Anno 7°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : una finestra sulla capitale

Tutto è permesso niente è vietato, le Sardine per l'abolizione di ogni regola

sabato, 14 dicembre 2019, 21:00

di barbara ruggiero

Mattia Santori è il nuovo “divo” della sinistra romana. Sin dalle prime ore del pomeriggio è in piazza S. Giovanni a Roma, vestito con un maglioncino viola, ormai la sua divisa d’ ordinanza, un giacchetto verde e un cerchietto in testa, stile “Rambo”.

E già, perché nella Capitale per riempire la piazza più grande della città bisogna dimostrare di essere molto bravi e credibili.

Il giovanotto che non si “lega” e non “abbocca” attende sorridente l’arrivo del suo branco di pesciolini.

E le Sardine non tardano ad arrivare, un popolo festoso con i pesci in testa, cartelli colorati, pesci di carta attaccati sulle giacche e “bella ciao” scritta sul cuore.

Una marea umana che vuole democrazia, uguaglianza, solidarietà e ribadisce con forza, noi siamo antifascisti, noi siamo i nuovi partigiani del 2020.

In piazza S. Giovanni si contano oltre diecimila persone, tra loro il gruppo ANPI (associazione nazionale partigiani), il gruppo migranti con cartelli “vogliamo legalità e documenti”, il gruppo delle femministe, un po' retrò, che chiedono diritti per le donne, e molti gruppi di nostalgici che rimembrano i tempi passati di Berlinguer e del partito comunista italiano.

Un gruppo di ragazze sorridenti sono tra le più attive, cantano a squarciagola canzoni di De Andrè e mostrano orgogliose i loro cartelli con scritto “siamo antifasciste”. Le fermiamo, incuriositi, per qualche domanda.

Vi ricordate come si chiamava la camera dei deputati nel periodo fascista? :

“ ( silenzio per un minuto) No”.

Vi ricordate cos’era nelle leggi fasciste il “confino”? “Era la deportazione dei politici in territori di confine, come il Piemonte, la Liguria e il Friuli Venezia Giulia”.

In quali anni furono promulgate le leggi fasciste? “Nel 1929”.

Lasciamo il gruppo anti-fa ben felice delle risposte “azzeccate” e cerchiamo tra la folla, che si accalca vicino al palco, il gruppo colorato dei gay.

Come mai siete diventati delle “Sardine”?: “Perché qui c’è rispetto e non ci sono diseguaglianze, siamo contro la violenza e la Lega di Salvini è omofoba”.

Cosa pensate dello “Ius soli”?: “ è giusto, se nasci in Italia, sei italiano.”

Chi voterete alle prossime elezioni politiche?: “ Il PD”.

Nel frattempo piazza S.Giovanni è stracolma, la gente sussurra “ ci siamo ripresi la piazza”.

Una piazza nostalgica di sinistra, dove tra la gente vediamo volti di piddini delusi, renziani pentiti e una comune speranza, la nascita di un movimento con ideali progressisti, molto simile ai remoti valori della resistenza partigiana.

E’ il momento tanto atteso è arrivato, Mattia Santori sale sul palco:” Come a Bologna e nelle altre città qui non si passa. Le piazze hanno preso la forma dell'antifascismo e della lotta alla discriminazione”, spiega accorato.

"Le Sardine non sono mai veramente esistite, in quelle piazze c'erano solo delle persone capaci di distinguere la politica dal marketing”. Applausi scroscianti dal pubblico quando l’avversario sottointeso è Matteo Salvini.

E poi, tronfio per l’incoraggiamento delle sue Sardine, continua:” Ripensare i decreti sicurezza", chiede Mattia Santori elencando "le proposte" del movimento.

Ma una parte della piazza non è convinta e allora il leader bolognese si corregge: "Va bene: abrogare i decreti sicurezza".

Ecco, così va meglio. Quando si parla di decreti sicurezza è necessario essere precisi, le sardine nere sono a pochi passi dal palco, i loro cartelli parlano chiaro: “regolarizzazione”, “stop sfruttamento”, “ sì alla legalità”.

“Bella ciao” e “l’inno dei Mameli” concludono la kermesse ittica di Roma, un successo per gli organizzatori e un posto “ritrovato” per la sinistra romana.

Per domani si annuncia la prima riunione del “gotha” del movimento.

Da Sardine festanti a partito politico? Si annuncia una nuova identità di sinistra che darà “filo da torcere” a Zingaretti e Matteo Renzi.

Dai primi sondaggi, se si candidassero alle prossime elezioni politiche, sarebbero quotati oltre l’11 per cento. E non è poco.

I pesci nuotano aggregati e liberi, ma attenzione, perchè la moltiplicazione della Sardine, rischia di diventare una nuova realtà politica. Non basteranno certo i pinguini e i gattini di Salvini a “mangiarseli” tutti.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


giovedì, 13 agosto 2020, 08:43

Paci e Rastelli, storia viva della Lucchese

Nonostante la storia recente della Lucchese non sia certamente quella di una grandissima squadra, ancora oggi nella memoria degli appassionati di calcio nati negli anni '80 rimbomba forte il ricordo di quando una coppia di attaccanti senza freni faceva tremare i campi di Serie B


venerdì, 7 agosto 2020, 16:12

"Mettere in sicurezza la Sarzanese"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera, firmata da una cittadina lucchese, in cui si evidenziano alcune criticità sul territorio con un richiamo all'amministrazione comunale


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 6 agosto 2020, 20:42

Digital Money Revolution: i pro e i contro dei pagamenti digitali obbligatori

Il Governo spinge sui pagamenti digitali, e non è una novità. Non sono pochi però i pro e i contro che animano il dibattito sulla questione


giovedì, 6 agosto 2020, 20:28

"Io penso, dunque sono. Ma forse sarebbe meglio non pensassi… avrei meno problemi"

George Orwell: “Gli animali volgevano lo sguardo dal maiale all’uomo e dall’uomo al maiale. E ancora dal maiale all’uomo, ma era già impossibile distinguere l’uno dall’altro”


mercoledì, 5 agosto 2020, 14:58

Evitare la nicotina grazie alla sigaretta elettronica

Fumare sigarette e consumare i derivati del tabacco potrebbe diventare qualcosa che appartiene solo al passato ma che si perpetua tutt’ora a causa della dipendenza da nicotina; oggi fumare assume un nuovo significato a causa della responsabilità di cui si è consapevoli e dalla quale non ci si può sottrarre


mercoledì, 5 agosto 2020, 12:56

Picchi: "La poca credibilità del candidato Marchetti"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di Liano Picchi, ambientalista, in risposta al consigliere regionale di Forza Italia ed ex sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti