Anno 7°

giovedì, 18 luglio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Pubblicità sessista, non sono un talebano"

venerdì, 12 luglio 2019, 09:48

di massimiliano bindocci

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera del consigliere del Movimento 5 Stelle di Lucca, Massimiliano Bindocci, in risposta alla provocazione del direttore Aldo Grandi che lo ha definito "talebano" dopo la presa di posizione sulla pubblicità ritenuta sessista.

"Mi permetto di definire le tue considerazioni in premessa al comunicato che la Presidenza del Consiglio Comunale, di cui sono Vicepresidente Vicario, ha prodotto unitariamente oggi, come fuori luogo.

Dico questo perché il comunicato era una risposta alla signora Ughi che stigmatizzava il fatto che il consiglio si fosse occupato della campagna pubblicitaria.

Opinione legittima, come legittima è la risposta di chi rappresenta il Consiglio Comunale che ribadisce che il Consiglio si occupa di ciò che liberamente ritiene importante. Il comunicato non verte sulla questione della morale, della foto o della decenza della campagna pubblicitaria (tra l’altro io in Consiglio non sono intervenuto) ma era sulla libertà del Consiglio Comunale di affrontare tutti i temi che ritiene opportuni senza che qualche censore ci dica di cosa si può o non si può parlare. Ho difeso sempre la libertà pagando spesso in prima persona questa scelta, ricordo la mia battaglia in CGIL, ma anche in politica, e sul lavoro, e non sono certo io un esempio di bon ton.

La libertà laica di esprimere il proprio credo senza urtare gli altri credo sia l’opposto della logica talebana, per come volgarmente la rappresentiamo. Ho difeso in passato le libertà proprio a partire da coloro che la pensano diversamente da me, ricordo di aver difeso anche la libertà dei suoi libri di stare sulle vetrine del centro, la libertà di casa pound di potersi riunire senza temere molotov, quella di Conflavoro di fare le sue considerazioni sul comune senza ritorsioni. E sarà sempre così. Mi troverà sempre dalla parte della giustizia e della libertà, non sono particolarmente originale, ma confondermi con i talebani significa non aver compreso o forse letto quanto è scritto".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 17 luglio 2019, 14:12

"Un progetto dimenticato: la riqualificazione dell’ex manifattura tabacchi"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera dell'avvocato Fabrizio Giuliano in merito alla riqualificazione dell'ex manifattura tabacchi


martedì, 16 luglio 2019, 20:10

Rottamazione ter: nuova scadenza al 31 luglio

Più tempo per i contribuenti per fare pace con il Fisco: con il “decreto Crescita” sono stati riaperti i termini per aderire: alla rottamazione ter delle cartelle; al saldo e stralcio delle cartelle, sempre in riferimento ai carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 15 luglio 2019, 19:18

Villetta con giardino in vendita da Spazio Casa

L'agenzia Spazio Casa propone in vendita nel comune di Lucca una villetta, costruita nel 2007, corredata da 2 posti auto di proprietà, porticato di 14 mq e resede esclusiva uso giardino di 50 mq


lunedì, 15 luglio 2019, 11:08

Trombanti, trombati... e querelati

Torno da voi dopo tanto: ma con la coda tra le gambe. Mi han querelato! Le mie rivelazioni danno noia. Ma io insisto


lunedì, 15 luglio 2019, 10:51

Perde il portafoglio al concerto, ma un cittadino lo trova e lo restituisce

Bellissima questa lettera che arriva alla nostra redazione inviataci da un turista che era a Lucca per il concerto di Elton John. Un grazie anche all'agente della polizia municipale Claudia Boetto


lunedì, 15 luglio 2019, 10:45

Pneumatici auto, Vredestein alla conquista dell'Europa

Una storia secolare, che da dieci anni ha ottenuto una forte spinta grazie agli investimenti della società indiana Apollo, il più grande produttore indiano e 14esimo a livello mondiale, che ha rilevato il marchio dalla proprietà olandese