Anno 7°

lunedì, 21 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Benvenuti a Casamica 25 anni dopo

venerdì, 6 marzo 2020, 19:45

di aldo grandi

Paola Granucci è un fiume in piena che viaggia sulle onde dell'entusiasmo e della positività, che tutto travolge e, allo stesso tempo e tanto per restare in... tema, contagia, ma positivamente. Ha 47 anni, segno zodiacale cancro, mamma di Matilde, atleta agonistica di sci di 16 anni e moglie di Natale Mancini, l'altra colonna di Casamica, l'agenzia che, insieme, videro nascere, fondandola, nel lontano maggio di 25 anni fa.

Questa donna di bell'aspetto, sempre vestita con gusto e dal sorriso che ravviva, avrebbe dovuto, secondo i desiderata dei genitori e visti i buoni risultati scolastici, frequentare l'università. Invece, e non se ne è mai pentita, dopo aver conseguito il diploma magistrale con ottimi voti, disattese le aspettative di mamma e papà e si mise in testa di fare, nientepopodienoche, l'agente immobiliare.

"Non avevo nemmeno compiuto i 23 anni - racconta - Ero una ragazzina. Dopo il diploma magistrale, era tanta la voglia di autonomia e di indipendenza che non continuai gli studi alla università anche se i miei genitori avrebbero voluto. Io decisi di inventarmi qualcosa e cominciai a cercare un lavoro. All'epoca c'era una rivista, Portobello Road, che pubblicava gli annunci immobiliari e di ricerca personale. Io la compravo per cercare lavoro e trovai un annuncio dove c'era scritto che a Lucca cercavano un agente immobiliare. Risposi e feci il colloquio. Fui presa. Da lì iniziò questo viaggio. La cosa mi piacque e ottenni anche subito dei risultati. Dopo un paio di anni mi cominciai a domandare se non fosse il caso di mettermi in proprio. Mi informai su come poter metter su l'attività e partecipai ad un corso formativo di 92 ore tenuto dalla Camera di Commercio con cinque o sei materie tra cui estimo, diritto e altre. A seguito di un esame finale conseguì il patentino di agente immobiliare il cui numero, ricordo ancora, era ed è 1173. Ero già fidanzata con Natale che era studente universitario alla facoltà di Giurisprudenza a Pisa. Individuai un fondo in Chiasso Barletti dove siamo tutt'ora. Volevo un luogo che fosse centrale sì, ma anche riservato".

Paola Granucci è una tosta, alta, magra, volitiva, di quelle che se si mettono in testa una cosa provano a farla e portarla a compimento. Orgogliosa, consapevole del proprio ruolo e convinta di saperlo fare, non rinuncia mai ad aggiornarsi e a farsi trovare preparata. Odia l'improvvisazione, mal sopporta la superficialità nella professione e ad ogni appuntamento, statene pur certi, arriverà in perfetta... forma ossia a conoscenza di tutti i particolari per intavolare nel migliore dei modi la trattativa.

Cresciuta a Cerasomma dove vive con la famiglia, nonostante sia quasi più vicina a Pisa che a Lucca, si sente e si dichiara lucchese doc da generazioni: "Vivere in campagna è libertà e comodità serenità - confessa - Io amo la natura, il verde, il giardinaggio. In centro storico ci lavoro, è la mia seconda casa, ma proprio per questo motivo non voglio viverci".

Ha una figlia che ha sempre amato lo sci. Così, visto che amava anche gareggiare, per tutta l'infanzia e l'adolescenza, insieme al marito, l'ha portata sulle piste dell'Abetone e non solo, con il risultato che, adesso, Matilde vola alla grande e chissà che, entro pochi anni, riesca a coronare il sogno di diventare maestra di sci. "Magari - dice la mamma - Per me sarebbe una sorta di regalo per tutti i sacrifici che abbiamo fatto, ma ammetto che è stata lei ad avvicinarmi allo sci perché io li ho indossati per la prima volta quando avevo poco più di trent'anni".

Paola ama la casa, circondarsi di amici che invita a cena essendo anche una brava cuoca - questa estate ammette di aver messo a tavola, addirittura, 27 persone tutte insieme - e ha diverse passioni, in primis quella di viaggiare e organizzare viaggi che consentano di scoprire nuove tappe ogni giorno. Non le piace la vita da villaggio turistico pur non disdegnando lo sdraiarsi a fare la lucertola sotto il sole. "Le vacanze - dice - sono l'unico momento in cui la famiglia sta insieme, in cui si stacca la spina. Io non sono da villaggio turistico. Inoltre ho la passione di dedicare tempo alla cura della casa, sia all'interno che all'esterno".

Paola, oltre all'amore per Natale e Matilde, è anche, follemente, innamorata di Chiasso Barletti, la strada, forse, più... cupa di Lucca che lei è riuscita a trasformare, con pazienza, costanza, determinazione, in una sorta di giardino. Del resto sono 25 anni che ha l'ufficio proprio lì e ne ha viste, sotto il profilo commerciale, di cotte e di crude, quando, ad esempio, quasi tutti i negozi, salvo il suo e altri due, erano chiusi vuoi per la crisi vuoi perché non li voleva nessuno. Oggi, però, è assolutamente diverso e, addirittura, Paola ci svela una grande notizia:

"Mi sono sempre data da fare per rivitalizzare questo angolo piuttosto buio - racconta - Arrivando alla grande soddisfazione ora, di vedere rinata la via che ha passato momenti veramente tristi, quando erano rimaste due o tre attività. Piano piano, con la mia testardaggine e la mia forza di volontà, ora è assolutamente piena. Ieri è stato stipulato l'ultimo contratto con Elisabetta Santi commessa storica di Santi e Guerrieri. Va via Guerrieri e resta Santi. In via Chiasso Barletti 9. Da 25 anni sono in Chiasso Barletti e conosco tutti i proprietari dei fondi che mi hanno incaricato di affittarli per loro e adesso sono tutti regolarmente affittati".

L'agenzia Casamica è una sorta di fiore all'occhiello in questa strada, una agenzia che è sempre stata baciata, perché non dirlo?, dalla fortuna sin dal primo momento: "Il primo giorno che abbiamo aperto l'agenzia - ricorda Granucci - passò una signora, si fermò davanti alla vetrina e lesse un annuncio. Entrò per chiedere informazioni e volle fissare l'appuntamento. Poco tempo dopo decise di acquistare l'oggetto. Oggi l'attività è cambiata parecchio. La cosa che ho notato è che si sono persi i contatti ravvicinati perché con i social e Internet si sono ridotti i rapporti con le persone. Una volta si passava dall'agenzia, si vedevano i cartellini, si entrava e ci si metteva a parlare. A quel punto iniziava un rapporto vero e proprio di dialogo e, spesso, di confidenza. Anche adesso, ma ora si fa quasi tutto tramite e-mail".

"Se ho dei rimpianti? - si domanda Paola - No, mai un pentimento. Rifarei tutto. Questo lavoro mi ha dato tante soddisfazioni, oltre all'opportunità di conoscere il territorio e tante persone provenienti da tutto il mondo, Lucca è veramente una sorpresa e anche nel centro storico non si finisce mai di conoscerla, ci sono degli scorci veramente belli, poi, la campagna, le colline che sono, per bellezza e magia, all'altezza del centro storico. E' vero, ho un entusiasmo contagioso. Dovrebbero essere gli altri a dirlo, però, ma ammetto che a me piace leggere la soddisfazione nello sguardo delle persone che si rivolgono alla nostra agenzia. La gente cerca una casa che è una cosa molto importante nella vita e vedere la soddisfazione che manifestano nell'averla trovata, mi stimola ad andare avanti e a proseguire. Io li aiuto in questo percorso che comincia dalla ricerca fino alla trattativa e alla stipula. Il nostro è un lavoro di mediatori, saper mediare è importante. Dopodiché bisogna entrare in sintonia con le parti e in questo mi aiuta molto il carattere. La cosa fondamentale è capire e cercare maggiori informazioni per l'acquirente. Inoltre, più cose conosci della persona e più facilmente riesci a trovare l'oggetto giusto. Io non improvviso mai prima di fare una cosa. Mi documento, sono capitate situazioni nuove o trattative particolari e io cerco di non farmi trovare impreparata. L'improvvisazione nel nostro mestiere è un male. Essere agenti immobiliari non vuol dire solamente prendere in carico un immobile e trovare la persona che lo compra. No, l'agente immobiliare deve avere una conoscenza globale della materia e, poi, esperienza e disponibilità per seguire il cliente dall'inizio fino alla conclusione della trattativa, con il supporto, dove serve, di specialisti. Infatti, oggi come oggi un'agenzia che si rispetti deve essere multisettoriale, ossia deve essere in grado di fornire assistenza tecnica ed economica, vale a dire geometri e istituti di credito per eventuali mutui".




Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


lunedì, 21 settembre 2020, 02:25

Reddito di emergenza: novità del decreto agosto

Per richiedere la terza mensilità del reddito di emergenza sarà necessario inoltrare la relativa domanda all’Inps entro il prossimo 15 ottobre


domenica, 20 settembre 2020, 17:28

Votare comunque è l'imperativo categorico

Andrà come vorrà la maggioranza degli elettori toscani. L’essenziale rimane che non stiano a casa o che “vadano al mare”


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 20 settembre 2020, 12:33

533 euro di multa perché trovato fuori dal comune di residenza a fare benzina durante il lockdown: respinto il ricorso

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un residente nel comune di Capannori il quale si è visto respingere il ricorso nonostante il distributore di carburante fosse a poche centinaia di metri di distanza dal confine e sulla via di ritorno dal lavoro. Commento di Aldo Grandi


domenica, 20 settembre 2020, 11:28

Chiusa la 'topaia' di pattinaggio al Giannotti, nessuna soluzione alternativa: Tambellini vergogna!

Di fronte alla lettera aperta inviata da Francesco Cosentino al sindaco sulla chiusura della 'topaia' di pattinaggio sul Brennero, la domanda è: ma Tambellini, invece di sponsorizzare la candidata a lui gradita del Pd, non avrebbe fatto meglio a trovare una soluzione per gli appassionati del pattinaggio a rotelle?


sabato, 19 settembre 2020, 11:09

"Comics, Lucca Crea non pensa a noi commercianti e operatori lucchesi"

La titolare della libreria Ubik torna ad attaccare il direttore di Lucca Crea Emanuele Vietina per la scelta di non coinvolgere nella manifestazione Lucca Comics & Games anche gli operatori lucchesi nonostante la grave crisi economica che stanno attraversando


venerdì, 18 settembre 2020, 19:23

"Noi precari della scuola, figli di un dio minore"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Oscar Pellegrini, del comitato docenti precari di Lucca, in cui si rende bene l'idea della situazione in cui si trova questa categoria in ambito scolastico