Anno 7°

giovedì, 17 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : una finestra su roma

I migranti arrivano in Vaticano, ma sono di bronzo

giovedì, 10 ottobre 2019, 08:39

di barbara ruggiero

Il barcone dei migranti approda a Piazza S. Pietro, ma i migranti sono di bronzo.  Perché, per quanto riguarda i migranti in carne e ossa, nello stato Vaticano,  siamo all’anno zero. Infatti nei Sacri Palazzi ne sono ospitati solo dieci.

Sul sagrato della piazza progettata dal Bernini, uno dei massimi esempi di architettura e urbanistica barocca, è stata inaugurata il 29 settembre, in occasione delle “Giornata mondiale del rifugiato e del migrante”,  l’opera dell’artista  canadese  Timothy Schmalz, che raffigura 140 persone di bronzo, di diverse nazioni ed epoche storiche. La scultura si chiama “Angeli inconsapevoli”, e, infatti, dalla folla di migranti che “camminano” accalcati con abiti d’epoca, spuntano due ali d’angelo. I volti sono presi da foto e immagini di persone realmente esistite.  Sotto i loro piedi, un'imbarcazione ricorda i naufragi di questi anni nel Mediterraneo. Nelle intenzioni dell’artista, l’opera raffigura uomini, donne e bambini che rappresentano varie fasi migratorie: l’immigrazione degli italiani verso l’America, lo schiavismo degli europei verso l’Africa e gli ebrei in fuga dalla Terra Santa. Ma anche gli indigeni sterminati dall’Occidente, gli ebrei perseguitati dai nazisti, i siriani che fuggono dalla guerra e gli africani che scappano oggi.

L’opera piace ai fedeli e ai turisti che si accalcano per fotografarla, e sono quasi tutti stranieri, perché trovare un italiano a piazza S. Pietro, in un caldo pomeriggio autunnale, è quasi impossibile, qui si parlano tutte le lingue del mondo tranne l’italiano.

“Questa statua mi piace moltissimo, sembrano persone reali, sono migranti di tutto il mondo, rappresentano la realtà di ieri e quella moderna”, dice un turista brasiliano in viaggio con la famiglia.

Un signore di mezza età, uno dei pochi romani, guarda in lontananza le ali che sporgono sopra le teste scure del bronzo.

Conosce il significato di quelle ali?: “No, che ne so?”.

Cosa ne pensa di questa opera donata a Papa Bergoglio?: ”Ma co’ tanti problemi che c’avemo, che ce famo co’ sta roba?”.

Quest’opera ricorda il problema della migrazione nella storia dei secoli, secondo Lei il Pontefice dovrebbe aprire le porte del Vaticano ai migranti?: ”E certo, se li pigliasse lui, qua fori semo già pieni, nun c’è  posto più pe’ nessuno”. 

Un altro signore si avvicina alle transenne.

Lei è italiano?:” Mezzo italiano e mezzo tedesco”.

Le piace questa raffigurazione sulla migrazione?:” Si, molto. A Gibilterra c’è un’opera di un uomo solo con la valigia, questa scena migratoria fatta di bronzo la ricorda molto”.

Cosa ne pensa della situazione dei migranti che sbarcano in Italia, chi dovrebbe farsi carico di questi disperati?: "Tutti, compresa la Comunità Europea, è giusto che li soccorriamo, ma dobbiamo garantire loro la dignità”.

Anche la Germania, quindi, deve continuare ad aprire i confini? “Sì, no, non lo so. Sono domande politiche?”.

Lei pensa che papa Francesco debba aprire le porte e ospitarli nella città del Vaticano?: ” No, nei sacri palazzi è meglio che ci siamo solo prelati”.

Vi piace questa opera di bronzo?: “sì, yes, oui, shì”. La risposta, anche dei cinesi, è unanime e corale.

Colpisce però che molti fedeli stranieri parlino di “sacra protezione dei palazzi”, ovvero che non sia giusto trasformare i palazzi apostolici in centri di accoglienza, perché sono luoghi “dei prelati”. I romani invece, che il Vaticano ce l’hanno in casa, la pensano diversamente. Per loro è insostenibile lo spettacolo di piazza San Pietro diventata dormitorio a cielo aperto di centinaia di disperati, mentre all’interno la cittadella Vaticana è lustra e pulita, contornata da giardini monumentali e, soprattutto, inaccessibile.

L’opera verrà portata, una volta finita l’esposizione pubblica,  dentro le mura apostoliche, simbolo inanimato di drammi e tragedie. Inanimato, appunto, così si rispetta la sacralità dei palazzi. Mentre fuori la realtà preme, fatta di persone, non di statue.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


auditerigi


brico


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


giovedì, 17 ottobre 2019, 09:13

Sara Aiello, quegli otto minuti per morire

Sono ormai anni che mi occupo di violenza contro le donne e che mi batto in prima linea per promuovere una campagna di informazione e prevenzione. Purtroppo però non è mai abbastanza


mercoledì, 16 ottobre 2019, 13:55

"Crepa sul Brennero, a gennaio 2020 inizio lavori: complimenti a questa amministrazione"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa ironica segnalazione sull'annuncio di ieri sera in consiglio comunale con cui la maggioranza ha annunciato l'inizio dei lavori per la crepa a S. Michele in Escheto


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 10 ottobre 2019, 12:21

Rudy Guede e Meredith Kercher “versus” Amanda Knox e Raffaele Sollecito: la faccia di Perugia di cui non si parla mai

Torna a far discutere, a ridosso dell'anniversario della morte di Meredith, uno dei protagonisti della mattanza verificatasi nella notte tra il 1 e il 2 novembre del 2007, al n. 7 di Via della Pergola


martedì, 8 ottobre 2019, 22:51

Federico Mattiello: un lucchese alla corte di Maran

Nel Cagliari che sta stupendo tutti in questo avvio di campionato (settimo in classifica a pari merito della Lazio sesta con 11 punti, tre vittorie e due pareggi) c'è un giocatore che deve ancora far vedere il meglio del proprio repertorio. Stiamo parlando di Federico Mattiello


martedì, 8 ottobre 2019, 18:12

La casa di Jaqueline

Lasciando la città e le sue mura cinquecentesche non è molto difficile arrivare alla casa di Jaqueline. Si percorre la strada che porta a Nord, passando il ponte sul fiume Serchio e ci si avvia sulla via di Camaiore


martedì, 8 ottobre 2019, 17:47

L'autotutela tributaria: così utile, così inutilizzata…

L'istituto dell'autotutela rappresenta l'espressione del potere riconosciuto all'Amministrazione Finanziaria di rimuovere gli effetti negativi di un provvedimento erroneo o viziato d'illegittimità, ed è contemplato nel novero degli strumenti deflattivi del contenzioso nonché nel più ampio rapporto di compliance tra Agenzia delle Entrate e contribuente