Anno 7°

sabato, 4 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Di Grazia: "Per aiutare l'economia rivedere il reato di abuso d'ufficio"

martedì, 19 maggio 2020, 15:11

di massimo di grazia

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di un dirigente comunale con cui si suggeriscono alcune misure che potrebbero contribuire a risollevare, a costo zero, l'economia:

Caro Aldo,

finalmente da oggi si torna alla (quasi) normalità. Ma se la pandemia sembra, facendo gli scongiuri, in fase calante, ora ci aspetta la fase più difficile, la ripresa dell'economia. A questo proposito mi permetto di suggerire un paio di interventi a mio parere necessari per avviare una significativa ripresa, oltretutto a costo zero.

Primo, la sospensione del codice degli appalti, che avrebbe l'effetto di un grande rilancio dell'edilizia pubblica, da anni bloccata anche dalle norme farraginose e francamente sproporzionate messe in atto da quella normativa.

Altrettanto importante sarebbe la revisione del reato di abuso di ufficio che da tempo incute terrore ad amministratori e dirigenti di tutti gli enti pubblici; il 98 per cento di quelli finiti sotto processo - è bene ricordarlo - sono stati assolti, ma per timore si astengono dal firmare qualsiasi cosa, con il risultato che ci sono migliaia di miliardi di opere pubbliche finanziate e ferme in tutto il Paese.

Mi rendo conto che questi provvedimenti susciterebbero l'avversione del potentissimo partito delle procure, che ha i suoi referenti anche in parlamento, ma è troppo chiedere uno scatto di orgoglio da parte della classe politica tutta in questa drammatica congiuntura?

Infine, prima di ricorrere a patrimoniali o a prelievi forzosi dai conti correnti,o a costosi "aiuti" dall'Europa dalle conseguenze poco chiare, visto che il risparmio degli italiani supera i 1.400 miliardi di euro, perché non emettere titoli di stato con scadenza decennale a tassi fissi remunerativi superiori agli attuali ed esentasse, riservati solo agli italiani, rimborsabili interamente alla scadenza, ma non negoziabili ed eventualmente trasferibili agli eredi?
Non sono un economista, ma sono sicuro che uno strumento del genere incontrerebbe il favore di tanti risparmiatori.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


venerdì, 3 luglio 2020, 14:20

Maturità 2020: le lauree più gettonate per gli indecisi

Gli esami di maturità sono iniziati, ma non tutti gli studenti sanno attualmente quale sarà il loro futuro a settembre


martedì, 30 giugno 2020, 15:57

"Convocare quanto prima gli Stati Generali della Cultura"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Francesco Petrini, presidente dell'Associazione Custodi della Città per gli Stati Generali sulla Cultura, inviata stamani al sindaco del comune di Lucca e all'Ufficio Protocollo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 28 giugno 2020, 17:41

"Nuova raccolta dei rifiuti: bocciata"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di lamentela di una cittadina lucchese, Patrizia Marchesini, in merito alla nuova impostazione della raccolta dei rifiuti


domenica, 28 giugno 2020, 05:51

Del maiale non si butta via niente

Gazzettiane e gazzettiani sono tornato! Sono proprio io, il vostro Guercio. E per questa edizione speciale (con altre rivelazioni su Lucca) punto dritto su un famoso detto popolare che sicuramente i più contadini di voi ricorderanno di certo


sabato, 27 giugno 2020, 19:48

I Casino online sicuri come trovarli e come riconoscerli

Oggigiorno non c'è motivo di rischiare i propri soldi in casinò offshore di dubbia fama, i casino online sicuri e legali in Italia


sabato, 27 giugno 2020, 15:32

Noi non siamo i capponi di Renzo

Riceviamo questa lunga lettera inviataci da un lettore che lancia una sorta di appello ai proprietari di fondi commerciali affinché riducano il canone mensile degli affitti così da agevolare la ripresa del commercio