Anno 7°

mercoledì, 18 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : una finestra su Roma

Villa Pattumiera Borghese

giovedì, 8 agosto 2019, 08:33

di barbara ruggiero

Mentre la città si svuota dai suoi abitanti, esausti e accaldati dal grande caos di una metropoli vittima del dissesto e del degrado, una passeggiata nel verde sul colle più affascinante della città, tempra gli arditi spiriti e ricongiunge gli innamorati in un agosto stanco e assolato. Questa è Villa Borghese, non un parco come gli altri, ma qualcosa di più: la villa più amata da romani e turisti di tutte le età.

Immaginate di essere seduti su una panchina, immersi nel verde: di fronte una coppia di innamorati su una barchetta che remano sognando un futuro di felicità, un cane che scodinzola correndo sui prati, la risata di un bambino che gioca spensierato, un tempietto in stile ionico, affiancato da statue ellenistiche: Il sole sta tramontando, dovete alzarvi, percorrere la strada verso l’uscita, fino al muretto che divide il parco dalla città, lì, restando senza fiato: Roma è ai vostri piedi. Villa Borghese è un itinerario tra i più belli e interessanti della capitale, non si può restare indifferenti ai segreti che nasconde questa oasi di verde che coniuga arte, storia e vita quotidiana.

La perla dell’intera villa è Galleria Borghese, potreste arrivarci noleggiando le biciclette alla Casina Valadier, dopo poche pedalate trovarvi al Bioparco, poi alla Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea. Salendo la grande scalinata vi specchierete nelle acque del laghetto con il Tempietto di Esculapio e poco distante l’orologio ad acqua: finalmente sarete giunti al Pincio. Ci sono luoghi dedicati ai bambini, la Casina di Raffaello, la Casa del Cinema, la fontana dei cavalli marini e la meravigliosa Piazza di Siena, sede del famoso concorso ippico oltre che campo preferito dai camminatori della domenica. Il vostro viaggio nel verde, tra i grandi pini secolari, le ville settecentesche e la vista su Roma, infinita e maestosa, è solo l’inizio. Vi aspetta un percorso ad ostacoli, tra l’incuria e l’abbandono, tra l’indifferenza e il pericolo. Un paradiso con l’anima infernale, una pattumiera a cielo aperto.

Vi troverete infatti circondati da fusti di birra, bottiglie di super alcolici, bicchieri di plastica, sigarette e carta buttata qua e là. Il menu completo di un party organizzato abusivamente è servito. Un “green party” all’ombra degli alberi di Villa Borghese è una moda selvaggia a cui non si può rinunciare. L’offesa al decoro perpetrata dai vandali urbani ha travolto la villa più bella di Roma, diventata location di gran richiamo per i giovani.

E poi, migliaia di topi passeggiano indisturbati lungo i viali, a pochi passi dai turisti, mangiando l’immondizia lasciata abbandonata dovunque da persone senza scrupoli, senza amore per le cose pubbliche.

Come chiamare altrimenti lo scempio trovato nell’area verde che ospita l’opera progettata nel ‘600 dagli architetti Alessandro Algardi e Giovanni Francesco Grimaldi? Vandali.

Bicchieri e tappi di bottiglie sono all’interno della vasca che è stata pulita il giorno prima dagli addetti alla manutenzione. I vandali probabilmente si sono fatti il bagno nella fontana.

Ovunque tracce di accampamenti notturni: scarpe di donna spaiate, mutande appese a una siepe, una borsa da donna, persino una tastiera rotta di un computer, scatole di profilattici, bucce di banana, bottiglie di vetro rotte.

Come poter intervenire per riportare Villa Borghese al suo meritato splendore? “Ad oggi, il numero degli operatori addetti al servizio giardini della zona Centro è di 8 unità e devono gestire 1 milione e 800 mila metri quadrati di verde” ha dichiarato al Fatto Quotidiano Sara Lilli, consigliera Pd del Municipio Roma I Centro. “L’amministrazione? Dicono che ci stanno lavorando”. Così dobbiamo attendere tempi migliori, quelli che non arrivano mai.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 18 settembre 2019, 19:03

Lysenko: l'utile idiota di Stalin e la scienza scampata al rasoio di Occam

Torna il professor Giovanni Barco con il suo ossigeno poliatomico liquido. Ecco qua, intanto, una sua disgressione storico-filosofica


mercoledì, 18 settembre 2019, 15:15

Quando l'assassina è tua madre. Dopo Cogne e Santa Croce Camerina, la Mamma Noir è di Benevento

La chiamano "Sindrome di Medea". La identificano come una delle patologie più ripugnanti della nostra civiltà. Sfocia spesso in fatti di cronaca che difficilmente riusciamo a comprendere. È il fenomeno per il quale le madri uccidono i propri figli perché accecate dall'odio ed intrise dal seme della follia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 18 settembre 2019, 08:52

Benedetta sia la Tav, parola di Papa

Sala Clementina del Palazzo Apostolico, Città del Vaticano, Papa Francesco presiede un’udienza dedicata ai dipendenti e dirigenti delle Ferrovie dello Stato, un appuntamento tra i tanti nella fitta agenda del Pontefice


martedì, 17 settembre 2019, 20:51

Miasmi a Parezzana, protestano le famiglie

Le famiglie di Parezzana residenti vicino alla pompa di sollevamento della fognatura pubblica hanno scritto al sindaco di Capannori, alla Asl 2 di Lucca, alla società Acque e ai vigili urbani:


martedì, 17 settembre 2019, 16:27

Casa semindipendente, bella opportunità

L'agenzia Spazio Casa propone una casa semindipendente, completamente ristrutturata nel 2006 e ottimamente mantenuta, corredata da resede recintata, veranda con pergola bioclimatica, giardino di circa 300 mq con cassetta in legno e pergolato, oltre vari posti auto


martedì, 17 settembre 2019, 15:51

“Defascistizzazione” delle strade di Roma, gli abitanti non sono contenti

Il comune ha deciso di cambiare il nome ad alcune strade intestate a chi, 80 anni fa, firmò il manifesto della razza. Al momento le vie incriminate sono tre, nel quartiere Primavalle, periferia a nord della capitale: via Arturo Donaggio (neuropsichiatra), Largo Arturo Donaggio e via Edoardo Zavattari (biologo)