Anno XI

mercoledì, 20 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

I giochi di carte più diffusi online

martedì, 21 luglio 2020, 10:48

I giochi di carte sono compagni di divertimenti degli uomini di tutto il mondo da secoli e secoli. Infatti, nel parlare dei diversi tipi di giochi di carte potrà stupire scoprire che alcuni sono in circolazione addirittura dal XV secolo. Ovviamente, ci sono variazioni rispetto alla versione odierna, però il cuore del gioco è stato mantenuto uguale. Ecco allora una lista dei 4 giochi di carte più diffusi online a cui potete giocare in qualsiasi momento!

Poker

Il primo della lista è il più famoso gioco di carte di sempre, il poker. Le sue origini sono abbastanza vecchie, infatti nel XVI secolo i tedeschi giocavano ad un gioco chiamato Pochen, che poi si trasformò gradualmente nella versione francese che si chiama Poque, che poi fu portato a New Orleans e iniziò ad essere il gioco principale sulle barche del fiume Mississippi.

Il decennio del 1830 è quando il gioco fu raffinato definitivamente e diventò il poker, anche se non era ancora come quello a cui giochiamo oggi. Infatti, fu solo con la guerra civile che per esempio fu introdotta la regola per cui si possono pescare le carte per migliorare la propria mano.

Ci sono tantissime varianti di questo gioco, ma fondamentalmente i giocatori devono scontarsi e vince chi ha la mano migliore a seconda dei criteri della variante particolare, come il Texas Hold’em, l’Omaha, lo Strobe e il 7-Card Stud.

Blackjack

Il blackjack, molto conosciuto in Italia con il nome di ventuno, è un gioco nato in Francia nel XVII secolo. Il nome originale era appunto vingt-et-un, ma una volta diffuso in America prese il nome di black jack per via di un'aggiunta alle regole del gioco che con il tempo si perse. Infatti, se il giocatore arrivava a 21 con un asso e un jack di picche, aveva come premio la posta in palio moltiplicata per 10. Le regole del blackjack non sono molto difficili, infatti si tratta di una sfida tra banco e giocatori, nella quale sono vincitori i giocatori che ottengono un risultato più alto del banco e non più alto di 21.

Baccarat

Le origini di questo gioco sono ancora più antiche di quelle del poker, infatti si parla del XV secolo. Questo gioco molto diffuso in Italia inizialmente si chiamava baccarà, che all’epoca significava zero, e perse il nome quando fu importato in Francia acquisendo “baccarat”. Fu proprio durante il regno del re francese Luigi XIV che il gioco di diffuse ancora di più, toccando anche la classe sociale dell’aristocrazia. Una volta raggiunti gli alti vertici, fu anche esportato all’estero, diventando un gioco di carte a cui si poteva giocare nei casinò inglesi nel XVIII secolo.

Nel baccarat, ci sono la parte del banco e del giocatore che si sfidano e ogni giocata ha tre possibili finali, o che vinca il giocatore o il banco o che si raggiunga la parità. Ogni carta vale dei punti, le figure e i 10 per esempio valgono 0, e tutte le altre valgono il loro valore nominale. Alla fine, la somma dei punteggi delle carte deciderà chi sarà il vincitore. Come per il poker, ci sono diverse varianti di questo gioco: il punto banco, il chemin de fer, il baccarat banque e il macao.

Burraco

Il burraco è un gioco di carte della famiglia della Pinnacola ed è con molta probabilità stato inventato in Uruguay negli anni ’40, arrivando in Italia una quarantina di anni dopo. Il nome probabilmente deriva da buraco, che in portoghese significa setaccio, ma tutto ciò non chiarirebbe il legame tra la parola e il gioco in sé.

Si può giocare singolarmente, ma nella versione più diffusa ci sono 4 giocatori e 2 coppie, però è molto flessibile, infatti è anche possibile giocare a 3, a 5 o a 6. Si può giocare con obiettivo il raggiungimento di un numero preciso di smazzate, il termine per indicare le giocate, oppure il raggiungimento di un numero preciso di punti, facendo così vincere chi ha il punteggio più alto.


Questo articolo è stato letto volte.


auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 20 gennaio 2021, 15:12

Le guide turistiche scendono in campo per la difesa della biblioteca di Stato

Lucca Info&Guide, Consorzio Turislucca, La Giunchiglia - Guide Turistiche hanno indirizzato una lettera aperta alle autorità amministrative e culturali cittadine contro la chiusura della biblioteca di piazza Santa Maria Corteorlandini


martedì, 19 gennaio 2021, 10:55

"Rigenerazione del territorio, il comune totalmente impreparato a gestire questo processo"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento a firma dell'architetto Claudio Pardini Cattani sul tema della rigenerazione urbana e la ristrutturazione della ex manifattura tabacchi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 19 gennaio 2021, 09:06

"Inquinamento dell'aria, installare centraline in Valfreddana"

Riceviamo e pubblichiamo questa nota di Giuseppe Nardi, di Torre in Valfreddana, sull'inquinamento atmosferico e sulla necessità di installare centraline di rilevamento in Valfreddana


lunedì, 18 gennaio 2021, 13:32

Edilizia Residenziale Pubblica: chi ha il coraggio e la forza di rilanciarla e rinnovarla?

Riceviamo e altrettanto volentieri pubblichiamo questo intervento dell'ex assessore politica della casa della Regione Toscana in risposta alle dichiarazioni dell'assessore Stefano Baccelli


lunedì, 18 gennaio 2021, 09:37

Loggia Burlamacchi, niente concerto, ma soldi devoluti in beneficenza

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo messaggio a firma Emanuele Costamagna maestro venerabile della loggia Oriente di Lucca e Barga su una iniziativa benefica


domenica, 17 gennaio 2021, 22:04

Pellati: "Fondazione Carilucca opera bene, il convegno Pd solo una leggerezza e occhio al Quatar socio di maggioranza di Coima: il suo è un islamismo tra i più feroci"

Dal vice presidente della Fondazione Versiliana un intervento sulla Fondazione Carilucca e sulle presunte intromissioni e connivenze con il Pd: finalmente un'analisi di una lucidità disarmante, di una profondità innegabile e di una intelligenza politica permeata di buonsenso