Anno 7°

giovedì, 21 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : parliamo di... fisco

L'autotutela tributaria: così utile, così inutilizzata…

martedì, 8 ottobre 2019, 17:47

di nicola nottoli

L'istituto dell'autotutela rappresenta l'espressione del potere riconosciuto all'Amministrazione Finanziaria di rimuovere gli effetti negativi di un provvedimento erroneo o viziato d'illegittimità, ed è contemplato nel novero degli strumenti deflattivi del contenzioso nonché nel più ampio rapporto di compliance tra Agenzia delle Entrate e contribuente, volto al riavvicinamento degli stessi.

Il procedimento di annullamento in autotutela può essere promosso d'ufficio ove l'Amministrazione Finanziaria ravvisi autonomamente i presupposti, ovvero ad istanza di parte. Tali presupposi sono stati così individuati:

1) errore di persona;

2) evidente errore logico o di calcolo;

3) errore sul presupposto dell'imposta;

4) doppia imposizione;

5) mancata considerazione di pagamenti di imposta, regolarmente eseguiti;

6) mancanza di documentazione successivamente sanata, non oltre i termini di decadenza;

7) sussistenza dei requisiti per fruire di deduzioni, detrazioni o regimi agevolativi, precedentemente negati;

8) errore materiale del contribuente, facilmente riconoscibile dall'Amministrazione.

Il potere di autotutela tributaria in capo all'Amministrazione Finanziaria soggiace alla discrezionalità di quest'ultima, non sussistendo alcun onere di emettere, d'ufficio ovvero a seguito d'istanza di parte, un provvedimento che si esprima nel merito della questione.

Di fatto un'istanza promossa da un contribuente potrebbe non essere esitata, permanendo il cittadino in un'incertezza non sempre adeguatamente tutelabile.

Tale procedura può essere promossa in presenza di un avviso notificato e divenuto definitivo per mancata impugnazione, ovvero in pendenza dei relativi termini.

Le istanze di annullamento in autotutela, però, essendo atti a forma libera che non si innestano in un percorso giurisdizionale, non determinano la sospensione di alcun termine decadenziale, con la conseguenza che i sessanta giorni entro i quali promuovere eventualmente una opposizione, continuano a decorrere pur in pendenza della predetta procedura deflattiva.

La discrezionalità rimessa all’Amministrazione Finanziaria è tutt'ora oggetto di numerose critiche e censure che valorizzano il rischio d'inutilità deflattiva dello strumento ma, nel corso del tempo, tale tesi non ha ottenuto riscontri giurisprudenziali atteso che la Corte di legittimità, a più riprese, ha precisato che ad una istanza non segue un obbligo in capo all'amministrazione destinataria, né un vero e proprio diritto in capo al cittadino, di una risposta nel merito della pretesa tributaria per diversi ordini di ragioni.

Dall'indagine sull'istituto dell'autotutela tributaria emergono diversi profili di criticità.

In primis non può non evidenziarsi la poca trasparenza normativa dell'istituto nella parte in cui, ad oggi, non esiste un riferimento legislativo di rango primario capace di inquadrarne gli elementi essenziali; altra perplessità è data, poi, dall'incertezza che avvolge l'autotutela nel suo momento applicativo.

Se da un lato, infatti, trova formalmente ratio la sua inoperatività in presenza di una sentenza passata in giudicato o comunque di un avviso di accertamento divenuto definitivo, al contempo l'A.F. non può trincerarsi dietro tali formalismi ove sia palese l'erroneità del prelievo fiscale.

Di fatto siamo innanzi ad un istituto teoricamente “utilissimo” ma di fatto depotenziato da un sistema che non consente la serena ricerca degli effettivi presupposti d'imposta, demandando troppe volte ogni onere e responsabilità alla già ingolfata macchina giudiziaria.

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


auditerigi


brico


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 20 novembre 2019, 23:51

Immobili di prestigio, il trend delle vendite è positivo

Uno dei pochi settori del mercato italiano che non conosce crisi è quello degli case di lusso, caratterizzato infatti di anno in anno da un trend in crescita


mercoledì, 20 novembre 2019, 11:25

La condanna di Michele Buoninconti per l’omicidio di Elena Ceste è davvero al di là di ogni ragionevole dubbio?

La cronaca giudiziaria degli ultimi anni mostra in verità le diverse attitudini dei detenuti anche nei confronti dei media. C’è chi proprio non riesce a mettersi da parte nonostante abbia su di sé la spada di Damocle di un ergastolo (scrivendo a direttori e giornali di turno) e c’è chi,...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 20 novembre 2019, 11:06

Entro il 2 dicembre versamento del secondo acconto delle imposte

Anche quest’anno i contribuenti sono tenuti a versare la seconda o unica rata di acconto delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi entro il 2 dicembre 2019 in quanto il 30 novembre cade di sabato


mercoledì, 20 novembre 2019, 09:07

Risarcimento danni, l’importanza di rivolgersi a professionisti del settore

Secondo la legge vigente in Italia, chiunque causi un danno ingiusto è tenuto ad un risarcimento del danno. Chi subisce il danno può, dunque, fare richiesta per ottenere il risarcimento e per far valere il suo diritto, ma non sempre la procedura per la richiesta è semplice da gestire in...


martedì, 19 novembre 2019, 15:39

"I giunti del cavalcavia ferroviario di via delle Citta Gemelle a San Donato sono rumorosi, pericolosi e necessitano di manutenzione"

Riceviamo da alcuni abitanti vicino al cavalcavia di San Donato questa segnalazione che pubblichiamo volentieri corredata di alcune fotografie


martedì, 19 novembre 2019, 12:37

Terratetto in vendita a S. Anna

L'Agenzia Spazio Casa propone in vendita, terratetto di circa 110 mq a Sant'Anna (Lucca), in ottime condizioni di manutenzione corredato da resede privata recintata, posto auto, annesso ad uso magazzino, garage e piccolo giardino