Anno 7°

giovedì, 18 luglio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : una finestra su roma

La capitale dell'assenteismo

sabato, 13 luglio 2019, 18:17

di barbara ruggiero

Nel paese dei balocchi, delle furberie, dei diritti acquisiti e della poca voglia di lavorare, Roma vince la medaglia d’oro dei fannulloni e degli assenteisti, attestandosi tra le prime città d’Italia per assenza prolungata dal posto di lavoro.

Le aziende municipalizzate del comune di Roma pubblicano ogni anno dati sconcertanti relativi alle assenze più o meno giustificate dei propri dipendenti. Si stima che il comune di Roma abbia alle proprie dipendenze 24.093 persone, alle quali si aggiungono i 24.233 dipendenti delle municipalizzate, per un totale di quasi 48mila unità (pensate che il gruppo FCA ex Fiat ne conta 33.351).

Nel 2018 la spesa amministrativa della capitale d’Italia è stata poco più di un miliardo di euro (il 21% del budget), a fronte dei 600 milioni spesi da Milano, tanto per renderci conto di come si fa presto ad accumulare debito. Accettando anche l’ipotesi di un debito ormai cronicizzato, non è accettabile che tutti i principali servizi di questa metropoli siano inefficienti a tal punto da domandarsi se, chi ci lavora, lavora per davvero.

L’Ama (nettezza urbana), L’Atac ( trasporti), sono delle catastrofiche municipalizzate che per anni hanno assunto dipendenti senza un’oculata programmazione. Recentemente la sindaca Raggi ha dato incarico di verificare le competenze e i bisogni dei singoli municipi ed è emersa questa disarmonia tra le necessità operative e il personale a disposizione. Per esempio i giardinieri, gli architetti, gli ingegneri, sono collocati senza omogeneità e risultano o troppo pochi o inutili in quel determinato dipartimento.

Senza motivazione non si fa nulla, ma, nella depressione di un carrozzone insanabile, i lavoratori perdono ovviamente voglia e interesse. In questi mesi estivi, tra luglio e agosto, molti dipendenti comunali non si recano al lavoro.

Basta guardare la metro e gli autobus al mattino presto, tra le 6.30 e le 7.30, per rendersi subito conto che sulle banchine, in attesa dei mezzi pubblici, c’è meno della metà degli abituali viaggiatori. E allora ci domandiamo come sia possibile che già dall’inizio di luglio chi si sposta per lavoro diminuisca così vistosamente?

Quali sono gli strumenti utilizzati per assentarsi dal lavoro? Ferie? Permessi? Congedi? Legge 104? A quali diritti dei lavoratori i romani si appellano?

Guardiamoli nel dettaglio. Le ferie, per i dipendenti comunali, sono 26 giorni all’anno, di media vengono distribuite nei tre mesi estivi e per non più di 15 giorni consecutivi. I permessi retribuiti sono l’equivalente di tre giorni mensili. Il congedo parentale non può eccedere il limite complessivo di 10 mesi, fino a un massimo di 12 anni del figlio. La legge 104/92 viene concessa a portatori di handicap o parenti fino al terzo grado e dà il diritto di assentarsi per prendersi cura della disabilità del congiunto per un periodo massimo di sei mesi.

Ai romani, in particolar modo d’estate, guarda caso, succede di tutto. Parenti che si ammalano a ripetizione, febbre, mal di pancia, mal di schiena e chi più ne ha più ne metta. Figli senza assistenza, nonni indisponibili, insomma tutto ciò che consente ai romani di stare lontani dal posto di lavoro, con o senza giustificazione, con o senza retribuzione.

L'assenteismo è un vecchio vizio nell’Atac, la partecipata dei trasporti più grande d'Italia, che ha, infatti, il più alto tasso di forfait dal servizio di tutti i colleghi nazionali.
Sono 11.346 tra autisti, macchinisti, operai e impiegati. E in 2.888 hanno il permesso della legge 104. Secondo i report interni, lo sfruttano con regolarità in 2.400. Dai conti risulta che all'Atac oltre il 25% del personale ha il congedo, mentre nel settore privato la media è del 3,15 per cento. Otto volte in meno.

La società dei trasporti è messa perfino peggio dell'Ama, la municipalizzata dei rifiuti, che ha 7810 dipendenti, di cui 1600 con la 104. E che dire del Campidoglio? Tra vigili, maestre e amministrativi sono 6.217 su 24.000 gli impiegati comunali col permesso familiare. E così ogni anno, è stato calcolato, si bruciano 124 mila giornate di lavoro.

D'altronde, ogni volta che si è controllato sul serio, questi abusi sono venuti alla luce senza lasciare scampo. In Campidoglio la giunta Raggi ha avviato una stretta un anno fa e solo per la 104 sono venuti fuori episodi di ogni tipo. Diversi dipendenti sono stati “pizzicati” e finiti sotto procedimento disciplinare per avere falsificato i documenti che attestavano invalidità inesistenti ai familiari. Insomma, l'handicap dei parenti era fasullo, ma il permesso pagato dal comune era vero, eccome. Un altro impiegato aveva accumulato oltre 20 giorni di congedo senza mai essersi recato dal genitore. Come se fosse in ferie, invece che in permesso per gravi motivi familiari. E la lista sarebbe lunga, ogni giorno vengono segnalati nuovi casi di utilizzo improprio della legge 104.

Se Roma è abbandonata a se stessa, lo deve anche alla scaltrezza dei furbetti del cartellino, dei permessi per disabilità usati in modo improprio, dei congedi indiscriminati.

E’ anche così che si distrugge una città, la capitale d’Italia.






Questo articolo è stato letto volte.


prenota


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 17 luglio 2019, 14:12

"Un progetto dimenticato: la riqualificazione dell’ex manifattura tabacchi"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera dell'avvocato Fabrizio Giuliano in merito alla riqualificazione dell'ex manifattura tabacchi


martedì, 16 luglio 2019, 20:10

Rottamazione ter: nuova scadenza al 31 luglio

Più tempo per i contribuenti per fare pace con il Fisco: con il “decreto Crescita” sono stati riaperti i termini per aderire: alla rottamazione ter delle cartelle; al saldo e stralcio delle cartelle, sempre in riferimento ai carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 15 luglio 2019, 19:18

Villetta con giardino in vendita da Spazio Casa

L'agenzia Spazio Casa propone in vendita nel comune di Lucca una villetta, costruita nel 2007, corredata da 2 posti auto di proprietà, porticato di 14 mq e resede esclusiva uso giardino di 50 mq


lunedì, 15 luglio 2019, 11:08

Trombanti, trombati... e querelati

Torno da voi dopo tanto: ma con la coda tra le gambe. Mi han querelato! Le mie rivelazioni danno noia. Ma io insisto


lunedì, 15 luglio 2019, 10:51

Perde il portafoglio al concerto, ma un cittadino lo trova e lo restituisce

Bellissima questa lettera che arriva alla nostra redazione inviataci da un turista che era a Lucca per il concerto di Elton John. Un grazie anche all'agente della polizia municipale Claudia Boetto


lunedì, 15 luglio 2019, 10:45

Pneumatici auto, Vredestein alla conquista dell'Europa

Una storia secolare, che da dieci anni ha ottenuto una forte spinta grazie agli investimenti della società indiana Apollo, il più grande produttore indiano e 14esimo a livello mondiale, che ha rilevato il marchio dalla proprietà olandese