Anno 7°

mercoledì, 5 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

Lucca prima città a misura di uomo e animale? Partono le polemiche sulla carrozza trainata dal cavallo

mercoledì, 8 luglio 2020, 19:11

di paola re

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da una cittadina di Tortona in provincia di Alessandria a proposito della nostra città indicata come la prima a misura d'uomo e di animale:

Gentili signore e signori,

ho appreso dai mezzi di informazione http://www.youanimal.it/lucca-sara-la-prima-citta-a-misura-di-uomo-e-animale/ che «Lucca sarà la prima città a misura di uomo e animale. (...)Quasi un milione, più precisamente 927.295 euro, saranno destinati, a Lucca, all'ambiente e agli animali.

L'amministrazione comunale ha ottenuto un importante finanziamento europeo che renderà la città più smart, valorizzando il rapporto fra uomo e animale. La Giunta comunale ha dato il via libera al progetto In-Habit, finanziato per intero dalla Commissione europea, di cui è capofila l'Università di Cordoba. Lucca è l'unico partner italiano, insieme ad altri 22 soggetti. Con il Comune di Lucca, prenderanno parte al progetto Lucca Crea e l'Università di Pisa. (...)

A Lucca, in particolare, il progetto verterà sul rapporto uomo-animali e si concretizzerà con azioni che la candideranno a diventare la prima Hum-An Smart City in Europa. "Lucca sarà la prima città europea che realizza concretamente un nuovo modo di fruire gli spazi e l'ambiente, più a misura di uomo, ma anche di animale, che con l'uomo vive a stretto contatto", dichiara il sindaco Alessandro Tambellini che aggiunge: "Questo finanziamento di quasi un milione di euro ci consentirà di attivare interventi che vanno nella direzione di ripensare la nostra città, gli spazi pubblici del futuro. Un tema divenuto imprescindibile soprattutto dopo l'emergenza sanitaria legata al Covid-19 e che ci impegnerà negli anni a venire".

Per il Comune di Lucca saranno attivati numerosi interventi. Tra questi, la creazione di infrastrutture 'naturali', come per esempio gli spazi verdi degli spalti delle mura, che potranno diventare aree verdi smart e facilitare le interazioni innovative tra uomo e animali con percorsi verdi e giardini 'terapeutici'. E ancora: interventi per rendere accessibili agli animali i luoghi di lavoro, gli edifici pubblici e il trasporto pubblico; iniziative per attivare pet-therapy negli spazi pubblici e nei luoghi di vita collettiva frequentati dagli anziani. (...)»

La notizia è incoraggiante e mi è arrivata lo stesso giorno in cui un amico mi ha inviato la foto allegata scattata pochi giorni fa proprio a Lucca: un pessimo esempio di rapporto uomo animale.

Le carrozze e le botticelle in uso in parecchi luoghi appaiono un'attrattiva turistica pittoresca e affascinante: sono considerate "veicoli" e c'è persino chi li elogia perché non inquinano ignorando però la sofferenza che li muove, quella degli animali, che pagano il prezzo più oneroso di questo "servizio".

Spesso sono animali che, dopo una vita di attività agonistica, vengono destinati a concludere la "carriera" in questo modo, pensando di concedere loro un sollievo. Come dire... vuoi morire subito in un mattatoio o fare qualche passeggiata urbana in attesa di sfiancarti completamente?

Se un animale "da macello" viene risparmiato per diventare "da carrozza", gli viene salvata la vita ma non la dignità e sarà comunque privato della libertà; l'idea di addestrare e domare gli animali per farli lavorare è un'idea di dominio sempre più difficile accettare. Cavalli, asini, muli, bardotti sono alcuni di quegli animali sfruttati finché si può: vengono dati loro compiti da svolgere a seconda della razza, della corporatura, dell'età e fino all'ultimo istante di vita devono lavorare a servizio degli esseri umani o, peggio, per il loro divertimento.

La carrozza trainata da animali è certamente un mezzo di trasporto d'altri tempi che può esercitare fascino come lo esercitano certi usi e costumi del passato ma qui si tratta di un'ostinata copiatura di un'usanza purtroppo tanto necessaria in passato, quando certi animali erano considerati un mezzo di trasporto, quanto superflua oggi. Per molti secoli sono stati tramandati usi che, proprio per necessità, hanno volutamente ignorato la scarsa conoscenza delle caratteristiche etologiche della specie equina procurando sofferenze oggi evitabili. Il desiderio dell'essere umano di un ritorno al passato non vale la salute e la vita di alcun animale.

Non so se sia più grave legittimare questo trasporto, fare il cocchiere o farsi trasportare: sono tre situazioni che nel terzo millennio non hanno più ragione di esistere. Questo mezzo di trasporto è retrogrado, oltre che frutto di un pensiero antropocentrico e specista. E' doveroso porsi interrogativi sulla legittimità di questa attività che vede animali ridotti a schiavi, stimolati da briglie e frusta, spesso strattonati da chi li guida. Le temperature elevate della stagione estiva peggiorano la situazione.

Purtroppo le norme a tutela degli animali, già di per sé carenti, vengono spesso disattese, avallando comportamenti lesivi. La Legge 189/2004 "Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate" dovrebbe essere applicata anche al trasporto delle carrozze. Certi regolamenti comunali pongono limiti sull'uso delle carrozze in base alla temperatura atmosferica ma non è certo questo il punto di arrivo. Bisogna abolire tale forma di schiavitù, dando un importante segnale di civiltà. Inoltre, vedere animali stramazzati al suolo, sfiniti dal lavoro a cui sono sottoposti, oltre a essere un esempio di crudeltà nei confronti degli animali, è un pessima carta di identità per una città turistica.
Gli animali non sono mezzi di trasporto ma esseri senzienti col diritto di camminare e correre a piacimento in spazi consoni a soddisfare le proprie esigenze etologiche.Per quel che mi riguarda, prima di recarmi in qualsiasi città come turista, mi informo se ci siano animali che trainano carrozze: in quel caso, scelgo di non andare.

Milan Kundera, nel suo libro "L'insostenibile leggerezza dell'essere" (Adelphi edizioni, Milano, III edizione, 1990, pag. 294) riporta un noto episodio che riguarda Friedrich Nietzsche. «Nietzsche esce dal suo albergo a Torino. Vede davanti a sé un cavallo e un cocchiere che lo colpisce con la frusta. Nietzsche si avvicina al cavallo e, sotto gli occhi del cocchiere, gli abbraccia il collo e scoppia in pianto. Ciò avveniva nel 1889 (...) Nietzsche era andato a chiedere perdono al cavallo (...)»

Si dice che fu questo episodio a segnare l'inizio della pazzia del filosofo ma abbracciare uno schiavo con un ferro in bocca e un peso da trasportare è segno di empatia, non di pazzia.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

auditerigi

tuscania

il casone

toscano

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


mercoledì, 5 agosto 2020, 14:58

Evitare la nicotina grazie alla sigaretta elettronica

Fumare sigarette e consumare i derivati del tabacco potrebbe diventare qualcosa che appartiene solo al passato ma che si perpetua tutt’ora a causa della dipendenza da nicotina; oggi fumare assume un nuovo significato a causa della responsabilità di cui si è consapevoli e dalla quale non ci si può sottrarre


mercoledì, 5 agosto 2020, 12:56

Picchi: "La poca credibilità del candidato Marchetti"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di Liano Picchi, ambientalista, in risposta al consigliere regionale di Forza Italia ed ex sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 5 agosto 2020, 12:56

"La Piana di Lucca respira veleni e non succede niente"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta sullo stato della slute della gente che abita la Piana al di là di ogni valutazione di carattere economico o ambientale


mercoledì, 5 agosto 2020, 08:48

"Raccolta differenziata sì, ma nel rispetto di una città ricca di storia e di arte"

Una lettera e alcune foto con cui un lettore segnala situazioni non proprio edificanti. Oltre ai rifiuti, infatti, basta guardare le erbacce sul sagrato della chiesa: una vergogna. Scommettiamo che se diventasse una moschea sarebbe in tutt'altro stato?


martedì, 4 agosto 2020, 20:45

"Voglio morire"

Ma che ha questa amministrazione comunale? Quali pensieri albergano nella testa di chi firma interventi? Quale misteriosa spinta la induce a deturpare la nostra città (meravigliosa Lucca!) con il continuo taglio di alberi?


martedì, 4 agosto 2020, 19:45

Covid, qualcosa di strano sta accadendo: una grande presa per il culo

Qualcosa di strano sta accadendo, almeno in Versilia. Dai primi di giugno, complice anche la stagione metereologica eccezionale e la scarsità di contante nelle tasche degli italiani, le spiagge da Torre del Lago al Cinquale si sono riempite sempre più ad ogni week-end