Anno 7°

domenica, 18 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Carabiniere massacrato, quella benda non ha ucciso nessuno

martedì, 13 agosto 2019, 19:59

di gianfranco lelmi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettere inviataci da un lettore sulla vicenda del carabiniere ucciso con 11 coltellate e sulla polemica, ridicola, per la benda piazzata sugli occhi dell'assassino:

Questa volta non sono d’accordo su quanto viene detto da numerose testate giornalistiche. In merito agli articoli sui due americani: “…quella benda sugli occhi….non è piaciuta nemmeno a noi” e poi di seguito “… e smettetela di fingervi indignati per una foto che certo nessuno di noi avrebbe mai voluto vedere”.

Quella benda, quel legaccio erano gli strumenti indispensabili di una situazione cogente. Anche altri sostengono nel loro editoriale del 29 luglio 2019: “La benda non va bene, ma non ha ucciso nessuno”. Il Comando dell’Arma ha definito quella benda: “qualcosa di inaccettabile”.

Eppure il GIP ha definito questi due soggetti (i due americani): ”di elevata pericolosità sociale” evidenziando una forte «incapacità critica”, con «totale assenza di autocontrollo e capacità critica» e «totale inconsapevolezza del disvalore delle proprie azioni» mostrando «una immaturità eccessiva anche rispetto alla giovane età».

Cosa si aspettava a bloccare i due fermati in caserma, forse una ulteriore reazione inconsulta diretta a causare ulteriori vittime? Ne discende per fatto empirico che il comportamento dell’Arma si è reso indispensabile.

Ben venga anche la pubblicazione della foto, sappiano i delinquenti, quello che li aspetta se viene violata la legge. Finiamola di addebitarci colpe inesistenti, ben sappiamo cosa fa la polizia francese difronte ai delinquenti: “piedi scalzi, benda, mani legate dietro la schiena” o la polizia americana: “ il trattamento migliore per un arrestato è quello di ricevere una pallottola in mezzo agli occhi, così almeno soffre meno”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


sabato, 17 agosto 2019, 16:58

Papa Francesco, al peggio non c'è mai fine

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di Domenico Caruso della Lega di Capannori sulle ultime esternazioni storiche e politiche di imam Bergoglio


sabato, 17 agosto 2019, 13:59

Cosa pensano i giovani della crisi di governo?

La politica, per i giovani italiani, è una giostra che gira male. La crisi di governo aperta solo dopo 18 mesi ha inferto un colpo durissimo alle speranze dei ragazzi che avevano delegato le classi politiche a prendersi carico dei loro problemi, del loro futuro


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 17 agosto 2019, 10:17

Din Don Dan: l'omicidio di Don Pilade Niccoletti

Esattamente un anno fa, il 17 agosto 2018, iniziava la mia collaborazione con le Gazzette. Inauguravo la mia rubrica, Sulla Scena del Crimine, parlando di un cold case che ha coinvolto il nostro territorio e che è rimasto nell'ombra per oltre un trentennio: l'omicidio di Don Pilade Niccoletti


venerdì, 16 agosto 2019, 12:10

"Ma uno nasce di destra o di sinistra?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un lettore che ha voluto porci una domanda estremamente interessante alla quale il solito direttore (ir)responsabile Aldo Grandi risponde con piacere


mercoledì, 14 agosto 2019, 21:36

A che gioco stai giocando Amanda Knox?

Ce lo siamo chiesti tutti o quasi. Insomma, si dice sempre l'importante è che se ne parli, e Foxy Knoxy sembra aver fatto propria questa filosofia di vita. Dopo essere diventata multimilionaria grazie al faraonico contratto firmato per scrivere un libro di memorie, la ragazza di Seattle non perde mai...


mercoledì, 14 agosto 2019, 21:17

"Un articolo che mi ha fatto commuovere, coraggioso e fuori dal coro"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un militare dell'Arma che ha voluto manifestare la propria opinione a seguito della pubblicazione dell'articolo a firma Aldo Grandi