Anno 7°

lunedì, 13 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : parliamo di... fisco

L'autotutela tributaria: così utile, così inutilizzata…

martedì, 8 ottobre 2019, 17:47

di nicola nottoli

L'istituto dell'autotutela rappresenta l'espressione del potere riconosciuto all'Amministrazione Finanziaria di rimuovere gli effetti negativi di un provvedimento erroneo o viziato d'illegittimità, ed è contemplato nel novero degli strumenti deflattivi del contenzioso nonché nel più ampio rapporto di compliance tra Agenzia delle Entrate e contribuente, volto al riavvicinamento degli stessi.

Il procedimento di annullamento in autotutela può essere promosso d'ufficio ove l'Amministrazione Finanziaria ravvisi autonomamente i presupposti, ovvero ad istanza di parte. Tali presupposi sono stati così individuati:

1) errore di persona;

2) evidente errore logico o di calcolo;

3) errore sul presupposto dell'imposta;

4) doppia imposizione;

5) mancata considerazione di pagamenti di imposta, regolarmente eseguiti;

6) mancanza di documentazione successivamente sanata, non oltre i termini di decadenza;

7) sussistenza dei requisiti per fruire di deduzioni, detrazioni o regimi agevolativi, precedentemente negati;

8) errore materiale del contribuente, facilmente riconoscibile dall'Amministrazione.

Il potere di autotutela tributaria in capo all'Amministrazione Finanziaria soggiace alla discrezionalità di quest'ultima, non sussistendo alcun onere di emettere, d'ufficio ovvero a seguito d'istanza di parte, un provvedimento che si esprima nel merito della questione.

Di fatto un'istanza promossa da un contribuente potrebbe non essere esitata, permanendo il cittadino in un'incertezza non sempre adeguatamente tutelabile.

Tale procedura può essere promossa in presenza di un avviso notificato e divenuto definitivo per mancata impugnazione, ovvero in pendenza dei relativi termini.

Le istanze di annullamento in autotutela, però, essendo atti a forma libera che non si innestano in un percorso giurisdizionale, non determinano la sospensione di alcun termine decadenziale, con la conseguenza che i sessanta giorni entro i quali promuovere eventualmente una opposizione, continuano a decorrere pur in pendenza della predetta procedura deflattiva.

La discrezionalità rimessa all’Amministrazione Finanziaria è tutt'ora oggetto di numerose critiche e censure che valorizzano il rischio d'inutilità deflattiva dello strumento ma, nel corso del tempo, tale tesi non ha ottenuto riscontri giurisprudenziali atteso che la Corte di legittimità, a più riprese, ha precisato che ad una istanza non segue un obbligo in capo all'amministrazione destinataria, né un vero e proprio diritto in capo al cittadino, di una risposta nel merito della pretesa tributaria per diversi ordini di ragioni.

Dall'indagine sull'istituto dell'autotutela tributaria emergono diversi profili di criticità.

In primis non può non evidenziarsi la poca trasparenza normativa dell'istituto nella parte in cui, ad oggi, non esiste un riferimento legislativo di rango primario capace di inquadrarne gli elementi essenziali; altra perplessità è data, poi, dall'incertezza che avvolge l'autotutela nel suo momento applicativo.

Se da un lato, infatti, trova formalmente ratio la sua inoperatività in presenza di una sentenza passata in giudicato o comunque di un avviso di accertamento divenuto definitivo, al contempo l'A.F. non può trincerarsi dietro tali formalismi ove sia palese l'erroneità del prelievo fiscale.

Di fatto siamo innanzi ad un istituto teoricamente “utilissimo” ma di fatto depotenziato da un sistema che non consente la serena ricerca degli effettivi presupposti d'imposta, demandando troppe volte ogni onere e responsabilità alla già ingolfata macchina giudiziaria.

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


domenica, 12 luglio 2020, 10:04

Ex manifattura, no ad una cittadella d'élite e a un progetto per pochi"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento della titolare della libreria Ubik di via Fillungo decisamente contraria all'attuale progetto di ristrutturazione della ex manifattura di Coima e Fondazione Carilucca


sabato, 11 luglio 2020, 18:34

"Autovelox su vie provinciali, un modo inconcepibile di amministrare"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Giuseppe Nardi che commenta criticamente la decisione dell'amministrazione provinciale di installare autovelox sulla Via per Camaiore e Via per Morianese


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 11 luglio 2020, 11:35

"Piazza Coperta, lei architetto non è mai venuto a S.Concordio a illustrare il suo progetto ai residenti"

Riceviamo e pubblichiamo questa replica del Comitato Per S.Concordio - Amici del Porto della Formica all'intervento dell'architetto Pietro Carlo Pellegrini sul progetto della Piazza Coperta


sabato, 11 luglio 2020, 08:43

"Nuova piazza coperta di San Concordio, un progetto ambizioso e un'opportunità per la città"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera dell'architetto Pietro Carlo Pellegrini in cui illustra il progetto che ha redatto per la EX Gesam a San Concordio Lucca allegando un'immagine


venerdì, 10 luglio 2020, 17:36

Calcola la rata del prestito online

La situazione economica corrente ha portato molti italiani a trovarsi con una certa scarsità di fondi. Non stiamo necessariamente parlando dei fondi necessari per organizzare le vacanze o altre tipologie di attività che potremmo definire superflue.


giovedì, 9 luglio 2020, 14:39

Fratelli d'Italia, Chiari: "Non siamo su una giostra, siamo al Luna Park"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta alla stampa di Marco Chiari sul partito Fratelli d’Italia Lucca e sulla sua presunta sparizione dalla scena politica