Anno 7°

venerdì, 28 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Come organizzare il ritorno a casa del neonato dopo il parto

martedì, 20 agosto 2019, 06:55

A fronte di una continua diminuzione dei nuovi nati che colpisce anche i nostri territori, la Regione Toscana continua a deliberare per continuare ad investire nella qualità del "percorso nascita" , ovvero l'organizzazione dei servizi dal concepimento ai prime anni di vita del infante. Ad oggi questo permette di vantare una mortalità neonatale molto bassa rispetto a tutto il mondo, con appena 2,4 nati morti ogni 1000 nati vivi.

Altrettanto fondamentale è l'organizzazione dei neogenitori per affrontare il ritorno a casa con il pargoletto, senza farsi sopraffare dalle emozioni e dai tantissimi cambiamenti.

La scelta migliore è improntare la propria casa in maniera altamente funzionale già prima, per avere tutto il necessario a portata di mano e ben sistemato per garantire la sicurezza di tutta la nuova famiglia allargata. 

Ad esempio si raccomanda di collocare il fasciatoio nel bagno o, almeno, il più vicino possibile ad esso, insieme a tutto il necessario per l'igiene del nuovo nato (i pannolini, le creme per idratare la pelle e contro il rossore, il body e vestitini vari di materiale adeguato alla stagione). 

Per la corretta igiene andrà benissimo l'acqua corrente tiepida e un po' di sapone di Marsiglia neutro, evitando l'uso superfluo di molti prodotti in commercio che potrebbero essere mal sopportati dalla cute delicatissima. Per il fatidico momento del bagnetto non può mancare un po' di amido di riso da disciogliere nell'acqua, garze sterili, soluzione fisiologica e fascia elastica per medicare il moncone ombelicale, oltre ad un'immancabile stufetta per evitare il raffreddamento.

Occhi ben aperti sui lenzuolini per la carrozzina e il lettino: non bisogna seguire solo i prezzi o la fantasia preferita, ma bisogna orientarsi verso articoli di fibra naturale, traspiranti e preferibilmente bianchi per poterli igienizzare in lavatrice senza danni.

E dopo il bagnetto serale arriva il momento di andare a letto, che potrà essere in camera con mamma e papà o nella sua stanzetta privata fin da subito. Si tratta solo di una libera scelta che deve fare la famiglia, perché non esistono impedimenti dal punto di vista scientifico. Nel caso di essere riuniti nella stessa stanza gli esperti consigliano di tenere il lettino il più lontano possibile dalla madre, perché molto spesso i neonati fanno dei versetti durante il sonno che turberebbero la ripresa dalle fatiche del parto.

Per motivi di sicurezza è importante che il piccolo dorma a pancia in su.

Da adesso le attività "lavorative" del bambino saranno solo urinare, andare di corpo, alimentarsi e dormire. Sarà la mamma, con l'ausilio del padre, a dover reggere lo stress dell'allattamento ogni 3 ore. È bene che la coppia abbia già avuto modo di parlare della partecipazione anche nei compiti notturni, a maggior ragione se si dovrà somministrare latte con il biberon invece che direttamente dal seno.

Il capitolo allattamento merita uno spazio tutto suo. La scienza insegna che il latte materno abbia straordinarie caratteristiche nutrizionali, la capacità di far irrobustire le difese immunitarie del bambino e creare quel legame affettivo unico.

Quindi bisogna dotarsi di coppette assorbilatte da tenere nel reggiseno, specifico per l'allattamento, ed una crema contro le ragadi.

Per l'allattamento artificiale e la preparazione di tisane servirà il biberon, eventualmente scaldabiberon e sterilizzatore.

Signori papà, abbiate tanta pazienza nel primo mese e mezzo! Gli ormoni della vostra consorte saranno completamente sballati.

Importantissimo tenere presente l'ambiente che ha ospitato per nove mesi vostro figlio, al caldo, tranquillo, con scarsa percezione dei rumori esterni. Questo significa che di notte è importante che ci sia silenzio e si consiglia una maglietta o una copertina piegata a forma di ciambella tutt'intorno, per offrire quella sensazione di protezione del grembo materno.

Per lo sviluppo della psicomotricità  si deve scegliere giochi stimolanti, differenti per fasce di età. Da subito la classica girandola colorata, sonaglini con suoni pacati e uno specchio per abituare al riconoscimento delle fisionomie. 

A tutti i cari che vi chiederanno "cosa gli posso regalare?" potrete suggerire i giochi adatti dal secondo trimestre in poi, come la palestrina per neonato a cui aggiungere elementi sempre più complessi, una scaletta a pioli e il tappeto puzzle.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


auditerigi


tuscania


il casone


toscano


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


giovedì, 27 febbraio 2020, 17:22

E-learning e guide online: l’apprendimento che viaggia in rete

Diversi sono gli utilizzi che facciamo del web e ogni giorno ci rendiamo conto delle infinite opportunità che può offrirci anche nella vita quotidiana. Negli ultimi anni internet ha mostrato di poter rendere all’utenza contenuti visivi e testuali utili, validi anche sul fronte dell’apprendimento personale


giovedì, 27 febbraio 2020, 12:03

Bottiglie e borracce personalizzate: cresce la richiesta tra aziende e realtà commerciali

Personalizzare dei gadget è una forma di pubblicità e di distinzione che sempre più aziende prendono in considerazione. Il vantaggio si riscontra non solo nella promozione del proprio brand, ma anche nella creazione di oggetti utili che sicuramente verranno impiegati


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 27 febbraio 2020, 09:40

"Progetto citizen science, segnalare anfibi e rettili"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo appello del Wwf a segnalare tritoni, salamandre, rospi, rane, lucertole, gechi, orbettini e serpenti che capita di osservare durante le proprie escursioni


mercoledì, 26 febbraio 2020, 19:34

La banca che... non c'è più e il genio dei francesi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo non una lettera, come di solito avviene, ma alcune immagini scattate da un nostalgico (utente?) di quella che, in via Vittorio Veneto, è, a tutti gli effetti, una delle più belle location che abbiano mai ospitato un istituto bancario a Lucca


martedì, 25 febbraio 2020, 19:13

Champions League, cosa aspettarsi dalla partita Lione vs Juventus

Manca pochissimo ormai allo scontro fra il Lione e i Bianconeri di Sarri. La partita di andata degli ottavi di finale di Champions League si giocherà mercoledì 26 febbraio nello stadio di Lione il Parc Olympique e se ne vedranno sicuramente delle belle


martedì, 25 febbraio 2020, 16:58

"A Lucca impossibile parcheggiare motorini negli stalli a loro riservati"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa breve lettera in cui si segnala che parcheggiare a Lucca il motorino negli stalli riservati è impossibile o quasi