Anno 7°

giovedì, 6 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Le mezze verità del comune nella risposta sulla piazza coperta

giovedì, 30 luglio 2020, 11:44

di clara mei

Non c'è pace a San Concordio dove l'amministrazione comunale sembra aver ingaggiato una vera e propria guerra con i residenti: ma non era dalla parte della gente, una volta, la Sinistra?

Anche con queste risposte alla interrogazione consiliare di Bindocci (anche di Di Vito e Barsanti) sulla Piazza Coperta l’amministrazione comunale purtroppo non si smentisce e continua a dire solo mezze verità, che se da una parte indorano la pillola, dall’altra non fanno altro che accrescere la grande mistificazione che grava attorno al progetto della Piazza Coperta, nel tentativo di farlo passare per qualcosa di diverso da quello che è veramente. 

Per quanto concerne l’altezza, il Comune non dice che la Piazza Coperta, elevata sopra uno zoccolo, sarà alta effettivamente 16metri e 25 cm, e considera solo 14 metri perché vi toglie “la soletta” di 80 cm che viene stesa su tutta la platea per impedire il sollevamento del piano interrato per la sottospinta della falda, lo “zoccolo” e l’alto “volume tecnico” che si troverà sulla tettoia; siccome l’altezza della Piazza Coperta, secondo le norme del R.U. , “deve essere coerente con l’intorno” e gli edifici d’intorno sono tutti molto più bassi -il più alto è m.11,90-, va a prendere l’altezza di 22 metri della ciminiera della Filanda Viani e ipotizza che alla ex Lenzi si possa in futuro costruire fino a m.16,50, altezze che oggi alla ex Lenzi non ci sono neanche lontanamente, oppure arriva a prendere l'altezza degli alti palazzi della circonvallazione oltre la ferrovia, che si trovano addirittura in una altra UTOE ed è una bella forzatura pensare che possano costituire “l’intorno” dell’area Gesam. 

Per quanto concerne i volumi, il volume della Piazza coperta è enormemente più grande di quello dello Steccone, che aveva una base di 680 mq e raggiungeva una altezza massima di m.13,50 mentre la tettoia della Piazza Coperta occupa una superficie di 1.494 mq e si eleva per una altezza di m. 16.25. Solo che questo volume non viene conteggiato, è come non esistesse, perché il Comune ha approvato una norma del regolamento urbanistico che dice che per le “tettoie pubbliche aperte su tre lati” il volume “non conta”. 

Quindi, se da un posto di vista formale le risposte del Comune su altezza e volume sembrano corrette, in realtà esse non forniscono minimamente l’idea del grande impatto che avrà la nuova costruzione. 

Il sopralluogo con la Soprintendenza “effettuato a suo tempo”, sembra sia stato fatto chissà quando, visto che il progetto è stato definitivamente approvato nel febbraio del 2019, uno si immagina che la valutazione della Soprintendenza sia stata fatta in una fase preliminare, prima della approvazione definitiva, no? Niente affatto, il sopralluogo è stato effettuato il 24 febbraio 2020, quando l’appalto dei lavori era già stato aggiudicato da tre mesi. Sopralluogo che non sarebbe neanche mai avvenuto, se non fosse stato per un esposto alla Soprintendenza degli “amici del porto della Formica”, che ha costretto le istituzioni ad andare a vedere lo stato di ammaloramento dei reperti presenti nelle due aree archeologiche interne al cantiere. Fino ad allora, per l’esattezza fino all’aprile del 2020, il progetto non era mai stato trasmesso alla Soprintendenza, che non l’aveva mai nemmeno visto. Il Comune dice poi che “ci sarà continuamente un archeologo a sorvegliare i lavori”, ma non dice che alla fine della fiera i reperti portati alla luce nel 2009 verranno tutti reinterrati, e lo saranno per sempre, perché è del tutto inverosimile che, “in un eventuale futuro”, qualcuno si prenda la briga di smantellare l’unica strada carrabile di accesso alla Piazza Coperta per riportare alla luce la darsena con le bitte o le cinque fornaci affiancate del primo impianto del gasometro, che vi resteranno seppelliti sotto. Non avrebbe infatti più alcun senso un domani riportarli alla luce, perché si sarà perso, con la costruzione della Piazza Coperta, qualsiasi riconoscibilità del sito dell’antico Porto. 

Il massimo della mistificazione questa risposta del Comune lo raggiunge quando parla della “partecipazione e coinvolgimento dei cittadini” e fa l’elenco degli incontri: meno quelli del 2016, tutti gli incontri di questo elenco si sono svolti quando i progetti erano già stati trasmessi a Roma e quindi immodificabili, se non in aspetti del tutto marginali, pena la perdita del finanziamento. In tutti questi incontri il Comune si è limitato ad illustrare i progetti , non ha fatto partecipazione, non ha ascoltato i cittadini, sono stati incontri all’insegna del “così è se vi pare, e se non vi pare, fatevelo piacere perché non si può modificare”. I momenti pubblici promossi dal Comune sono stati pochissimi, nell’elenco ci sono più che altro le date degli incontri a porte chiuse chiesti dai comitati, nel vano tentativo di ottenere delle modifiche, alle quali il Comune ha risposto invariabilmente “picche”. Ci sono state solo due assemblee pubbliche sui Quartieri Social a S.Concordio, entrambe nel 2018, quando i progetti erano già immodificabili, e la Piazza Coperta non è nemmeno stata presentata, furono illustrati solo i progetti per le aree verdi e le piste ciclabili, perché della Piazza coperta “si sarebbe parlato solo dopo la Variante che faremo a settembre”, per poi ovviamente arrivare alla definitiva approvazione del febbraio 2019 senza parlarne più.

La risposta del Comune alla interrogazione consiliare di Bindocci e della minoranza, è una risposta formale, che su altezza, volume, reperti e partecipazione dice mezze verità e non fa capire di che cosa veramente si parla, di come la Piazza Coperta sarà e che tremendo impatto avrà sul territorio. I comitati sperano ancora invece in una soluzione tipo Piuss, con una importante modifica del progetto ed una ricontrattazione con la ditta vincitrice dell’appalto affidandole lavori diversi nella stessa area Gesam, per ridimensionare conflitti e penali.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 5 agosto 2020, 14:58

Evitare la nicotina grazie alla sigaretta elettronica

Fumare sigarette e consumare i derivati del tabacco potrebbe diventare qualcosa che appartiene solo al passato ma che si perpetua tutt’ora a causa della dipendenza da nicotina; oggi fumare assume un nuovo significato a causa della responsabilità di cui si è consapevoli e dalla quale non ci si può sottrarre


mercoledì, 5 agosto 2020, 12:56

Picchi: "La poca credibilità del candidato Marchetti"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di Liano Picchi, ambientalista, in risposta al consigliere regionale di Forza Italia ed ex sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 5 agosto 2020, 12:56

"La Piana di Lucca respira veleni e non succede niente"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta sullo stato della slute della gente che abita la Piana al di là di ogni valutazione di carattere economico o ambientale


mercoledì, 5 agosto 2020, 08:48

"Raccolta differenziata sì, ma nel rispetto di una città ricca di storia e di arte"

Una lettera e alcune foto con cui un lettore segnala situazioni non proprio edificanti. Oltre ai rifiuti, infatti, basta guardare le erbacce sul sagrato della chiesa: una vergogna. Scommettiamo che se diventasse una moschea sarebbe in tutt'altro stato?


martedì, 4 agosto 2020, 20:45

"Voglio morire"

Ma che ha questa amministrazione comunale? Quali pensieri albergano nella testa di chi firma interventi? Quale misteriosa spinta la induce a deturpare la nostra città (meravigliosa Lucca!) con il continuo taglio di alberi?


martedì, 4 agosto 2020, 19:45

Covid, qualcosa di strano sta accadendo: una grande presa per il culo

Qualcosa di strano sta accadendo, almeno in Versilia. Dai primi di giugno, complice anche la stagione metereologica eccezionale e la scarsità di contante nelle tasche degli italiani, le spiagge da Torre del Lago al Cinquale si sono riempite sempre più ad ogni week-end