Anno 7°

giovedì, 27 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Il disagio giovanile dei nostri tempi: servono le start up comunitarie"

sabato, 9 novembre 2019, 12:11

di felice marra

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione di Felice Marra, 3Generazioni - L’Unione Generazionale per il Progresso, sul disagio giovanile del nostro tempo.

"Viviamo una forte crisi di disagio giovanile. Un decadimento di valori. Una volta si giocava nelle piazze a pallone, a nascondino, a campanaro. Una volta uscivi e andavi in un luogo senza avvertire nessuno e li in quel luogo trovavi i tuoi amici.

Oggi è un epoca triste dove regna l’individualismo e l’isolazionismo, dove i nostri giovani parlano tra loro attraverso dei videogiochi che narrano di guerre e combattimenti. In epoca triste dove è facile procurarsi le droghe leggere come pillole e canne si insinua la brutta tendenza giovanile che se non ti sballi sei uno sfigato. Questa è la grande piaga da combattere. Invece dell’esempio, del merito da seguire, fa tendenza chi si sballa o di chi compie in azione eclatante ai limiti. Occorre reagire al più presto a questo degrado giovanile e mettere in campo azioni serie e significative di tutela a valorizzazione dei nostri giovani.

Oggi ci si concentra sulla plastic tax o sulla sugar tax in cerca di consenso a chi è più bravo ad abbassare le tasse. Io pagherei con piacere una plastic tax se con quei soldi si finanziassero serie politiche giovanili. Siamo in emergenza. Già in Inghilterra e in Cina nascono i primi centri di riabilitazione psichica di recupero dei nostri giovani dalle dipendenze tecnologiche e tossiche. È incredibile ma oggi servono di nuovo le misure tradizionali del passato. Servono collegi di vita attiva.

Servono comunità di incontro per i nostri giovani. Serve quel patto generazionale che possa unire gli anziani, gli adulti e i giovani. Si parla spesso di start up tecnologiche io penso che oggi sono prioritarie le start up comunitarie, come luoghi di insegnamento di valori, di educazione civica , di laboratori creativi che insegnino ai nostri giovani a pensare e creare. Queste start up comunitarie andrebbero create in ogni comune, in ogni quartiere con educatori e promotori. Non possiamo più aspettare. I nostri giovani sono il motore del nostro progresso".


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


auditerigi


tuscania


il casone


toscano


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 26 febbraio 2020, 19:34

La banca che... non c'è più e il genio dei francesi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo non una lettera, come di solito avviene, ma alcune immagini scattate da un nostalgico (utente?) di quella che, in via Vittorio Veneto, è, a tutti gli effetti, una delle più belle location che abbiano mai ospitato un istituto bancario a Lucca


martedì, 25 febbraio 2020, 19:13

Champions League, cosa aspettarsi dalla partita Lione vs Juventus

Manca pochissimo ormai allo scontro fra il Lione e i Bianconeri di Sarri. La partita di andata degli ottavi di finale di Champions League si giocherà mercoledì 26 febbraio nello stadio di Lione il Parc Olympique e se ne vedranno sicuramente delle belle


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 25 febbraio 2020, 16:58

"A Lucca impossibile parcheggiare motorini negli stalli a loro riservati"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa breve lettera in cui si segnala che parcheggiare a Lucca il motorino negli stalli riservati è impossibile o quasi


martedì, 25 febbraio 2020, 10:13

Attrezzature indispensabili per aprire una pizzeria

La scelta delle attrezzature per pizzeria è di fondamentale importanza se si ha intenzione di avviare una attività imprenditoriale con una pizzeria


lunedì, 24 febbraio 2020, 13:46

Coronavirus, tutto quello che (forse) non sappiamo

È qualche giorno che rifletto se dedicare un numero della mia rubrica a quella che ormai è divenuta una vera e propria emergenza nazionale. Ci ho riflettuto perché io per prima volevo convincermi che la questione si sarebbe risolta celermente e nel migliore dei modi


domenica, 23 febbraio 2020, 18:01

Recaldin: "Sto dalla parte di un giornale, la Gazzetta, che non ha mai fatto sconti a nessuno"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera inviataci dal commissario provinciale della Lega in merito alla mancata messa in onda della intervista di Mariella Bonacci ad Aldo Grandi decisa dall'editore di Toscana Tv