momento. È al nostro fianco ogni giorno, in ogni tipo di situazione. Alla presenza di un’auto associamo momenti particolari, speciali, che diventano ricordi che segnano il nostro percorso in modo indelebile. Così attraverso una nuova immagine, un nuovo mood, abbiamo voluto raccontare momenti di vita quotidiana e attimi che diventeranno ricordi indimenticabili cercando di cogliere un momento, un semplice istante. Uno scatto rubato ad un’esperienza. L'auto, scelta sulle nostre esigenze, racconta inevitabilmente di noi. Parla del nostro carattere, del nostro stile rappresentando chi siamo. È la compagna di una vita con la quale condividiamo la routine di ogni giorno e i momenti che divengono ricordi inaspettatamente unici. L’auto. Un ricordo. Un’esperienza, un’emozione. Con te. Sempre.

 

Ci salutiamo con il titolare Serafini, ricordando che saranno ancora molte le iniziative al riguardo, ripescando anche nella  memoria quella inaugurale di questo ciclo tenutosi presso la Fondazione Lazzareschi in aprile dal titolo “Ecosostenibilità”, con il noto climatologo Luca Mercalli ed alcuni rappresentanti di Toyota, Piaggio ed Enel.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


venerdì, 25 settembre 2020, 09:47

Le piattaforme di trading online Demo: perché usarle?

Con l’aumento di interesse per gli investimenti online che si è visto negli ultimi tempi, sono molte di più le persone, che si affacciano per la prima volta in questo settore


giovedì, 24 settembre 2020, 20:51

Lavoratori indipendenti: che forma giuridica ha il tuo business?

Quando si parla di lavoratore indipendente con Partita Iva in realtà si può far riferimento a diverse forme giuridiche. La forma giuridica è senz’altro una delle prime cose che bisogna stabilire quando si decide di avviare un’attività come lavoratore indipendente


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 24 settembre 2020, 14:14

Via del Casalino a Capannori, preoccupazione per la strada

Il consigliere comunale Lega Salvini premier Bruno Zappia effettua questa segnalazione in merito a una situazione di disagio in via del Casalino a Capannori


giovedì, 24 settembre 2020, 14:13

Barsali del Luccasette: "Romiti? Tutta colpa della Lucchese 1905 che non ha pagato quanto doveva"

Il presidente pro tempore della società calcistica Luccasette Germano Barsali risponde duramente e seccamente alla lettera di Massimo Romiti, genitore dell'atleta Marco, che aveva criticato la società per non aver concesso la liberatoria al figlio di accedere alla Lucchese 1905


mercoledì, 23 settembre 2020, 23:09

"Per colpa del Luccasette mio figlio non può giocare nella Lucchese"

Infranto il sogno di un ragazzo che desiderava giocare nella squadra del cuore. Così si potrebbe sintetizzare la brutta storia che Massimo Romiti, padre di Marco, classe 2005 (entrambi super tifosi della Lucchese), racconta con tanta amarezza e delusione. Breve commento di Aldo Grandi


martedì, 22 settembre 2020, 19:30

Irregolari il 25 per cento di sale giochi e siti scommesse controllati

Controlli a tappeto nel mese di agosto: individuati minori intenti a giocare all’interno di sale giochi e riscontrate diverse attività senza autorizzazione